Home Bambino

Riciclo a scuola: ora studenti (e genitori) ricevono “ecobonus” in cambio dei rifiuti

di Alice Dutto - 09.09.2016 - Scrivici

img_3274.600
Fonte: Press Play
Soldi o coupon da utilizzare per aver fatto correttamente la raccolta differenziata. Un sogno? No, è quello che succede in alcune scuole italiane che hanno adottato i sistemi di riciclo incentivante. 

Assisi, Sassuolo, Modena e Manerba del Garda: è in questi luoghi che alcune scuole hanno deciso di insegnare ai loro studenti l'importanza della raccolta differenziata in un modo diverso e divertente. Lo hanno fatto attraverso dei riciclatori “incentivanti”: in pratica, immettendo nelle macchine bottiglie di plastica, lattine di alluminio, o anche rifiuti elettronici, ricevono in cambio dei coupon da spendere negli esercizi commerciali convenzionati.

Ad Assisi i RAEE

Istituto Comprensivo Assisi 3

Istituto Comprensivo Assisi 2

RAEE box

rifiuti elettronici

obiettivo

ridurre la dispersione

R4

riciclo

Il riciclatore incentivante inserito in alcune scuole italiane


Una volta conferiti i rifiuti, agli studenti verranno erogati degli sconti da utilizzare in alcuni esercizi commerciali aderenti.
L'iniziativa, poi, fa parte del più ampio progetto RAEE@scuola, una sorta di gara tra più istituti in cui a vincere sono quelli che raccolgono più RAEE degli altri. Ecco perché a conferire i dispositivi elettronici sono chiamati anche i genitori! Un modo divertente e innovativo per sensibilizzare e coinvolgere le famiglie aumentando la qualità e la quantità della raccolta.

Bottiglie e lattine a Modena

Istituto Tecnico Industriale Volta di Sassuolo

Istituto di Istruzione Superiore Ferrari di Maranello

ecobonus

parrucchiere

pizzeria



Cash for Trash a Manerba del Garda

All'Istituto Comprensivo della Valtenesi di Manerba del Garda, invece, che raccoglie scuole materne, primarie e secondarie, sono stati attivati i riciclatori che sfruttano la tecnologia “Cash for Trash”, che si basa sull'app 2Pay. Per ogni bottiglia o lattina inserita nell'eco-compattatore, verrà caricato 1 centesimo direttamente sullo smartphone. Così i cittadini virtuosi potranno riempire il loro “portafoglio virtuale” semplicemente buttando dei rifiuti. Il denaro potrà poi essere speso nelle attività commerciali italiane associate al progetto.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli