Home Bambino Salute

Corpo estraneo nel naso del bambino: cosa fare?

di Niccolò De Rosa - 24.01.2022 - Scrivici

corpo-estraneo-nel-naso-del-bambino-cosa-fare
Fonte: Shutterstock
Un corpo estraneo nel naso del bambino può rappresentare una situazione potenzialmente pericolosa. Ecco come comportarsi

I bambini, soprattutto i più piccoli, tendono a maltrattare il loro nasino e spesso cercano di infilarci di tutto. Questa brutta abitudine - da monitorare e correggere al più presto - può rivelarsi pericolosa e quando un corpo estraneo finisce per ostruire le vie nasali è bene agire prontamente. Ecco in che modo.

In questo articolo

Corpo estraneo nel naso del bambino: come accorgersene?

Quando qualcosa s'incastra nel naso di un bimbo, accorgersene è semplice. Un corpo estraneo nel naso, infatti, provica sicuramente fastidio, talvolta vero e proprio dolore, e molto probabilmente prurito. Inoltre, oltre alla spiacevole sensazione d'ostruzione, può verificarsi anche un leggero sanguinamento e la comparsa di secrezioni maleodoranti dalla narice in cui è intrappolato il'ospite indesiderato.

Ovviamente se il bambino sa già parlare si verrà immediatamente a conoscenza del problema sarà immediato, tuttavia anche nel caso in cui il bimbo sia troppo piccolo le reazioni (pianto, singhiozzi, respiro difficoltoso) non mancheranno di segnalare una situazione spiacevole.

Corpo estraneo nel naso del bambino: cosa fare (e cosa non fare)

Una volta accertata la situazione, se il corpo estraneo non appare visibile e inserito troppo in profondità è consigliato rivolgersi subito al Pronto Soccorso.

Viceversa, se l'oggetto è visibile si può provare ad aiutare il piccolo a espellere il corpo estraneo. Per farlo occorre fargli mantenere una posizione eretta e la ben testa dritta, poi, tappando la narice libera, dirgli di soffiare il naso con energia, nella speranza di far "schizzare" fuori l'oggetto.

Naturalmente tale operazione non è garanzia di una sicura uscita. Se poi si tratta di un bebé poi, l'ostacolo comunicativo diventa insormontabile ed è meglio rivolgersi a del personale medico.

La manovra alternativa: il "bacio della madre"

Anche con i bambini piccoli però si può fare un tentativo prima di correre al PS. Un vecchio studio pubblicato nel 2012 sul Canadian Medical Association Journal e ripreso dalla Fondazione Umberto Veronesi ha infatti evidenziato l'efficacia del cosiddetto Mother's Kiss, una tecnica molto simile ad una respirazione bocca a bocca.

Per praticarla è sufficente tappare con un dito la narice libera e «praticare al bambino un'insufflazione d'aria bocca-a-bocca, facendogli credere che gli si sta dando un grosso bacio» (fonte: Fondazione Umbero Veronesi). L'operazione non sembra presentare controindicazioni e dunque tentar non nuoce.

Cosa non fare mai

In queste situazione, ancora più importante di sapere cosa fare è sapere cosa non fare assolutamente, in modo da non peggiorare le cose e arrecare danni ancora più gravi alla salute del bambino.

Dunque è importantissimo, non cercare di rimuovere manualmente o con l'aiuto di utensili l'oggetto dal naso: si potrebbe spingere il corpo estraneo più in fondo o, peggio, ferire il piccolo.

Lasciare il corpo estraneo nel naso? Pessima idea

Qualora il piccolo non sembrasse troppo infastidito dall'ostruzione, un genitore potrebbe anche pensare di non fare niente e aspettare che la situazione evolva per il meglio. Ciò è ampiamente sconsigliato perché la permenenza di un oggetto "alieno" all'interno delle vie respiratorie, potrebbe degenerare in infezioni e secrezioni maleodoranti.

Fonti: Humanitas; Fondazione Umberto Veronesi; Canadian Medical Association Journal.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli