Home Bambino Psicologia

2 anni e... capricci! Sopravvivere ai "terrible twos"

di Luisa Perego - 28.09.2021 - Scrivici

2-anni-capricci-terrible-two
Fonte: shutterstock
2 anni capricci terrible two: cosa fare per sopravvivere ai "terribili due anni"? Ecco qualche trucco per superare questa fase con serenità

2 anni capricci terrible two

Il tuo bambino fa il diavolo a quattro per indossare le scarpe che ormai non gli stanno più? Oppure davanti alla vetrina del pasticcere inizia a piangere disperato per una fetta di torta al cioccolato? Fa i capricci e la frase che dice più spesso è: "Ma io voglio..."? Ecco, il tuo bambino potrebbe essere entrato nella fase chamata "terribili due", i "terrible twos".

In questo articolo

Gli aspetti positivi dei 2 anni

  • Il bambino sta sviluppando la consapevolezza di se stesso. Ed è del tutto convinto delle sue idee (sì, anche di salire sul muretto o di volere quella caramella). Iniziativa, grande personalità e forza: chi non vorrebbe queste caratteristiche per il proprio figlio?

  • Il tuo bimbo non vuole farti arrabbiare! E' solo un po' deluso e arrabbiato perché non tutto funziona come la sua testolina vorrebbe...

Cosa fare?

Ovvio, non si può lasciare il bambino completamente senza briglie. Ma non si può neppure continuare a dirgli: "No, no, no". Bisogna dargli la possibilità di fare i propri errori e le proprie esperienze quando è possibile (camminare da solo sul muretto), vietando ciò che non si può fare (andare dal panettiere indossando i pantaloni di papà) o è pericoloso per lui.

Ricevere sempre e solo un no a tutto quello che vuole fare, può abbassare l'autostima del tuo bambino. E poi, cara mamma, spesso siamo proprio noi genitori a trasferire le paure ai nostri figli. Vediamo solo ciò che potrebbe accadere e non ciò che il bambino può in effetti già fare.

Prevedere i capricci

Un trucco per evitare i pericoli o i continui capricci del bambino? Prevederli. Sai già che al banco dei dolciumi del supermercato farà scenate per le caramelle? Allora, fai una piccola deviazione e passa per il reparto dei detersivi. Quando è possibile e se è possibile, fai le grandi spese senza il bambino. In casa, togli o metti in sicurezza tutto ciò che non dovrebbe cadere nelle mani di un bambino di due anni. E poi, istituisci delle "regole familiari" ("non si tagliano o mordono le altre persone", "bisogna almeno provare il cibo che si ha nel piatto", ecc.).

Mantieni la calma

Facile a dirsi. Ma urlare a agitarsi non serve: il bambino si agiterà ancora di più. Ricorda che per i piccoli non è facile ricomporsi. E ogni genitore ha il suo trucco per far tornare la calma in casa:

  • fare un bel respiro e contare fino a 20
  • distrarre il bambino cantando ad alta voce
  • uscire dalla stanza per poco tempo

Alcuni bimbi si calmano quando vengono abbracciati, mostrando comprensione per la loro rabbia. Altri preferiscono stare da soli: toccarli li rende ancora più selvaggi.

E in pubblico?

Occorre stringere i denti e mantenere la calma. Non bisogna infuriarsi, ma neppure ignorare del tutto il bambino. Magari puoi parlare con calma al bimbo, anche se lui sta urlando a squarciagola. Chiedere scusa a chi sta intorno e, se necessario, lasciare il negozio o l'autobus.

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli