Home Bambino Salute

Covid 19 nei bambini: potrebbero non mostrare i tipici sintomi

di Elena Berti - 19.04.2022 - Scrivici

covid-19-nei-bambini
Fonte: Shutterstock
Secondo uno studio pubblicato su Scientific Reports, il Covid 19 nei bambini potrebbe non mostrare i soliti sintomi. Vediamo

Ci sono ancora molte domande sul Covid-19 ma secondo uno studio i bambini avrebbero sintomi diversi da quelli tipici sperimentati dagli adulti, come febbre, tosse e mancanza di respiro. Come accorgersi, quindi, se un bambino è stato contagiato dal nuovo Coronavirus?

In questo articolo

Covid 19 nei bambini: la scoperta

Secondo uno studio promosso dall'University of Alabama a Birmingham, solo il 18,8% dei bambini presenta dei sintomi facilmente riconducibili al Covid-19, come per esempio:

  • febbre
  • malessere
  • dolori muscolari o articolari
  • alterazioni dell'olfatto o del gusto

Più nel dettaglio, i bambini contagiati osservati nella ricerca aveva sintomi simili a quelli degli adulti in percentuali minori, e più nello specifico:

  • il 16,5% aveva sintomi respiratori come tosse e mancanza di respiro
  • il 13,9% aveva invece disturbi gastrointestinali come nausea, vomito e diarrea
  • l'8,1% aveva sintomi dermatologici (eruzione cutanea)
  • il 4,8% soffriva di mal di testa

È bene inoltre ricordare che, oltre al fatto di avere in minore percentuale sintomi che ormai vengono associati al Covid-19, i bambini sviluppano forme meno gravi dell'infezione, con soltanto un 5-6% che ha avuto bisogno del ricovero in ospedale. Tra questi, il 18% ha fatto ricorso alla terapia intensiva e solo il 4% ha avuto bisogno di un ventilatore per la respirazione.

Inoltre, il rischio di aver bisogno di cure ospedaliere è piuttosto simile tra maschi e femmine, ma leggermente più alto tra i bambini neri o ispanici, mentre quello di ricorrere alla ventilazione è simile in tutte le categorie osservate.

A fronte di questi dati e delle differenze dovute all'etnia, potrebbe essere necessario non solo ampliare lo screening tra bambini e adolescenti, soprattutto in ambiente scolastico per limitare la diffusione dei contagi, ma anche maggiore attenzione a seconda dell'origine etnica anche in caso di mancanza di sintomi tipicamente imputabili al Covid-19, come febbre e tosse.

I sintomi comuni

Se è vero che i sintomi nei bambini sono leggermente diversi rispetto a quelli che si riscontrano negli adulti colpiti da Covid-19, è bene prestare attenzione a diversi segnali, anche in mancanza di contatto diretto con un positivo. Tra i sintomi più comuni che testimoniano l'infezione nei bambini troviamo: 

Vaccino per i bambini

In un primo momento, i vaccini contro il Covid-19 sono stati approvati per i maggiori di 18 anni. Soltanto Pfizer poteva essere, in un primo momento, somministrato anche alla fascia 16-18. Successivamente è arrivato l'ok dagli Stati Uniti per la somministrazione dei vaccini a base di mRNA (Pfizer e Moderna) per la fascia di età 12-16, approvati poi anche dall'Agenzia del farmaco europea e infine dall'Aifa, l'agenzia italiana del farmaco. Nel dicembre 2021, l'Italia ha iniziato le vaccinazioni per la fascia d'età 5-12 anni

Alla caduta dello stato di emergenza (31 marzo 2022) il vaccino contro il Covid è fortemente consigliato anche per i bambini che hanno più di 5 anni, anche se il Green Pass è richiesto solo per chi ne ha compiuti 12.

Aggiornato il 18.05.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli