Home Bambino Salute

Cosa fare se la febbre non scende nemmeno col paracetamolo

di Elena Berti - 30.09.2022 - Scrivici

febbre-da-crescita
Fonte: Shutterstock
Febbre che non scende con paracetamolo: cosa fare quando i bambini hanno la febbre alta e non si abbassa con gli antipiretici

Febbre che non scende con paracetamolo

Lo stato di salute dei figli è una delle preoccupazioni principali dei genitori. Sia perché si ha sempre paura di sottovalutare un malanno, sia perché la gestione può rivelarsi complicata, nella pratica ed emotivamente. Quando un bambino ha la febbre che non scende con paracetamolo, è difficile capire cosa fare. Vediamo quindi quali sono le alternative in questo caso. 

In questo articolo

Paracetamolo contro la febbre

Il paracetamolo è un antipiretico adatto ai bambini, nel giusto dosaggio, e anche alle donne incinte. Può essere somministrato in caso di dolori, oppure quando la febbre supera i 38 gradi e il bambino è insofferente. Non serve darlo così, tanto per fare, ma soprattutto quando i bambini sono molto piccoli è necessario confrontarsi prima col proprio pediatra. Ma la febbre che non scende con paracetamolo manda nel panico molti genitori, che si immaginano già scenari tragici. In realtà succede può spesso di quanto si possa pensare e non sempre significa qualcosa di preoccupante. 

Perché la febbre non si abbassa col paracetamolo?

Si era soliti pensare che una febbre che non scende col paracetamolo fosse sinonimo di malattia batterica grave, ma alcuni studi hanno dimostrato che non è per forza così. Se è vero che alcune malattie di origine batterica possono resistere agli antipiretici e necessitare, quindi, antibiotici per essere sconfitte (e quindi perché la febbre risponda abbassandosi) è altresì vero che non è possibile usare il parametro della non risposta al paracetamolo per diagnosticare una malattia batterica. Anzi, alcuni studi hanno dimostrato una miglior risposta agli antipiretici nei bambini con batteriemia. Per questo, la prima cosa da fare se la febbre non scende col paracetamolo è non pensare al peggio, ma chiamare il pediatra per avere un consiglio sul da farsi. 

Cosa fare se la febbre non scende con gli antipiretici

Prima di tutto è bene sapere che la febbre di per sé non è motivo di preoccupazione, perché non danneggia l'organismo.

Bisogna allertarsi quando: 

  • il bambino ha pochi mesi e febbre molto alta 
  • la febbre va oltre i 40.5
  • sono presenti altri sintomi importanti

Se vostro figlio ha la febbre oltre i 38 gradi e a un'ora o due dalla somministrazione del paracetamolo non cala, valutate anche altri aspetti, per esempio se sta bene, è vispo, colorito, ha appetito. Se la febbre comunque non supera i 39.5 gradi il fatto he non si abbassi non è un fattore particolarmente preoccupante.

È possibile, in caso di febbre alta e malessere, associare paracetamolo e ibuprofene alternandoli, ma è importante in ogni caso chiamare il medico e spiegare nel dettaglio come sta il bambino, quanta febbre aveva prima del paracetamolo, che altri sintomi manifestava e come sta un'ora dopo il medicinale (non solo quanta febbre ha). 

A quel punto sarà il medico a valutare il da farsi anche in base alla storia clinica del bambino, alla sua età, agli altri eventuali sintomi, ma il più delle volta consiglierà di continuare a monitorare il piccolo. 

Non andate subito nel panico se, dopo aver somministrato paracetamolo, la febbre non scende. Potrebbe essere in corso un'infezione batterica oppure l'organismo reagisce in modo diverso. Consultate il medico, provate gli impacchi freschi e non vestite troppo il piccolo: il troppo caldo non aiuta in caso di febbre!

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli