Home Bambino Salute

Il dolore dei bambini: è importante ascoltarlo

di Sara Sirtori - 15.10.2020 - Scrivici

dolore-bambini
Fonte: Shutterstock
Molti bambini sperimentano condizioni di dolore. Eppure, secondo gli autori di uno studio della Lancet Child and Adolescent Health Commission, il modo in cui il dolore pediatrico viene valutato e trattato è stato troppo a lungo sottovalutato.

Il dolore dei bambini va ascoltato

Fino al 10% dei bambini e dei ragazzi sperimenta dolore cronico invalidante, con condizioni tra cui artrite, altri tipi di dolore muscoloscheletrico, dolore addominale ricorrente e mal di testa. Eppure, secondo gli autori di un nuovo importante studio pubblicato recentemente, il modo in cui il dolore pediatrico viene riconosciuto, valutato e trattato è ancora sottovalutato.

In questo articolo

Lo studio: è importante comprendere il dolore dei bambini

I risultati della Lancet Child and Adolescent Health Commission, la prima del suo genere ad affrontare il problema, suggeriscono che è necessario fare molto di più per comprendere il dolore dei bambini e dei giovani. La ricerca è stata condotta dal Center for Pain Research dell'Università di Bath, sostenuta da Versus Arthritis e dal Mayday Fund, e riflette i punti di vista e le opinioni dei professionisti medici multidisciplinari, nonché dei pazienti, le cui esperienze hanno alimentato il lavoro.

Il rapporto suggerisce che il cambiamento nei servizi pediatrici negli ultimi 40 anni in termini di riconoscimento, diagnosi, valutazione e gestione del dolore è ancora lento. L'ultimo importante intervento sul campo risale agli anni '80, quando, per la prima volta, è stato riconosciuto che i bambini sperimentavano dolore - sorprendentemente, fino a quel momento, sono state eseguite una serie di operazioni di routine e importanti. Il rapporto ipotizza che gran parte di ciò che facciamo (o non facciamo) per i bambini che provano dolore oggi potrebbe diventare inaccettabile o non etico nei prossimi 40 anni.

Il dolore dei bambini passa inosservato

La dott.ssa Emma Fisher dell'Università di Bath, che ha guidato il lavoro, spiega:

"Tra gli operatori sanitari, è facile concordare sul fatto che nessun bambino dovrebbe provare dolore se quel dolore può e deve essere prevenuto, evitato, o trattato con successo. Tuttavia, sappiamo che ci sono ampie prove che i bambini soffrono spesso di dolore prevenibile e che in contesti ad alto reddito, con sistemi sanitari avanzati e professionisti sanitari altamente istruiti e regolamentati, bambini e giovani provano dolore che spesso passa inosservato, non segnalato o non riceve risposta in tutta l'assistenza sanitaria, inclusi il pronto soccorso, l'assistenza post-chirurgica e l'assistenza terziaria.

"Questo è davvero importante, sia per coloro che provano dolore e coloro che li circondano, ma anche nella società in generale. Sappiamo che il dolore cronico sperimentato durante l'infanzia è probabile che si trasmetta fino all'età adulta e questo comporta costi economici e sanitari a lungo termine. E' necessario ascoltare i nostri giovani che soffrono e hanno bisogno di aiuto".

Ascoltare e porre fine al dolore dei bambini

Tra le sue numerose raccomandazioni, la Lancet Child and Adolescent Health Commission chiede di porre fine ai bambini che provano dolore quando ricevono vaccinazioni di routine, attingendo ai risultati e alle raccomandazioni di uno studio fondamentale pubblicato nel 2015. Il dottor Fisher aggiunge: "Per molti genitori e bambini, una visita medica per le vaccinazioni di routine sarà un'esperienza stressante e dolorosa. Non deve essere così - sappiamo come possiamo rendere l'esperienza meno dolorosa per i giovani, ma non lo stiamo facendo. Questo è solo un altro esempio di come il dolore sia stato accettato come una caratteristica quotidiana della crescita".

Il professor Christopher Eccleston, direttore del Center for Pain Research presso l'Università di Bath, spiega: "In questo studio presentiamo quattro obiettivi di trasformazione:

  • far capire l'importanza del dolore
  • far comprendere il dolore
  • rendere visibile il dolore
  • migliorare la condizione di dolore

Dobbiamo far progredire la nostra comprensione del dolore, soprattutto in pediatria, e dobbiamo tradurre la nostra scoperta per migliorare la vita delle persone che soffrono. Basandoci sullo stuidio di Lancet Child and Adolescent Health Commission, dobbiamo trovare il modo per lavorare insieme ai ricercatori, ai finanziatori e ai responsabili politici per fare progressi rapidi ed efficaci e garantire che i giovani abbiano un percorso migliore nella cura del dolore".

Alcune malattie come artrite e il dolore cronico non sono adeguatamente considerate

Zoe Chivers, capo dei servizi di Versus Arthritis che ha partecipato alla Lancet Child and Adolescent Health Commission, afferma: "Le persone che vivono con l'artrite affrontano le difficoltà della loro condizione ogni giorno e i risultati della ricerca descrivono dettagliatamente le conseguenze di ciò per i bambini che soffrono". E prosegue:
"I genitori ci raccontano la lotta che hanno dovuto intraprendere per convincere il loro medico di famiglia della gravità della malattia o del dolore del loro bambino; sappiamo che l'esistenza di servizi di reumatologia infantile specialistica può fare la differenza tra andare a scuola a piedi o aver bisogno di una sedia a rotelle. Mentre l'attenzione e la dedizione nel fornire servizi di qualità ai bambini è costantemente in atto per condizioni come il cancro, ma non per l'artrite infantile e il dolore cronico. Come società dobbiamo capire che il la cura di malattie dell'artrite ha un prezzo elevato e che non ci si dovrebbe più aspettare che adulti e bambini che vivono questo dolore paghino il prezzo di questa condizione".

Domande e risposte

Cos'è un dolore cronico?

Un dolore cronico è un dolore che non ha un'origine chiara e precisa che è possibile indentificare. Una volta curato, nonostante l'origine principale del dolore sia ormai esaurita, se il dolore c'è ancora, allora può diventare cronico.

Come si riconosce il dolore ricorrente?

Il dolore ricorrente può essere più acuto e ha una durata più limitata nel tempo, ma può presentarsi più volte durante il giorno. 

I neonati provano dolore come gli adulti?

I neonati non solo provano lo stesso dolore degli adulti, ma hanno anche una soglia più bassa.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli