Home Bambino Psicologia

Scuola e Covid, come favorire concentrazione e serenità nei bambini

di Sveva Galassi - 30.12.2021 - Scrivici

scuola-e-covid
Fonte: Shutterstock
Ecco 8 suggerimenti dell'Unicef utili per favorire concentrazione e serenità nei bambini a scuola nell'epoca del Covid. Ecco quali sono.

La pandemia causata dal Covid-19 ha cambiato anche le abitudini dei bambini e il loro approccio alla scuola. Alcuni tra i più piccoli hanno affrontato bene le restrizioni e la chiusura delle scuole. Per altri, invece, è stato ed è difficile far fronte a tutti i cambiamenti e all'incertezza.

Inoltre, alcuni bambini sono tornati a scuola dopo aver sperimentato stress, ansia, isolamento e dolore, mentre altri potrebbero aver subito bullismo o pressioni/violenze domestiche.

Non soltanto i genitori, ma anche gli insegnanti e il personale scolastico scuola sono fondamentali nel sostenere l'apprendimento dei piccoli in aula, in particolare dopo lunghi periodi di chiusura della scuola.

L'Unicef ha elaborato 8 suggerimenti utili affinché i bambini possano ritrovare la concentrazione e la serenità a scuola. Ecco quali sono.

In questo articolo

1. Ascoltate le preoccupazioni dei bambini

Il Covid-19 e la chiusura delle scuole hanno avuto un forte impatto sulla salute mentale e sul benessere di molti bambini e adolescenti. È essenziale ascoltare le preoccupazioni degli alunni e dimostrare comprensione ed empatia.

È opportuno offrire loro l'opportunità di avere una conversazione "a tu per tu" con voi per discutere anche di eventuali dubbi che potrebbero essere sorti durante i periodi di chiusura delle scuole. Se un bambino condivide qualche informazione che è particolarmente preoccupante, è necessario che educatori e insegnanti mettano in atto i sistemi di protezione o di tutela dei bambini previsti dalla legge.

2. Verificate sempre come si sentono

Prima di insegnare nuovi contenuti agli studenti, gli insegnanti e il personale scolastico dovrebbero impiegare del tempo per controllare come si sentono i bambini.

Ricordate che, dopo le chiusure scolastiche, i bambini potrebbero avere difficoltà a concentrarsi o potrebbero aver bisogno di più tempo per tornare alla routine dell'apprendimento. Offrite loro l'opportunità di prendere delle pause, di muoversi e di riconnettersi con amici e coetanei.

3. Fornite ai bambini informazioni accurate sul Covid-19

É possibile che i bambini abbiano pensieri e confusione e che pongano domande varie sul Covid-19. I più piccoli hanno bisogno di informazioni concrete. Utilizzate le risorse a misura di bambino e adatte all'età disponibili nel vostro Paese basate su prove scientifiche per rispondere in modo accurato alle domande dei bambini sul virus.

Sebbene sia importante riconoscere la portata di ciò che sta accadendo a livello globale, assicuratevi di sottolineare tutti gli sforzi compiuti e le precauzioni prese per ridurre i rischi nelle scuole. Non dimenticate di ricordare ai bambini i protocolli di sicurezza scolastici, compreso cosa fare se è rilevato un caso di Covid-19 in classe.

4. Create un ambiente di studio accogliente e sereno

Coinvolgete i bambini nel far diventare l'ambiente (la classe o la camera dove studia) uno spazio accogliente, sicuro e confortevole. Assicuratevi di rispettare le procedure di sicurezza e di utilizzare le risorse materiali disponibili.

I bambini possono offrire suggerimenti, contribuendo a decorare le pareti della classe con messaggi colorati e accoglienti e lavorando in piccoli gruppi in modo da sostenersi a vicenda per recuperare il ritardo nell'apprendimento.

Fate sapere loro che essere solidali l'uno con l'altro li aiuterà a superare tutto questo insieme. Ricordatevi di lodare i bambini per i loro contributi e sforzi.

Gli insegnanti possono promuovere sentimenti di sicurezza e protezione, interagendo e sviluppando relazioni positive con ogni studente e utilizzando routine durante il giorno per aiutarli a sentirsi al sicuro.

5. Fate attenzione ai cambiamenti nel comportamento del bambino

È importante fare attenzione a qualsiasi cambiamento del comportamento del bambino che interferisce con la sua capacità di esplorare, giocare e imparare: è un segnale di avvertimento. 

Se notate cambiamenti significativi nel comportamento di un bambino e questo persiste nel tempo, impedendogli di vivere come prima o di giocare, seguite il protocollo della scuola e/o cercate ulteriore supporto e guida.

Gli insegnanti possono fornire molto supporto se pensano che un bambino stia affrontando un momento difficile. Tuttavia, dovreste cercare ulteriore supporto e indirizzare i bambini a servizi di protezione dell'infanzia, medici di base o professionisti della salute mentale se ritenete che abbiano bisogno di aiuto.

Continuate a fornire supporto per l'apprendimento e adottate un ritmo più lento se un bambino ha difficoltà a imparare o concentrarsi.

6. Incoraggiate il gioco e lo sport al fine di promuovere l'interazione

Durante le varie quarantene e il primo lockdown i bambini non hanno potuto o possono utilizzare campi da gioco o altri spazi pubblici per giocare e interagire con i loro coetanei.

Assicuratevi che quando sono a scuola abbiano molte opportunità di socializzare, giocare e interagire - in linea con i protocolli di sicurezza della scuola - con i coetanei con cui hanno perso i contatti per così tanto tempo.

7. Siate da esempio per i bambini: mostratevi calmi e onesti

Gli insegnanti (e non solo i genitori) possono essere modelli positivi per i loro studenti. I bambini vi guarderanno e impareranno dalle abilità che usate quotidianamente per affrontare le situazioni stressanti. Siate calmi, onesti e premurosi e dimostrate un atteggiamento positivo nei confronti dei bambini.

8. Abbiate cura di voi stessi e prendete consapevolezza dei vostri limiti

Fare i genitori può essere stancante. Anche l'insegnamento può essere una professione estremamente stressante, soprattutto ora.

Assicuratevi di tutelare la vostra salute fisica e mentale (ad esempio, mantenete sane abitudini alimentari e di sonno, riposate, fate esercizio, restate in contatto con amici, familiari e colleghi). Ricordatevi di cercare supporto se vi accorgete di provare significativi sentimenti di angoscia.

Fonti 

www.unicef.org

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli