Home Bambino Salute

Asma nei bambini: sintomi, cause e cura

di Penelope Greco - 05.05.2021 - Scrivici

asma-nei-bambini
Fonte: Shutterstock
L'asma nei bambini è una condizione polmonare comune e a lungo termine che richiede una gestione continua. Ecco i sintomi e come curarlo

L'asma è una condizione polmonare comune ea lungo termine che richiede una gestione continua. L'asma provoca sensibilità alle vie aeree, che possono infiammarsi e restringersi con l'esposizione a determinati fattori scatenanti, portando a difficoltà di respirazione.

I sintomi dell'asma iniziano comunemente durante l'infanzia, ma è possibile sviluppare l'asma a qualsiasi età. Questa condizione non può essere curata, ma con un buon piano d'azione, l'asma può essere ben controllato.

In questo articolo

Asma nei bambini: sintomi

I sintomi dell'asma sono diversi da persona a persona e possono andare e venire, ma è possibile avere uno o più dei sintomi seguenti:

Segni e sintomi di asma nei bambini includono:

  • Una tosse che non scompare (che potrebbe essere l'unico sintomo)
  • Colpi di tosse che si verificano spesso, specialmente durante il gioco o l'esercizio fisico, di notte, all'aria fredda o mentre si ride o si piange
  • Una tosse che peggiora dopo un'infezione virale
  • Meno energia durante il gioco e fermarsi per riprendere fiato durante le attività
  • Evitare sport o attività sociali
  • Disturbi del sonno a causa di tosse o problemi respiratori
  • Respirazione rapida
  • Oppressione o dolore al petto
  • Respiro sibilante, un fischio durante l'inspirazione o l'espirazione
  • Movimenti altalenanti nel petto (retrazioni)
  • Fiato corto
  • Stretti muscoli del collo e del torace
  • Sensazione di debolezza o stanchezza
  • Difficoltà a mangiare 

Questi sintomi possono anche essere causati da altre condizioni, quindi se sospetti di avere l'asma dovresti consultare il tuo medico di famiglia.

Cosa succede in un attacco d'asma?

In un attacco d'asma i muscoli intorno alle vie respiratorie possono gonfiarsi e infiammarsi con una maggiore produzione di muco con conseguente uno o più dei seguenti sintomi:

  • difficoltà a respirare
  • difficoltà a parlare
  • respiro sibilante
  • colore blu delle labbra
  • sensazione di angoscia

Le cose che possono aumentare le probabilità che un bambino abbia l'asma includono:

  • Allergie nasali (febbre da fieno) o eczema (eruzione cutanea allergica)
  • Una storia familiare di asma o allergie
  • Molte infezioni respiratorie
  • Basso peso alla nascita
  • Esposizione al fumo passivo di tabacco prima o dopo la nascita

Gestire un attacco d'asma

Ecco cosa fare quando arriva un attacco d'asma

  • Effettuare immediatamente 1 erogazione dell'inalatore per l'asma, ripetendo 1 erogazione, se necessario, ogni 30-60 secondi, fino a un massimo di 10 erogazioni
  • Cerca di rimanere calmo e di stare seduto in posizione eretta (questo ti permette di respirare più facilmente)
  • Se ti senti peggio o non ti senti meglio dopo 10 boccate chiama un'ambulanza (questo assicura che l'assistenza medica sia in arrivo)
  • Se l'ambulanza impiega più di 15 minuti per arrivare, ripetere il passaggio 1

Qualità dell'aria esterna e perché è importante

L'inquinamento atmosferico è il principale rischio ambientale per la salute umana e la quarta più grande minaccia per la salute pubblica dopo il cancro, le malattie cardiache e l'obesità. Rende le persone più suscettibili alle infezioni respiratorie e ad altre malattie e può avere un impatto significativo su coloro che vivono con allergie.

Esiste un comprovato legame tra la qualità dell'aria che respiriamo e la salute delle persone che convivono con allergie malattia. La sensibilità agli effetti negativi degli inquinanti atmosferici varierà da individuo a individuo e anche i livelli di inquinamento atmosferico varieranno stagionalmente, da un giorno all'altro.

Bisogna limitare il contatto con i fattori scatenanti: alcuni alimenti che generano allergie, peli di animali domestici (cane, gatto, cavallo), condizioni dell'ambiente interno (acari, umidità/muffe, fumo di sigarette, vernici, odori forti) o esterno (pollini, clima freddo/umido, inquinamento), infezioni delle vie aeree rappresentano i maggiori fattori di rischio per i bambini asmatici. È importante evitarli e prevenirli per ridurre la possibilità di riacutizzazioni.

Cambiare alcuni comportamenti nello stile di vita può aiutare a combattere l'asma. In particolare vanno evitate la sedentarietà e l'esposizione sia al fumo passivo che attivo negli adolescenti asmatici. Ogni attività sportiva può essere effettuata adottando comportamenti preventivi quali una pre-medicazione con broncodilatatore a breve durata di azione per il controllo della broncostruzione indotta dall'esercizio fisico.

Trattamento dell'asma

Sulla base della storia di tuo figlio e della gravità dell'asma, il medico svilupperà un piano di cura, chiamato piano d'azione per l'asma. Questo descrive:

  • quando e come tuo figlio dovrebbe usare i farmaci per l'asma
  • cosa fare quando l'asma peggiora
  • quando cercare cure di emergenza.

Assicurati di aver compreso questo piano e chiedi al medico di tuo figlio tutte le domande che potresti avere.

Il piano d'azione per l'asma di tuo figlio è importante per controllare l'asma. Tienilo a portata di mano per ricordarti il piano di gestione quotidiana di tuo figlio e per guidarti quando tuo figlio ha sintomi di asma. Distribuisci copie agli assistenti, agli insegnanti e persino all'autista dell'autobus di tuo figlio in modo che sappiano cosa fare se il bambino ha un attacco d'asma lontano da casa.

Oltre a seguire il piano d'azione per l'asma di tuo figlio, vuoi assicurarti che l'esposizione ai fattori scatenanti dell'asma sia limitata e preferibilmente evitata.

Esistono due tipi principali di farmaci per l'asma:

  • I farmaci a sollievo rapido aiutano con i sintomi improvvisi. Il tuo bambino li prenderà per un aiuto rapido durante un attacco d'asma.
  • I farmaci a lunga durata d'azione prevengono l'infiammazione delle vie aeree e tengono sotto controllo l'asma. Probabilmente tuo figlio li prenderà tutti i giorni. Se un neonato o un bambino più grande presenta sintomi di asma che richiedono un trattamento con un farmaco broncodilatatore più di due volte a settimana durante il giorno o più di due volte al mese di notte, la maggior parte dei medici consiglia farmaci antinfiammatori giornalieri.

Molti farmaci per l'asma contengono steroidi, che potrebbero avere effetti collaterali. Possono irritare la bocca e la gola di tuo figlio. Alcune ricerche mostrano che nel tempo potrebbero causare una crescita lenta, problemi alle ossa e cataratta. Dopo che tuo figlio li prende, il suo corpo potrebbe non essere in grado di produrre tanti steroidi naturali. Ma senza trattamento, l'asma può portare a problemi di salute e visite ospedaliere. Tu e il tuo medico dovreste parlare dei pro e dei contro dei farmaci quando fate un piano d'azione per l'asma.

Asma e mascherine

Scegliere mascherine chirurgiche semplici, non utilizzare quindi quelle con maggiore capacità filtrante ma meno tollerabili, come le FFP2 o FFP3, che andrebbero riservate al personale sanitario o in caso di convivenza con famigliari affetti da Covid-19. In tal caso si potrebbe (per il parente sano) utilizzare le FFP2 con valvola che garantiscono un maggiore confort per chi le indossa, sebbene non proteggano le persone intorno. Inoltre evitare di utilizzare prodotti chimici (come alcool o disinfettanti), per sanificare le mascherine, in modo da evitare di respirare questi prodotti che potrebbero contribuire a scatenare crisi di broncospasmo per chi soffre di asma.

Fonti articolo: Fondazione Veronesi "Le regole d'oro per curare i bambini asmatici", Fondazione Veronesi "La mascherina fa male a chi soffre d'asma?", NHS "asthma", WebMd "Childhood Asthma"

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli