Home Bambino Salute

Morso del ragno nei bambini, quando preoccuparsi

di Simona Bianchi - 22.04.2024 - Scrivici

morso-del-ragno-nei-bambini-quando-preoccuparsi
Fonte: Shutterstock
Il morso del ragno nei bambini e negli adulti è quasi sempre innocuo. Quali sono i sintomi e cosa fare per attenuare la reazione

In questo articolo

Morso del ragno nei bambini

Il morso di ragno nei bambini è quasi sempre innocuo e provoca solo una lesione, simile a quella di altri insetti, che guarisce in poco tempo. Anche le specie più velenose hanno conseguenze per lo più locali, dolorose ed evidenti ma raramente che possano causare reazioni gravi o mortali nei più piccoli. In Italia esistono tre specie di ragni velenosi: ragno bruno solitario (noto anche come ragno violino), la vedova nera e la tarantola. Questi animali mordono in genere se vengono spaventati, calpestati o molestati, per esempio mettendo la mano in una fessura in cui è nascosto.

Quando preoccuparsi per il morso del ragno

I morsi dei ragni possono essere estremamente dolorosi, ma la maggior parte causa solo reazioni lievi come gonfiore e arrossamenti. Si stima che il 99% siano praticamente innocui, nei casi restanti possono invece verificarsi ferite necrotiche, tossicità sistemica e anche morte. Questo è il principale motivo per cui i genitori si preoccupano quando c'è il rischio che il loro figlio entri a contatto con un ragno. L'ospedale Niguarda invita a chiamare il Centro Antiveleni o a rivolgersi a un medico se i sintomi locali nelle ore successive compaiono e si aggravano o se compare una lesione caratterizzata da una zona centrale inizialmente più arrossata che diventa più scura con il passare delle ore.

Quali sono i sintomi del morso del ragno

Di solito i sintomi del morso del ragno si presentano nelle 24 ore dall'incidente e scompaiono in un paio di giorni. Il processo di guarigione può allungarsi se l'area del morso viene infettata. Il morsi del ragno si riconoscono perché provocano due minuscoli fori, rossore e gonfiore dell'area, lieve dolore e possibile prurito. I sintomi dipendono molto dalla tipologia di animale con cui si viene in contatto, in generale potrebbero manifestarsi:

  • Gonfiore e arrossamento nella parte intorno al morso
  • Dolore
  • Rigidità articolare
  • Stanchezza
  • Febbre e dolori muscolari
  • Nausea e vomito
  • Reazioni allergiche.

I sintomi delle tre tipologie di ragno velenoso in Italia

Come detto, nel nostro Paese sono presenti tre tipi di ragno velenoso.

Il ragno violino provoca entro 4-8 ore una lesione locale arrossata. Entro 2-3 giorni nella sede del morso si formano delle vesciche con la parte centrale che appare infossata e assume un colore bluastro. Infine si forma una crosta nerastra che può impiegare settimane a cadere.Nei bambini piccoli potrebbero comparire anche brividi, tremori, febbre ed eventualmente stato di shock. La tarantola lascia evidenti sulla cute i due fori dei denti, la zona diventa dolente e bluastra, in seguito si forma una crosta nerastra che impiega tempo a guarire. Contrariamente a quanto si pensa, il morso della tarantola è meno pericoloso di quello del ragno violino, e quasi mai mortale. Il morso della vedova nera, se la quantità di veleno iniettata è poca, non è molto doloroso, ma il veleno agisce rapidamente provocando sia lesioni locali che sintomi generali anche gravi. I sintomi sono intorpidimento, arrossamento e gonfiore. Nella zona in cui si è stati morsi si formano vescicole, la parte diventa bluastra, evolvendo in una crosta nerastra. Potrebbero comparire anche mal di testa, nausea e vomito, sudorazione, mal di pancia, irrigidimento dei muscoli, tremori, febbre, difficoltà respiratoria, vertigini, perdita di coscienza.

Cosa fare per curare il morso del ragno

La prima cosa da fare contro il morso del ragno è pulire la ferita, applicare ghiaccio sulla parte colpita per ridurre il dolore e, se la sede del morso è in un'estremità, sollevare la parte interessata. Per il morso della vedova nera, il dolore e gli spasmi muscolari potrebbero essere trattati con sedativi e analgesici. L'antidoto si somministra nel caso di sintomi gravi e talvolta anche se sono di grado moderato, come crampi muscolari o altri sintomi generalizzati. Per i giovani fino a 16 anni è di solito necessario il ricovero. Per quanto riguarda i morsi di ragno bruno, la maggior parte guarisce senza complicanze.

Le ulcere cutanee devono essere pulite quotidianamente con una soluzione di iodopovidone e immerse 3 volte al giorno in soluzione salina sterile (fisiologica); mentre per le ferite da moderate a gravi può essere necessario intervenire chirurgicamente.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli