Home Bambino Salute

Pelle dei bambini e freddo: come prevenire dermatiti e altre reazioni

di Elena Berti - 05.10.2022 - Scrivici

dermatite-atopica-2
Fonte: Shutterstock
Dermatite da freddo bambini: cosa fare se il freddo causa irritazioni alla pelle dei bambini, come curare eczema, ragadi e altri fastidi

Dermatite da freddo bambini

L'inverno è una bella stagione per tanti motivi: la neve, le vacanze di Natale, il camino accesso… Ma bisogna fare i conti con i malanni e il freddo! E anche con alcuni piccoli inconvenienti che è meglio saper gestire, come la dermatite da freddo bambini

In questo articolo

Che cos’è la dermatite da freddo

Il freddo, insieme al sole, al calcare e ai vestiti sintetici, è nemico della pelle: toglie idratazione, e questo può causare conseguenze antipatiche. La dermatite da freddo bambini è piuttosto frequente proprio perché non si pensa al fatto che la loro pelle possa disidratarsi e quindi reagire irritandosi. Questo stato indica infatti una reazione infiammatoria dell'epidermide. Più spesso sono colpite le mani, sia perché più esposte (meno coperte) che perché vengono lavate spesso, magari con prodotti aggressivi, ma anche le altre zone del corpo, come le gambe, il tronco e le braccia possono essere colpite. 

La pelle dei bambini che soffrono di dermatite dovuta dal freddo appare molto secca, a volte arrossata, può prudere e può anche sfociare in un eritema o in fissurazioni o ragadi, cioè vere e proprie ferite.

Cause della dermatite da freddo nei bambini

Come anticipavamo, a meno che un bambino non soffra abitualmente di dermatite non si tende a pensare che possa essere colpito da secchezza della pelle. Invece è più frequente di quanto si pensi ed è importante vegliare per controllare che l'epidermide resti idratata. Ecco alcune delle abitudini che possono irritare la pelle causando dermatite da freddo in inverno: 

  • l'esposizione prolungata al freddo senza protezione
  • l'esposizione di pelle umida (mani, viso)
  • il contatto con tessuti irritanti (i collant, pantaloni o maglie in fibre sintetiche)
  • l'uso di detergenti aggressivi
  • docce frequenti e acqua troppo calda

Come riconoscere la dermatite da freddo

Riconoscere la dermatite da freddo non è difficile.

Se vedete che la pelle di vostro figlio o vostra figlia è molto secca, se prude, se si desquama, è molto probabile che si tratti di quello. Solitamente quando la dermatite da freddo si presenta il bambino lamenta prurito, si gratta spesso - mani, viso, tronco - e alcuni abiti possono peggiorare la situazione. A volte possono presentarsi anche delle bolle che possono mandare in confusione i genitori. Ma la dermatite da freddo si riconosce bene perché tutta la cute è interessata dall'irritazione e appare molto secca, almeno nella zona interessata. 

Come evitare e risolvere la dermatite da freddo

Per evitare il problema ma anche risolverlo potete mettere in pratica alcuni piccoli accorgimenti. Qualora vostro figlio o vostra figlia avesse già la dermatite da freddo, chiedete consiglio al pediatra o al dermatologo perché gli prescriva una crema per alleviare il prurito e il fastidio. Inoltre, ricordatevi di: 

  • scegliere capi caldi ma non irritanti a contatto diretto la pelle, come cotone biologico o bambù (da evitare i collant in microfibra)
  • usate detergenti delicati, non permettete docce o bagni troppo caldi e applicate sempre una crema dopo che si sono lavati
  • umidificate l'aria in casa perché la pelle non secchi troppo
  • ricordate ai bambini di bere molto

Il segreto per tenere lontana la secchezza della pelle e quindi la dermatite è tenere la pelle più idratata possibile. Per rispondere correttamente all'attacco delle basse temperature la barriera cutanea deve essere sana e non già fragile. Una pelle ben idratata, anche con una crema, è il miglior modo per evitare la dermatite e l'eczema. È anche importante che i bambini imparino ad asciugare correttamente le mani prima di uscire nel freddo, magari indossando poi un paio di guanti in pile! 

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli