Home Bambino Salute

Diabete di tipo 1: col pancreas artificiale la qualità della vita migliora

di Elena Berti - 31.01.2022 - Scrivici

diabete-tipo-1-pancreas-artificiale
Fonte: Shutterstock
Diabete di tipo 1, pancreas artificiale e progressi della scienza per il miglioramento della qualità della vita dei bambini.

Diabete di tipo 1 pancreas artificiale

Il diabete di tipo 1 viene diagnosticato spesso in tenerissima età, perché è provocato dalla mancanza totale o molto grave di insulina, un ormone prodotto dal pancreas. Ma arriva una buona notizia: uno studio sembra dare speranze ai piccoli affetti da questa malattia. Parliamo quindi di diabete di tipo 1, pancreas artificiale e possibili risvolti. 

In questo articolo

Che cos’è il diabete di tipo 1

Si è affetti da diabete di tipo 1 quando, appunto, il pancreas non è capace di produrre insulina, un ormone di natura proteica che ha il compito soprattutto di regolare il glucosio nel sangue, sia abbassando la glicemia, sia favorendo l'accumulo di glucosio a livello epatico e inibendo la glicogenolisi. Le cause del diabete di tipo 1 sono ancora sconosciute, ma viene considerato una malattia autoimmune in quanto è lo stesso organismo che "sabota" le cellule che producono insulina. Di solito si manifesta durante l'infanzia e l'adolescenza con sintomi più gravi del diabete di tipo 2. 

Pancreas artificiale per chi soffre di diabete di tipo 1

Uno studio di KidsAP pubblicato sul New England Journal of Medicine sembra però dare speranze ai bambini colpiti da diabete di tipo 1 e ai loro genitori. La ricerca, condotta in sette centri di diversi paesi, ha preso in esame settantaquattro bambini con un'età media di 5,6 anni, quindi molto bassa, che avevano sviluppato il diabete in media da 2,6 anni, perciò con una comparsa precoce. 

Lo studio ha quindi messo a confronto due periodi nel corso di sedici settimane: 

  • uno in cui i bambini ricevevano il sistema a circuito chiuso, cioè il pancreas artificiale
  • uno in cui i bambini venivano gestiti con una pompa per insulina potenziata dal sensore

I risultati dello studio

È emerso che il tempo di "controllo glicemico" nel periodo in cui i bambini erano collegati al sistema del pancreas artificiale è di ben 125 minuti in più al giorno, quindi poco più di due ore, rispetto al tempo guadagnato con la pompa. 

Come funziona il pancreas artificiale

In pratica, il sistema a circuito chiuso consiste in un'app collegata al telefono, che tramite un algoritmo calcola il controllo glicemico. Tramite l'applicazione, le altre parti del sistema - cioè un microinfusore per insulina e un trasmettitore - ricevevano l'input per regolare la glicemia. 

I genitori che hanno partecipato allo studio si sono detti entusiasti della nuova invenzione, soprattutto perché sembra rappresentare una svolta durante la notte, quando i bambini e i loro genitori sono costretti a monitorare costantemente la glicemia.

Una scoperta che potrebbe rivoluzionare la vita per le famiglie che convivono col diabete di tipo 1, migliorandone la qualità. 

Il pancreas artificiale non è ovviamente un organo creato a hoc, ma un sistema a circuito chiuso che rivela il livello di glicemia nei bambini affetti da diabete di tipo 1 e che, se necessario, invia l'impulso all'infuso per regolarlo. Questo limiterebbe di gran lunga l'impegno dei genitori e il disturbo per i bambini, rendendo la gestione - almeno dell'insulina - molto più semplice. 

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli