Home Bambino Psicologia

Le tendenze pericolose su TikTok a cui fare attenzione

di Niccolò De Rosa - 07.06.2022 - Scrivici

le-tendenze-pericolose-su-tik-tok-a-cui-fare-attenzione
Fonte: Shutterstock
Sfide social per giovani a caccia di like ma che rappresentano un vero rischio per la salute: quali sono le tendenze pericolose su TikTok?

Benché sia nato come il "social dei balletti", TikTok è ormai un colossale crogiolo di contenuti si può trovare un po' di tutto, dalle recensioni dei libri ai consigli per passare un colloquio di lavoro. Tuttavia, in questo mare zeppo di divertimento e spunti interessanti, si cela anche una zona oscura decisamente inquietante, fatta di sfide ai limiti della stupidità, giochi pericolosi e trovate disgustose per racimolare qualche like in più. E quando simili contenuti diventano tendenze, allora è meglio dirzzare bene le antenne e monitorare la situazione...

In questo articolo

Cosa sono le challenge su TikTok?

Le challenge non nascono certo con TikTok, ma trovano terreno fertile in tutti i social network, poiché è proprio la loro viralità a renderle un tormentone. Una challenge è infatti una sfida che incoraggia gli utenti a sottoporsi ad una certa prova, filmarsi mentre la si esegue, e poi postarla sui propri profili. Insomma, si tratta di un gioco condiviso che può diventare una vera tendenza, poiché seguendo il più classico meccanismo della Rete, più la sfida diventa virale, più si è invogliati a partecipare.

La maggior parte delle challenge sono assolutamente innocue e divertenti, anzi, talvolta hanno anche un fine benefico. Vi ricordate l'Ice Bucket Challenge di qualche anno fa in cui tantissimi VIP e utenti comuni si gettavano in testa una secchiata d'acqua ghiacciata per stimolare le donazioni per la ricerca scientifica conto la sclerosi laterale amiotrofica (SLA)?

Eppure, tra le tante trovate goliardiche, talvolta s'insinuano nell'algoritmo delle tendenze pericolose che, facendo leva sull'esibizionsimo e il desiderio di affermazione dei più giovani, spingono i ragazzi a compiere gesti incoscienti e decisamente rischiosi per la salute.

Quali sono le challenge più pericolose?

Le tendenze più pericolose di TikTok non riguardano soltano l'incitamento a comportamenti rischiosi per la salute, ma anche l'istigazione ad atteggiamenti potenzialmente lesivi per la propria dignità e reputazione. Ecco le più diffuse.

Fire challenge

È una delle tendenze più recenti e virali, che qualche mese fa ha portato un quattordicenne aretino a procurarsi gravi ustioni su tutto il corpo. Si tratta di una prova che consiste nel dare fuoco ad un oggetto o incendiare un getto di liquido infiammabile per poi mostrare il proprio "coraggio" giocando con le fiamme. 

Skullbreaker

Un triste "classico" delle sfide social, esploso nel 2020 e che ancora oggi trova spazio tra gli utenti più incoscienti di TikTok. Lo skullbreaker (un nome, un programma: "spaccacranio") prevde la presenza di tre persone: con la scusa si prova un balletto tutti insieme e poi due dei partecipanti, complici tra loro, fanno uno sgambetto al terzo. Può sembrare una goliardata, ma tanti ragazzi sono finiti all'ospedale perchè la caduta, accentuata dal balzo "strozzato" dallo sgambetto", non dà tempo al malcapitato di proteggersi ed il rischio che si sbatta la testa è molto alto.

Blackout challenge

Un nuovo preoccupante trend ma che da qualche mese sta prendendo piede, soprattutto all'estero. In questa challenge ci si deve collegare in live streaming e poi trattenere il respiro fino a perdere conoscenza (da qui il black out). A inizio 2022 un bambino di 10 anni ha perso la vita proprio a causa di questo gioco perverso. Un fatto gravissimo, tanto da spingere TikTok a imporre l'obbligo di verifica dell'età a tutti i suoi utenti.

Train Surfing challenge

Uno dei trend più pericolosi.Consiste nel salire su un tetto di un treno (anche se ci sono le varianti con furgoni e automobili) e cercare di rimanere in piedi, in equilibrio, dopo la partenza. Il rischio, oltre e quello di cadere sui binari è anche quello di rimanere folgorati dai cavi dell'alta tensione presenti sul mezzo, come accaduto ad un diciasettenne di Pisa.

Penny challenge

Una prova rischiosa tra le mura domestiche. La Penny challenge prevede infatti l'inserimento della caricatore del cellulare in una presa di corrente - non spingendolo però fino in fondo - per poi far cadere sugli spinotti una moneta con l'intento di far scaturire scintille o, meglio ancora, una fiammata acchiappa-like. Questa sfida è stata oggetto di un piccolo scandalo che nel dicembre 2021 ha coinvolto niente meno che Amazon: chiedendo ad Alexa una challenge per divertirsi, infatti, l'assistente vocale di Amazon proponeva proprio la Penny Challenge! Per fortuna il colosso americano ha subito modificato l'algoritmo in modo da escludere i giochi pericolosi dalla ricerca.

Silhouette challenge

Questa challenge non sembra pericolosa di per sè, tanto da essere la più virale e comune tra quelle presenti in questo elenco, ma nasconde delle insidie. La sfida infatti prevede il corso ad un filtro di Snapchat - un'altro social molto diffuso tra i ragazzi, che permette di ripostare il contenuto anche su TiktOk - per evidenziare la forma del corpo in controluce ed ottenere un effetto seducente. Il rischio risiede nel fatto che ormai esistono diversi modi per rimuovere il filtro e mostrare l'immagine completa del corpo (spesso femminile). Ciò rappresenta un problema di privacy e tutela della propria intimità, soprattutto perché tante ragazze posano in déshabillé per rendere ancora più d'impatto il contrasto vedo-non vedo.

BME Pain Olympics

La sfida di sopportazione del dolore che prevede le forme più disparate di resistenza, molte delle quali sfociano inevitabilmente nell'autolesionismo: tagli sul corpo, trasporto di carichi dal peso eccessivo, ingestione di cibi super-piccanti o disgustosi ecc... Insomma, un nutrito catalogo di modi per farsi male in favore di telecamera. A differenza della challenge precedente, questa interssa molto di più l'utenza maschile.

Come aiutare i ragazzi ad usare i social in modo sicuro?

La prima cosa da fare - anzi, da ricordare - è la necessità di non demonizzare il mezzo social tout court. TikTok, Instagram e simili non sono il male assoluto e impedire ai ragazzi di utilizzarli non solo sarebbe infattibile, ma addirittura controproducente. Molto meglio, invece, dotare i giovani dei giusti strumenti per un utilizzo consapevole, spiegando loro come i social non siano lo specchio fedele della realtà e che non tuttio ciò che viene propinato dal Web va fruito con leggerezza.

Inoltre, per monitorare sulla navigazione dei propri figli, soprattutti quando sono ancora relativamente piccoli, può essere molto utile prendere dei semplici accorgimenti:

  • Stabilire regole sull'uso dei social (es: tempo massimo da dedicare a TikTok ogni giorno)
  • Chiedere al ragazzo o alla ragazza di impostare un profilo privato (dunque con contenuti visibili solo agli amici e i follower che si conoscono)
  • Creare a nostra volta un profilo TikTok e collegarlo a quello dei ragazzi per utilizzare i sistemi di parental control. Questo è utile anche per sapere cosa circola sul social e mantenere uno sguardo aggiornato e consapevole sui contenuti della piattaforma.
  • Rispettare i limiti d'età imposti dal social (es: per TikTok niente iscrizione fino ai 13 anni)

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli