Home Bambino Salute

Covid-19 e bambini: perché la loro risposta immunitaria è più efficace

di Sara Sirtori - 25.09.2020 - Scrivici

bambini-e-covid-19
Fonte: Shutterstock
Uno studio ci spiega perché il Covid-19 colpisce i bambini in forma meno grave: dipende dal loro sistema immunitario.

Covid-19 e bambini

I bambini hanno sistema immunitario che risponde meglio al Covid-19. Lo suggerisce uno studio che ha messo a confronto la reazione del sistema immunitario di adulti e bambini per capire perché i secondi, a parità di carica virale, sviluppino la malattia in forma meno grave. Secondo la ricerca, pubblicata su Science Translational Medicine la differenza sarebbe proprio nella diversa linea difensiva messa in campo in età pediatrica contro l'infezione da SARS-CoV-2: un meccanismo più elementare e non specializzato, che però sembra proteggere da una progressione più seria della malattia.

In questo articolo

La ricerca: confronto tra adulti e bambini

Un gruppo di studiosi dell'Albert Einstein College of Medicine e del Children's Hospital at Montefiore di New York in collaborazione con l'Università di Yale ha studiato 60 pazienti adulti e 65 pazienti "pediatrici" (di età inferiore ai 24 anni) positivi al Covid-19, tra marzo e maggio 2020.

Di quest'ultimo gruppo, 20 malati avevano sviluppato la MIS-C (Multisystem Inflammatory Syndrome in Children), una malattia infiammatoria che colpisce i vasi sanguigni che è tra le possibili complicanze della Covid per i giovani.

La ricerca si è concentrata sui diversi tipi di cellule immunitarie sviluppate dai pazienti, sugli anticorpi e sulle proteine infiammatorie, le citochine, prodotte come reazione all'infezione.

"Con nostra sorpresa, abbiamo scoperto che queste particolari citochine sieriche erano a livelli più alti nei bambini rispetto quanto riscontrato negli adulti", sostiene Kevan Herold, Professore di immunologia e medicina interna a Yale e ricercatore.

Immunità innata e immunità adattativa

L'esito della malattia è stato più favorevole nei bambini e nei ragazzi. Solo 5 di essi (l'8%) hanno avuto bisogno di ventilazione meccanica, mentre gli adulti che sono stati 22 (il 37%). I decessi nel gruppo pediatrico sono stati 2 (il 3%), contro i 17 del gruppo "senior" (il 28%). Nessuno tra i pazienti affetti da MIS-C è deceduto.

Secondo gli autori dello studio, i bambini hanno reagito meglio grazie a una più potente immunità innata o aspecifica, una prima linea difensiva dell'organismo che risponde più rapidamente ma in maniera non specializzata all'invasione di patogeni.
Questa forma di immunità è più consistente in giovane età, prima che il sistema immunitario abbia formato un archivio di ricordi delle malattie già avute.

Una seconda linea difensiva dell'organismo, l'immunità adattiva o specifica mette in campo anticorpi e cellule immunitarie specializzati e potenzia la prima risposta che può derivare "dall'esperienza" (perché l'organismo conserva una memoria del patogeno già incontrato) o essere stimolata in modo artificiale per esempio da un vaccino.

Altre fonti di questo articolo:

EurekAlert!: Children's immune response more effective against COVID-19

Domande e risposte

Covid-19: anche i bambini sono a rischio?  

I bambini sembrano avere la stessa probabilità degli adulti di essere infettati, ma presentano un rischio molto inferiore rispetto agli adulti di sviluppare sintomi o forme gravi di malattia.

Quali sono i sintomi più comuni del Covid-19?  

I sintomi più comuni sono:

  • febbre
  • tosse secca
  • spossatezza

Cosa vuol dire il termine paucisintomatico? 

Tutti i pazienti, sia adulti sia bambini infetti ma che hanno sintomi lievi di COVID-19 sono paucisintomatici.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli