Home Bambino Salute

Le principali allergie che possono colpire i bambini in casa

di Francesca Capriati - 23.02.2022 - Scrivici

le-principali-allergie-che-possono-colpire-i-bambini-in-casa
Fonte: shutterstock
Le principali allergie che possono colpire i bambini in casa: come riconoscere i sintomi delle allergie e come proteggere i bambini nell'ambiente domestico

Le principali allergie che possono colpire i bambini in casa

Respiro affannoso, tosse e starnuti: i bambini allergici hanno sintomi abbastanza fastidiosi che possono manifestarsi all'improvviso o riacutizzarsi quando tutto sembrava essere passato. Cosa scatena le allergie dei bambini? Qualche suggerimento per migliorare la qualità della vita e il benessere dei nostri figli in caso di allergia e per riconoscere le principali allergie che possono colpire i bambini in casa.

In questo articolo

Cosa sono le allergie

Quando il sistema immunitario si difende da qualcosa che per la maggior parte delle persone è innocuo, si parla di reazione allergica.

L'allergene o la sostanza incriminata, può essere il cibo, i peli di animali domestici o il polline, innesca la risposta del sistema immunitario che comincia a produrre una serie di anticorpi rilasciando istamine. Da questa risposta, del tutto personale, derivano i sintomi tipici dell'allergia, vediamo quali.

I sintomi

Il nostro bambino potrebbe avere un'allergia se ha occhi che lacrimano e prudono, naso che cola e la gola che fa il solletico, si tratta con ogni probabilità di raffreddore da fieno o rinite allergica, la forma più comune di allergia tra i bambini. Ma l'allergia può anche manifestarsi con l'asma, un'infiammazione dei bronchi che causa tosse stizzosa e secca, difficoltà a respirare e respiro sibilante.

Quali sono le allergie più comuni?

  • Il polline: la rinite allergica stagionale è dovuta all'allergia al polline. Provoca infiammazione e gonfiore del rivestimento del naso e della congiuntiva. Tra i sintomi: starnuti, congestione e prurito, lacrimazione agli occhi, naso e bocca. In alcune persone si possono verificare anche i sintomi dell'asma allergica.
  • Acari della polvere: gli acari della polvere sono microrganismi che vivono nella polvere e nelle fibre degli oggetti domestici come cuscini, materassi, moquette e tappezzeria. Crescono e proliferano in luoghi caldi e umidi. I sintomi dell'allergia agli acari della polvere sono simili a quelli dell'allergia ai pollini, come è simile il trattamento.
  • Muffe: le muffe sono piccoli funghi con spore che galleggiano nell'aria come il polline e sono uno dei fattori scatenanti più comune per le allergie. Si presentano nelle stanze dove c'è più umidità, la cucina o il bagno.
  • Peli di animali: le reazioni allergiche possono essere causate dalle proteine ​​secrete dalle ghiandole sudoripare degli animali e dalle proteine ​​della saliva. Sarebbe opportuno tenere il nostro animale domestico fuori dalla camera da letto.

Le allergie in casa

Siamo assolutamente certi di lasciare fuori casa la maggior parte degli allergeni, ma in realtà muffe, acari della polvere, pelo dei nostri pet e perfino i pollini che portiamo all'interno su scarpe e indumenti penetrano in casa aumentando i livelli di inquinamento indoor.

In alcuni casi, l'aria di casa può essere fino a 5 volte più inquinata di quella esterna.

Si possono curare le allergie?

Le allergie non possono essere curate ma i sintomi si possono controllare utilizzando i farmaci e mettendo in atto alcune strategie, soprattutto nell'ambiente domestico.

Cosa si può fare nelle nostre case per migliorare il benessere dei bambini allergici

  • Organizzare la cameretta: niente tappeti o tende pesanti, ci sono in commercio tante alternative, ad esempio le tende alla veneziana in legno oppure i tappetini in gomma come scendiletto, si tratta di soluzioni a portata di mano che tornano utili anche quando si deve fare pulizia.
  • Spostare la maggior parte dei libri e dei peluche in un'altra stanza.
  • Spolverare almeno una volta alla settimana o anche di più se possibile.
  • Usare un aspirapolvere con sacchetti che non permettano la fuoriuscita della polvere o munita di un filtro HEPA (aria particolata ad alta efficienza).
  • Eliminare le coperte di lana e piumini.
  • Lavare la biancheria da letto in acqua calda almeno una volta alla settimana e asciugarla con un'asciugatrice calda.
  • Mantenere la casa fresca e asciutta perché così si riducono gli acari della polvere e le muffe.
  • Utilizzare regolarmente un purificatore d'aria capace di catturare i gas e le particelle ultrafini presenti nell'aria (come gli allergeni PM10, cioè pollini e allergeni di fiori e piante).
  • Bandire il fumo: il fumo può aumentare i depositi di allergeni nel naso e nei polmoni dei più piccoli, per questo è assolutamente vietato il fumo, il fuoco di stufe a legna o camini, le candele e l'incenso.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli