Home Bambino Salute

Giornata internazionale della consapevolezza della balbuzie

di Monica De Chirico - 19.10.2022 - Scrivici

prevenzione-della-balbuzie-nei-bambini
Fonte: Shutterstock
Il 22 ottobre si celebra la giornata della consapevolezza della balbuzie. Come sensibilizzare su questo disturbo e supportare chi ne soffre

In questo articolo

Consapevolezza della balbuzie

La balbuzie non è solo ripetere sillabe o suoni, difficoltà a parlare, ma anche fatica, paura, vergogna e, ancora troppo spesso, discriminazione e bullismo. In alcuni casi, per evitare alcune parole su cui si ha più difficoltà, il balbuziente può ricorrere a degli espedienti come ad esempio delle pause molto lunghe, giri di parole a volte imbarazzanti per lui, intercalari frequenti, suoni d'imbarazzo etc. Questo comportamento, se portato all'eccesso, come leggiamo su Psicodizione.it, potrebbe sfociare in una fobia sociale verso l'atto di parlare, ossia la "logofobia"

Inoltre questo comportamento crea frustrazione e incapacità di esprimere se stessi, quello che si pensa o si ha dentro.

In Italia circa un milione di persone vive ogni giorno questa "disfluenza" nel comunicare, di cui 150.000 sono under 18. Per questo il 22 ottobre, in occasione della Giornata della consapevolezza sulla balbuzie, è importante sensibilizzare su questo disturbo e supportare chi ne soffre. 

Balbuzie e bullismo a scuola

L'Associazione Vivavoce, creata per dare supporto a chi soffre o ha sofferto a causa di difficoltà legate alla comunicazione, in occasione di questa giornata ci spinge a riflettere su questo problema ancora molto sottovalutato nonostante la portata che ha nel vissuto di chi ne soffre. La balbuzie e i disturbi legati alla voce, infatti, sono una fatica che condiziona in ogni istante della propria vita: una gabbia che non permette alle persone che ne soffrono di tirare fuori quello che hanno dentro e di essere sé stesse fino in fondo. 
 
A differenza di quanto si pensi, la balbuzie non è solo ripetere sillabe o suoni, ma è anche fatica, paura, vergogna e, ancora troppo spesso, discriminazione ed esclusione sociale. A scuola, a queste esperienze negative si affianca il rischio di derisione e di bullismo. Alcune ricerche confermano che le carenze nelle abilità sociali dei bambini dovute a difficoltà nel comunicare "attirano" l'attenzione dei bulli.

Inoltre, i bambini con disturbi specifici del linguaggio sarebbero 3 volte più a rischio di bullismo rispetto ai pari (fonte: Hughes 2004, Hartley 2015, Hymel 2015). Altri studi evidenziano una maggior percentuale di episodi di bullismo nei soggetti balbuzienti (30%) rispetto al campione di normo fluenti (14%). Il bullismo amplifica, anche nel tempo, vissuti spesso già associati alla balbuzie (ansia sociale, paura di insuccesso, senso di insoddisfazione). In particolare, consolida l'idea che 'io sono la mia balbuzie'. 

"Ciò che suggerisce la nostra esperienza come Associazione, e quindi come punto di raccolta di esperienze e testimonianze, è che la balbuzie sia talmente limitante che spesso chi balbetta arriva con il tempo a identificarsi con essa. Questa idea si radicalizza col passare degli anni e spesso emerge in modo prepotente in età adulta, ma è nell'infanzia che si innesta e cresce. Il bullo consolida questa percezione: Tu sei il tartaglia" afferma Valentina Letoriopsicologa, ex balbuziente, tra le fondatrici dell'associazione Vivavoce."

"Proprio per questo, mi addolora quando in una trasmissione televisiva, come è successo di recente a Tù sì que vales, si usa la balbuzie come pretesto per far ridere la gente. Se i bambini sentono un noto personaggio televisivo che deride un balbuziente, si sentono legittimati a deridere un loro compagno che balbetta. Le conseguenze di questo, credetemi, sono terribili… Le persone devono essere libere di non essere giudicate per il modo in cui parlano, così come per il loro orientamento sessuale o la loro forma fisica: per quel che riguarda la balbuzie il percorso da fare è ancora molto lungo ma qualcosa di concreto si può fare. Ho voluto fortemente la creazione di un centro per aiutare le persone con problemi di comunicazione, per risparmiare a tanta gente la fatica che ho fatto io perché la balbuzie è un disturbo devastante: se la società ne sapesse di più sulla balbuzie forse ne riderebbe di meno"  conclude Giovanni Muscaràex balbuzientefondatore del Centro Medico Vivavoce e vice-presidente dell'Associazione Vivavoce.

Cosa fa l'Associazione Vivavoce?

Lo sportello SOS 0-99 di Vivavoce risponde ad alunni, genitori e docenti in merito a dubbi, esigenze, difficoltà della gestione in relazione a situazioni di disturbi del linguaggio, dell'apprendimento e della sfera emotiva. L'Associazione Vivavoce si occupa anche di formazione dei docenti a vari livelli (scuola dell'infanzia, primaria e secondaria) tramite progetti personalizzati per la comprensione del fenomeno e l'individuazione di potenziali campanelli d'allarme.

Come comportarsi con chi balbetta?

Psicodizione, cooperativa sociale, consiglia:
  • Prima di tutto non bisogna completare le frasi o le parole che un balbuziente non riesce a dire.
  • Continuare a guardare negli occhi chi sta balbettando. Se spostate l'attenzione, capirà che state dando peso alla situazione.
  • Se è un bambino non fategli i complimenti se riesce a dire una parola senza fermarsi, altrimenti gli ricorderete che di solito balbetta.

Come intervenire in caso di balbuzie?

Quando intervenire e cosa fare per aiutare un bambino che ne soffre? Risponde la Dott.ssa Dora Siervo, psicoterapeuta, operatrice balbuzie.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli