Home Bambino Salute

Possiamo andare al mare con tosse e raffreddore?

di Francesca De Ruvo - 28.05.2024 - Scrivici

al-mare-con-tosse-e-raffreddore
Fonte: shutterstock
Si può andare al mare con tosse e raffreddore: il mare scioglie il catarro e si può stare al sole con il raffreddore e la tosse? Ecco cosa sapere

In questo articolo

Andare al mare con tosse e raffreddore

"Il raffreddore di mare si cura al mare", recita un vecchio detto popolare. E in effetti è proprio vero che l'aria e l'acqua di mare possono avere un effetto benefico sulla salute delle vie respiratorie di grandi e piccini: fluidificano il muco e aiutano a liberarsene più facilmente. Cosa fare però se il vostro bimbo si ammala proprio prima di partire oppure durante la vacanza? Si può andare al mare con tosse e raffreddore o meglio evitare?

Si può andare a mare se il bambino è ammalato?

Come bisogna comportarsi se il bambino ha la tosse e il raffreddore proprio durante una vacanza al mare: possiamo portarlo in spiaggia oppure no?

"Dipende - risponde il dott. Alberto Ferrando, pediatra di famiglia e Presidente dell'Associazione pediatri liguri - se la tosse e il raffreddore sono insorti da poco bisogna essere molto prudenti, evitando stress termici come bagni al mare ed esposizione al sole. Potrebbe infatti capitare che i sintomi peggiorino nell'arco di 24/72 ore e si presenti la febbre o altre complicazioni". In questi casi, quindi, meglio evitare il mare e tenere il bambino a riposo.

"Se invece il raffreddore o la tosse durano da un po' di tempo, una vacanza al mare potrebbe essere l'ideale per aiutare la guarigione visto che l'aria e l'acqua del mare aiutano a liberarsi più facilmente dal muco. Attenzione, però, bisogna prima contattare il pediatra e sentire il suo parere, soprattutto per evitare di portare in spiaggia un bambino con i sintomi di un'infiammazione ai timpani o di una bronchite".

In ogni caso, deve prevalere sempre il buon senso, cosa che alle mamme manca di rado. Se il bambino è reattivo e si sente tutto sommato bene, può stare in spiaggia a giocare o per fare una passeggiata, cercando di evitare i bagni in mare e gli sbalzi di temperatura che potrebbero incidere negativamente sul decorso della malattia.

In caso di assunzione di antibiotico, invece, è importantissimo verificare l'eventuale fotosensibilità del farmaco per evitare spiacevoli e dolorose sorprese.

Che l'aria marina faccia bene alla salute, soprattutto alle vie respiratorie, non è una novita, la scienza lo dice ormai da moltissimi anni. Grazie alla presenza di iodio, magnesio, potassio, bromo e altri sali minerali, l'aria di mare esercita la funzione di un vero e proprio un aerosol naturale e continuo che purifica le vie aeree e facilita l'eliminazione del muco, sostenendo così anche il sistema immunitario. Proprio perchè l'aria salmastra, soprattutto se di scoglio, favorisce la maturazione di tutte le secrezioni delle prime vie respiratorie, è normale che durante i primi giorni al mare il catarro sembra aumentare! Avendo la pazienza di lasciare che la malattia faccia il suo corso naturale, dopo il primo impatto, i bimbi, ma anche gli adulti, guariscono bene e iniziano a godere dei benefici del mare.

Il mare scioglie il catarro?

L'acqua di mare, così come l'aria, è ricca di sali, e questa sua particolarità la rende un ottimo alleato per la salute nasino. L'acqua del mare funge da detergente naturale che rimuove il muco e, allo stesso tempo, lo "disinfetta". 

Il cloruro di sodio, ovvero il sale di cui il mare è ricco, è infatti un efficace mucolitico perché diluisce il muco in eccesso e stimola il movimento delle ciglia che lo spazzano via, fuori dal nasino del bambino.

Inoltre, proprio per la sua elevata concentrazione di sale, l'acqua di mare può essere considerata anche un blando disinfettante naturale. In pratica, i microrganismi presenti nel naso a contatto con l'acqua salata tendono a svuotarsi di acqua e a "morire" disidratati. Per via di questo meccanismo, le secrezioni nasali dei bimbi (e dei grandi) aumentano anche notevolmente nei primi giorni al mare.

Non preoccupatevi quindi se durante i primi giorni di vacanza il bambino ha il naso che cola di continuo, è l'effetto benefico del mare.

Se il bambino sta bene, quindi, via libera a bagni e nuotate che lo aiuteranno a respirare meglio!

Un mese a mare come ricetta per i malanni invernali

Gli stessi medici consigliano spesso ai genitori di trascorrere con i propri figli periodi in località marittime, in particolare per quei bambini che si ammalano molto facilmente durante l'anno. Sembrerebbe, infatti, che l'esposizione all'aria del mare sia associata a una minor incidenza di problematiche respiratorie nei bambini.

I benefici dell'aria del mare quindi non sono una diceria: lo conferma anche uno studio condotto dallo European Centre for Environment & Human Health insieme al Peninsula College of Medicine and Dentistry dell'Università di Exeter in Gran Bretagna. Gli scienziati, coordinati dal dott. Benedict Wheeler, ricercatore senior presso la Scuola di Medicina dell'ateneo inglese, hanno raccolto le risposte a un questionario su scala nazionale a cui hanno partecipato 48 milioni di britannici e hanno "scoperto" che lo stato di salute di chi vive vicino al mare sembra essere decisamente migliore di quello di chi invece il mare non lo vede quasi mai! 

Anche il sole porta con sé numerosi benefici sia per i bambini che per gli adulti. È proprio il sole, infatti, che stimola e attiva la produzione di vitamina D.

La vitamina D oltre a essere indispensabile per la salute delle ossa, contribuisce a rinforzare il sistema immunitario, aiutando così il corpo a contrastare le infezioni delle alte vie respiratorie.

Attenzione, però, come in tutte le situazioni serve avere un po' di buonsenso. Come consiglia la Società Italiana di Pediatria, è necessario:

  • rispettare gli orari di esposizione al sole, che deve avvenire al mattino e nel pomeriggio evitando le ore più calde tra le 10 e le 16, anche per scongiurare eritemi e colpi di calore;
  • se non si può rientrare a casa, proteggere il bambino nelle ore più calde facondelo stare all'ombra sotto l'ombrellone. Se la temperatura è alta, per via della ridotta capacità di termoregolazione dei bambini, si devono bagnare spesso i capelli e mettere anche il cappellino;
  • utilizzare una protezione solare adeguata da riapplicare ogni due ore e dopo il bagno al mare.

Si può stare al sole con il raffreddore?

Il raffreddore senza altri sintomi non è una controindicazione, ma chiaramente può dare fastidio al bambino, a causa soprattutto dell'irritazione e della lacrimazione eccessiva spesso correlata al raffreddore.

Domande e risposte

Come beneficiare al massimo dell'aria di mare?

Per godere appieno dei benefici dell'aria del mare è preferibile fare una vacanza di almeno 15 giorni. Una buona idea è quella di fare delle lunghe passeggiate quando il sole non scalda troppo perché le passeggiate agiscono da veri e propri mucolitici e antinfiammatori per le vie respiratorie.

Per quali malattie è indicato un soggiorno al mare?

L'aria di mare è benefica per le allergie, l'asma, la sinusite e anche per la convalescenza da raffreddore e tosse.

Fonti

Revisionato da Francesca Capriati

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli