Home Bambino Psicologia

Bambini e abbracci: i benefici

di Luisa Perego - 20.01.2023 - Scrivici

abbraccio
Fonte: shutterstock
Bambini e abbracci: quali sono i benefici? Un abbraccio fa bene all'umore, riduce l'ansia, facilita il bonding mamma-bebè e attenua il dolore

In questo articolo

Il potere degli abbracci nei bambini

Il potere degli abbracci per i bambini? Gli abbracci sono un vero toccasana: scacciano l'ansia e il dolore e sono fonti di benessere. A dirlo è la scienza. In occasione della Giornata mondiale dell'abbraccio che ricorre sabato 21 gennaio, l'approfondimento della Società Italiana di Pediatria.

I benefici degli abbracci

Che potere ha un abbraccio?

  • Migliora l'umore, apportando una sensazione di benessere e felicità correlata al rilascio di serotonina.
  • Attenua l'ansia, grazie alla produzione di ossitocina.
  • Aumenta l'autostima.
  • Secondo alcuni studi che hanno formulato questa ipotesi, sembrerebbe ridurre persino la suscettibilità alle infezioni delle alte vie aree, intervenendo su quei fattori di stress che influenzano la risposta immunitaria.

È questo l'incredibile e non scontato potere di un gesto semplice quanto importante, l'abbraccio. A fare il punto in occasione della Giornata mondiale dell'abbraccio che si celebra domani, sabato 21 gennaio, è la Società Italiana di Pediatria (Sip), che in un approfondimento ha esaminato la letteratura scientifica sui benefici, a partire dalla più tenera età.

Dai primi mesi di vita all'età evolutiva, l'abbraccio dona benessere al corpo e alla mente.

Il contatto pelle a pelle nel neonato

"Partendo dai primi mesi di vita, numerosissimi studi hanno indagato in tutto il mondo in anni recenti il vantaggio del contatto pelle a pelle e dell'abbraccio fra madre e figlio nel delicato ambito ospedaliero, la cosiddetta Kangaroo mother care - spiega la dottoressa Sara Sollai, Consigliere Nazionale SIP -. Questo approccio, analizzato per la prima volta a partire dalla metà degli anni '70, ha cambiato significativamente la gestione e la cura dei neonati sani e a rischio (ricoverati terapia intensiva neonatale, prematuri o con basso peso alla nascita), dimostrando riduzione di mortalità e morbilità nei piccoli, effetti significativi sulla stabilizzazione clinica, riduzione dello stress e del dolore durante gli esami o le procedure mediche ed infermieristiche sul neonato.

Il contatto fisico favorisce inoltre il passaggio precoce e una maggiore durata dell'allattamento al seno.  

Facilita il bonding

A tutto questo si affianca un incremento dell'attaccamento madre-figlio e la riduzione dello stress materno, cosa che suggerisce che la Kangaroo mother care sembra rappresentare uno degli interventi di cura più efficace".

L'abbraccio nei primi anni di vita

Anche in età evolutiva gli effetti positivi proseguono, in particolar modo nei primi anni di vita. "Un ritardo nello sviluppo si osserva spesso nei bambini che ricevono una stimolazione sensoriale inadeguata - prosegue Sollai - . Ad esempio, studi condotti in bambini orfani istituzionalizzati hanno mostrato una compromissione della crescita e dello sviluppo cognitivo, un'elevata incidenza di infezioni gravi e disturbi dell'attaccamento. Numerosi studi sottolineano l'importanza del tatto e dell'abbraccio nello sviluppo psicofisico del bambino".

Riduce il dolore

Anche quando si tratta di visite o procedure mediche un abbraccio aiuta a ridurre il dolore dei neonati e lattanti, come conferma un recente studio condotto in Iran su 120 bimbi fra 2 e 6 mesi di vita sottoposti a prelievo ematico. Secondo lo studio in coloro che venivano abbracciati dalla madre vi era una riduzione del dolore complessivo correlato alla procedura, analizzando i parametri vitali, il pianto e la durata del disagio.

Una giornata dedicata a bambini e genitori

"In questa fase di allentamento delle misure di distanziamento sociale correlate alla pandemia ci è sembrato importante ricordare i benefici dell'abbraccio, dedicando questa giornata a tutte le mamme e i papà e i loro bambini - conclude la Presidente della Società Italiana di Pediatria, la professoressa Annamaria Staiano - . Speriamo che soffermarsi a pensare quanto valga questo gesto, per la mente e il corpo specie nei più piccoli, faccia venire voglia di abbracciarsi un po' di più".

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli