Home Bambino Salute

Come si prende e come si riconosce la meningite fulminante nei bambini

di Elena Berti - 10.08.2022 - Scrivici

bambinoammalato.600
Fonte: shutterstock
Meningite fulminante bambini: perché succede, che origine ha, come si prende e come riconoscerla. Quali sono le conseguenze?

Meningite fulminante bambini

Quando si diventa genitori si devono fare i conti con diversi aspetti del tutto nuovi. Tra questi sicuramente la paura che a proprio bambino possano succedere delle cose brutte, più o meno gravi. E una delle paure più grandi è senza dubbio la meningite fulminante bambini, un evento non frequente ma che ha esiti davvero infausti. Vediamo quindi che cos'è, come si prende e come riconoscerla tempestivamente.  

In questo articolo

Che cos’è la meningite

La meningite è una malattia che di solito ha origine infettiva e che colpisce il sistema nervoso centrale. Si chiama meningite proprio perché infiamma le meningi, cioè le membrane situate a protezione dell'encefalo e del midollo spinale. Dato che intacca il cervello, si tratta di una condizione molto grave che può portare a conseguenze che compromettono la salute di chi è colpito, fino addirittura alla morte. Si parla di meningite fulminante bambini quando i piccoli sono colpiti da una forma di meningite acuta che si sviluppa in pochissime ore e che, il più delle volte, porta al decesso.

La meningite è causata da batteri o virus, più raramente da funghi o parassiti. Tra i batteri che più spesso la causano ci sono l'Escherichia Coli, la Listeria, lo Streptococco Pneumoniae e Neisseria Meningitidis. Anche virus come gli Enterovirus o l'Herpes Simplex possono causare meningite.

La meningite fulminante è spesso associata a infezioni batteriche.

Come si trasmette la meningite

Bambini molto piccoli e adolescenti sono più a rischio di contrarre la meningite da meningococco, quindi di tipo batterico. Per prenderla è necessario essere stati in contatto prolungato e stretto con persone infette (anche portatori sani), per questo bambini e adolescenti sono più colpiti: i piccoli al nido si scambiano più facilmente oggetti, gli adolescenti hanno scambi ravvicinati. In ogni caso, è necessario un contatto molto stretto e, anche in quel caso, non è detto che si sviluppi meningite fulminante.

Sintomi della meningite: come riconoscerla?

I sintomi della meningite possono variare da persona a persona. La malattia può colpire tutte, ma più spesso i bambini sotto il 4 anni e gli adolescenti. Nei bambini molto piccoli, quindi, può essere difficile riconoscere prontamente i sintomi, anche per i medici. In ogni caso, seppur non sempre presenti, tra i sintomi più comuni ci sono: 

  • rigidità nucale
  • vomito
  • febbre

Spesso i bambini con meningite, a causa dell'infiammazione, non riescono a girare bene la testa. Se notate questo sintomo, soprattutto associato ad altri e a malessere generico, consultate subito un medico. La sintomatologia può però variare ed estendersi a fotofobia, dolori articolari, inappetenza, convulsioni.  

Saper individuare subito la malattia è uno dei principali fattori per intervenire sulla meningite fulminante, ma purtroppo la diagnosi sicura - fatta attraverso prelievo spinale - non è semplice e immediata e, anche se arriva in tempi brevissimi, potrebbe non essere sufficiente.

Una meningite diventa fulminante quando l'organismo non riesce a reagire all'infezione e, poco a poco, collassa. Per questo è necessario rivolgersi al pronto soccorso se i sintomi peggiorano rapidamente.

Conseguenze della meningite fulminante bambini

Come dicevamo, la meningite fulminante è generalmente di origine batterica e si verifica quando la malattia intacca funzioni vitali e l'organismo non riesce a rispondere. In quel caso, purtroppo interviene sepsi, oppure infiammazione multisistemica, e gli organi sono a rischio collasso. Spesso è richiesta la terapia intensiva o la rianimazione, e anche quando il paziente riesce a salvarsi la qualità della vita può essere compromessa. Ci possono essere compromissioni cognitive, o ancora possono rendersi necessari interventi chirurgici, come per esempio in caso di gangrena (amputazione di dita o altro).  

La meningite fulminante rappresenta solo una piccola parte del totale delle meningiti: prima si interviene con dose massicce di antibiotici (e ricovero in ospedale) più facilmente si potranno evitare le conseguenze peggiori, come amputazioni, problemi alla vista, deficit cognitivi o motori, morte.

Come evitare la meningite nei bambini

Per evitare la meningite fulminante bambini è necessario evitare in toto la meningite, in particolare quella batterica. A questo proposito esiste in Italia la vaccinazione contro il meningococco, a oggi il modo migliore per proteggersi dalle forme gravi della malattia. Anche i vaccini contro Emofilo B (contenuto nell'esavalente) e contro lo Pneumococco sono utili per proteggersi contro le forme fulminanti di meningite.  

Inoltre è importante mantenere norme di igiene accurate, in particolare nei luoghi affollati, e insegnare ai figli anche adolescenti a non scambiarsi bicchieri, cibo, posate o altro.  

La meningite fulminante è un evento raro che però può svilupparsi anche in 24/48 ore e portare al decesso. È causata per lo più da infezioni batteriche e per questo la vaccinazione è a oggi il miglior modo per proteggersi.  

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli