Home Bambino Salute

Bambino punto da una siringa: cosa fare

di Francesca Demirgian - 26.06.2023 - Scrivici

siringa-a-terra
Fonte: Shutterstock
Come comportarsi davanti ad un bambino punto da una siringa. Cosa fare subito e quali potrebbero essere le conseguenze dell'accaduto. Le risposte

In questo articolo

Bambino punto da una siringa

Con i bambini piccoli gli incidenti sono sempre dietro l'angolo, ma pungersi con una siringa infetta è qualcosa che non dovrebbe mai capitare. In questo caso i bambini sono vittime di una negligenza degli adulti e le conseguenze possono essere anche pericolose.

In caso di bambino punto da una siringa al parco, in strada o in qualsiasi altro luogo, è bene sapere come agire, chi contattare, quando allarmarsi. Vediamo in questa guida tutte le informazioni utili su cosa fare nel caso in cui il bambino venga punto da un ago infetto.

Puntura da siringa, bisogna allarmarsi?

Può succedere - fortunatamente di rado - che giocando in un parco pubblico, tra l'erba, il bambino venga in contatto con l'ago di una siringa abbandonata. Questo è un episodio che allarma sempre genitori, nonni, baby sitter, poiché si temono infezioni, virus pericoloso che possono essere trasmessi con il sangue. La paura più grande è che il piccolo possa contrarre AIDS, epatite B ed epatite C.

Si tratta di una paura più che comprensibile che, però, va ridimensionata, conoscendo le reali conseguenze di una puntura accidentale. Secondo i pediatri, infatti, a seguito di una puntura d'ago infetto, è molto improbabile contrarre le infezioni sopra elencate.

La maggior parte dei virus sopravvive solo per poco tempo a temperatura ambiente e le ferite da puntura d'ago sono spesso solo superficiali, inoltre, solo raramente, è presente sangue fresco.

Cosa fare se il bambino si punge con un ago infetto

Qualora accada che un bambino venga punto da un ago di siringa, bisognerà procedere in questo modo:

  • detergere la parte con acqua e sapone
  • utilizzare un disinfettante per la ferita
  • recarsi al pronto soccorso per una valutazione da parte dei medici

Una volta arrivati in pronto soccorso pediatrico, il bambino sarà sottoposto ad un prelievo del sangue per valutare se sia già immunizzato contro il virus epatite B (grazie al vaccino) e se si sia infettato con il virus epatite C o con l'HIV.

L'Ospedale Bambino Gesù sottolinea che, anche nei mesi successivi al contatto con l'ago infetto, è necessario che il bambino sia sottoposto a dei controlli presso un centro di Infettivologia Pediatrica, per monitorare la situazione (non conoscendo lo stato infettivologico dell'individuo che ha lasciato la siringa abbandonata. Inoltre, sono suggeriti dei periodici prelievi del sangue nel bambino, per poter valutare eventuali alterazioni della funzionalità epatica.

Puntura d'ago, quali virus si possono contrarre

La paura che sussegue ad una puntura accidentale da ago di siringa usata è generata dalle possibili infezioni che il bambino potrebbe contrarre. Nello specifico si parla di:

  • HIV
  • Epatite B
  • Epatite C
  • Batterio del tetano

Il virus dell'HIV è, senza dubbio, quello che più preoccupa mamme e papà. Ma - come riporta il Bambino Gesù - ad oggi non sono stati dimostrati casi d'infezione da HIV causati da questa modalità di trasmissione. La profilassi post esposizione per HIV non è di norma raccomandata.

Il virus dell'epatite B è un pericolo maggiore, bastano infatti anche piccole quantità di sangue per trasmettere questo virus che può resistere a temperatura ambiente fino a 7 giorni. Grazie alla diffusione del vaccino, però, il rischio di trasmissione si è notevolmente ridotto (la vaccinazione rientra nell'esavalente che viene somministrato ai piccoli già nel terzo mese di vita, mentre il ciclo completo termina al compimento di un anno).

Il rischio di contrarre l'epatite C con una siringa infetta è molto basso, poiché si tratta di un virus fragile che sopravvive nell'ambiente 16-23 ore.

Infine, il batterio del tetano è quello che può creare più problemi, questo perché produce spore che possono penetrare nell'organismo umano attraverso delle ferite. Queste spore sopravvivono nell'ambiente anche per anni e contaminano spesso polvere e terra.

Come prevenire puntura ago da siringa infetta

A volte è quasi impossibile evitare degli incidenti con i bambini, ma, per allontanare il rischio di puntura accidentale da ago di siringa, si consiglia di:

  • non far giocare i bambini nelle siepi o nei prati incolti
  • tenere sempre sotto controllo i luoghi dove i bambini giocano e cosa c'è a terra
  • educare i bambini sulla pericolosità delle siringhe e invitarli, qualora ne vedano una, a non toccarla mai

Fonti: https://www.ospedalebambinogesu.it/; http://conditions.health.qld.gov.au/; https://www.nhs.uk/

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli