Home Bambino Salute

I lavaggi nasali sono utili contro la sinusite nei bambini?

di Ines Delio - 14.02.2024 - Scrivici

lavaggi-nasali-e-sinusite
Fonte: Shutterstock
Lavaggi nasali e sinusite nei bambini: scopriamo se sono utili e come eseguire correttamente le irrigazioni delle cavità nasali nei più piccoli

In questo articolo

Lavaggi nasali e sinusite

Le irrigazioni delle cavità nasali possono essere molto utili, sia per gli adulti che per i bambini, in caso di raffreddore o malattie dell'apparato respiratorio, soprattutto per i più piccoli che ancora non non sono in grado di soffiarsi il naso. Ma quanto detto vale anche in caso di lavaggi nasali e sinusite? Ecco cosa sapere.

Sinusite nei bambini

La sinusite è un'infezione che colpisce i seni paranasali. Nei più piccoli, si può presentare con naso tappato e febbricola, mentre nei bambini più grandi e negli adolescenti, tra i sintomi più comuni troviamo anche la tosse, che generalmenre non migliora dopo i primi 7 giorni di sintomi del raffreddore, febbre, peggioramento della congestione nasale, alitosi, dolore ai denti, mal d'orecchie e viso gonfio.

Benefici dei lavaggi nasali nei bambini

Scopriamo, innanzi tutto, quali sono i benefici dei lavaggi nasali nei bambini. Diversi studi recenti hanno dimostrato che l'irrigazione nasale con soluzione fisiologica, una pratica ampiamente utilizzata per il trattamento delle malattie delle vie respiratorie superiori negli adulti, può essere efficace nei più piccoli con problemi respiratori di natura infettiva e/o allergica, non solo come trattamento aggiuntivo, ma anche da solo. Nello specifico:

  • aiutano a ridurre il muco denso che non può essere drenato da solo e a pulire la cavità nasale

  • migliorano i raffreddori cronici

  • migliorano il drenaggio dei seni paranasali

  • prevengono la diffusione di agenti patogeni dal naso e dai seni paranasali ai polmoni

  • aiutano a ridurre il numero di agenti patogeni, scorie, allergeni e sostanze prodotte dalle reazioni dell'organismo agli allergeni.

  • contribuiscono a mantenere umide le mucose

  • alleviano il naso chiuso con conseguente miglioramento della respirazione

  • alleviano l'irritazione del naso

  • il lavaggio nasale prima dell'uso dello spray nasale rende quest'ultimo più efficace

Lavaggi nasali e sinusite: sono utili?

Uno studio del 2009 ha dimostrato che l'irrigazione nasale con soluzione fisiologica normale migliora i casi di rinocongiuntivite pediatrica e riduce i sintomi della sinusite acuta.

I lavaggi nasali sono quindi considerati un trattamento aggiuntivo efficace per la sinusite acuta pediatrica. Inoltre, secondo alcuni risultati, nei bambini atopici migliorerebbe anche i sintomi legati alle allergie.

Ad ogni modo, nella maggior parte dei casi, gli episodi di sinusite acuta che seguono un'infezione dovuta al raffreddore comune tendono a risolversi spontaneamente in breve tempo, magari con l'aiuto di lavaggi frequenti con soluzioni ipertoniche, che aiutano a liberare il naso dalle secrezioni catarrali. Possono essere utili anche gli spray, in quanto, oltre a rimuovere il muco, decongestionano la mucosa, favorendo un drenaggio più profondo del muco infetto contenuto nei seni paranasali. Queste si possono utilizzare sia dopo i lavaggi nasali con soluzione fisiologica, sia in sostituzione di questa, ma non più di 7-10 giorni consecutivi, mentre vanno evitate in caso il bambino tenda a perdere sangue dal naso.

Nelle sinusiti più severe, in presenza di dolore e febbre alta, o nel caso in cui si sospettano patologie come otiti medie catarrali, il medico potrebbe suggerire una terapia antibiotica.

Come fare i lavaggi nasali ai bambini

Lavaggi nasali e sinusite sono, quindi, una combo che, nei casi lievi, può essere vincente. Vediamo, però, come fare le irrigazioni nasali ai bambini nel modo corretto.

Occorrente per i lavaggi nasali

  • Siringa da 2,5 ml o 5 ml senza ago.

  • Fazzoletti, per pulire il bambino dopo il lavaggio nasale.

  • Soluzione: solitamente si preferisce la soluzione di sodio cloruro allo 0.9% (soluzione fisiologica), in ogni caso è bene chiedere farsi consigliare dal proprio pediatra.

Procedimento

  • Riempite la siringa con la soluzione che andrete a utilizzare.

  • Mettete il bambino sdraiato sul fianco, se ha meno di un anno e mezzo, mettetelo in posizione supina con la testa girata di lato.

  • Inserite il beccuccio della siringa nella narice più in alto, inclinandola in modo che punti verso l'orecchio dello stesso lato.

  • Iniettate, quindi, la soluzione con un movimento continuo e deciso: a questo punto la vedrete uscire dall'altra narice

  • Asciugate il naso del bambino e, una volta che si è tranquillizzato, posizionatelo sdraiato sul fianco opposto e ripetete la procedura con la seconda narice.

  • Se vi accorgete che la presenza di muco è abbondante, potete ripetere l'operazione da entrambe le narici.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli