Home Bambino Salute

Il ruolo del microbiota per il benessere di tutta la famiglia

di Francesca De Ruvo - 01.09.2021 - Scrivici

microbiota-2
Fonte: Shutterstock
Il microbiota, cioè l'insieme di tutti i batteri che vivono nel nostro corpo, gioca un ruolo fondamentale per il benessere di tutto il corpo

Cinquemila: questo è il numero di specie batteriche che vivono nel nostro corpo secondo uno studio pubblicato qualche anno fa sulla rivista scientifica Cell. Tutte insieme, le diverse specie di batteri, formano il nostro microbiota, un organo molto importante per la salute dei bimbi e degli adulti. Un'alterazione del microbiota, infatti, potrebbe portare allo sviluppo di molteplici patologie, dalle infezioni delle vie respiratorie al diabete, dall'obesità alle malattie autoimmuni.

In questo articolo

Cos’è il microbiota

Il nostro corpo ospita sia batteri "buoni" che "cattivi" e tutti insieme vanno a formare il nostro microbiota. In realtà di microbiota non ne esiste solamente uno, perché la comunità scientifica suddivide il microbiota "generale" di ognuno di noi in tanti microbioti "distrettuali". Esiste quindi il microbiota intestinale, il più famoso e studiato di tutti, il microbiota orale, il microbiota vaginale, il microbiota del polmone e così via. Il microbiota di ognuno di noi ha poi una composizione personalizzata, come fosse un po' la nostra impronta digitale.

Cosa succede se il microbiota non è in equilibrio?

Che si tratti di microbiota orale o intestinale, un microbiota in equilibrio (eubiosi) è composto soprattutto da batteri buoni che "tengono a bada" le specie patogene.

Se invece il microbiota non è in equilibrio (disbiosi), i batteri patogeni possono circolare più liberamente e appropriarsi degli spazi destinati ai batteri buoni causando infezioni, infiammazioni o patologie anche molto serie. Vediamo in che modo il nostro microbiota influenza la salute!

Il microbiota intestinale

Il microbiota intestinale è il più famoso e anche il più studiato perché svolge funzioni fondamentali per il nostro benessere. Il microbiota intestinale svolge infatti numerosi processi come:

  • la digestione degli alimenti;
  • la sintesi di sostanze preziose come le vitamine;
  • la regolazione della motilità intestinale.

Oltre ad assicurare al nostro corpo un'ottima difesa dagli agenti patogeni. Ecco perché è davvero importante che il nostro microbiota sia sempre in equilibrio!

Se, invece, il microbiota non è in equilibrio, bisogna intervenire il prima possibile perché ad oggi si conoscono diverse patologie associate all'alterazione del microbiota intestinale come:

  • obesità;
  • diabete;
  • malattie croniche intestinali.

Il microbiota orale

Il compito del microbiota orale è un po' come quello di una guardia: deve difendere il nostro organismo dall'attacco di virus e batteri patogeni che tentano di raggiungere le vie respiratorie e che possono causare un'infezione.

Un microbiota orale sano, come dimostrato da alcuni studi, è costituito prevalentemente da Streptococcus salivarius, una famiglia di batteri "buoni" che colonizzano il cavo orale e che proteggono grandi e piccini da molte infezioni. Gli Streptococcus salivarius, infatti, sono in grado di inibire la crescita di specie patogene come Streptococcus pyogens, Streptococcus pneumoniae, Moraxella catarrhalis, Haemophilus influenzae; batteri famosi per provocare infezioni delle vie respiratorie come faringiti, tonsilliti, laringiti.

Inoltre, nel 2017 è stata pubblicata una ricerca secondo cui una disbiosi orale può provocare anche:

Dalla salute del microbiota orale, dipende poi anche la salute del microbiota del polmone.

Il microbiota vaginale

Anche le parti intime possiedono un proprio microbiota che è strettamente connesso con il sistema immunitario. L'equilibrio del microbiota intestinale è fondamentale per ridurre il rischio di infezioni e infiammazioni vaginali, come indica anche una revisione della letteratura scientifica condotta da un team del Policlinico Universitario Gemelli di Roma e pubblicata recentemente sulla rivista European Review for Medical and Pharmacological Sciences.

Se il microbiota non è in equilibrio, invece, possono svilupparsi vaginiti e vaginosi batteriche.

Negli ultimi anni il microbiota è diventato un campo di grande interesse per la medicina perché, a differenza di alcuni fattori non modificabili (genetica, età) che incidono sull'insorgenza di malattie, il microbiota si può modificare.

Come proteggere il microbiota

Può succedere, però, che il microbiota subisca un'alterazione a causa di fattori come l'alimentazione, lo stile di vita o l'assunzione di farmaci. In questi casi, è importante ripristinare al più presto l'equilibrio.

Come? Attraverso l'assunzione di probiotici!

Oggi in commercio se ne trovano davvero di tutti i tipi, ma è importante scegliere il ceppo più adatto alle vostre esigenze.

Per i bambini

Per la salute dei più piccoli possono essere molto utili alcuni ceppi probiotici come:

  • lo Streptococcus salivarius K12 che è in grado di limitare la crescita di batteri patogeni responsabili di infezioni faringo-tonsillari se assunto per almeno 90 giorni consecutivi;
  • il Lactobaillus Casei infantis oppure il Johnsonii che sono molto utili se il bambino soffre di stipsi;
  • il Lactobacillus Reuteri, utilizzato soprattutto per le dissenterie di origine virale. Secondo alcuni recenti studi potrebbe però anche essere d'aiuto per alleviare le coliche gassose nel neonato.

Per gli adulti

  • lo Streptococcus salivarius K12 è efficace nei bambini, ma anche negli adulti. Se soffrite di infezioni ricorrenti delle vie respiratorie, allora fa al caso vostro;
  • il Lactobacillus crispatus M247, utile per ripristinare e mantenere l'equilibrio della flora batterica (microbiota) vaginale. Questo ceppo probiotico instaura infatti un'efficace barriera contro i patogeni e ne inibisce la crescita;
  • lo Streptococcus salivarius M18 che, insieme al ceppo K12, ha dato buoni risultati nel contrastare l'alitosi.

Il consiglio che vi diamo però è sempre quello di farvi aiutare dal vostro medico, dal pediatra o dal farmacista. I probiotici, infatti, devono essere scelti a seconda della situazione per poter avere degli effetti benefici.

Stile di vita e microbiota

Infine, per mantenere in equilibrio il microbiota, è anche importantissimo avere uno stile di vita sano evitando stress ed eccessi vari (cibo, alcol, fumo). Il modo migliore per prenderci cura del microbiota è seguire un'alimentazione varia, equilibrata e sana. Significa quindi mangiare abbondanti quantità di verdura, frutta, legumi e cereali integrali: le principali fonti di fibre. Le fibre spazzano via le scorie dall'intestino, aiutano il microbiota intestinale e ci proteggono da numerose malattie.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli