Home Bambino Salute

Cosa fare se tuo figlio ha l’orzaiolo

di Elena Berti - 17.08.2022 - Scrivici

orzaiolo-bambini
Fonte: Shutterstock
Orzaiolo bambini: che cos'è, come si riconosce, quali sono i sintomi, dolore, bruciore, pus, perché sembra un brufolo e come curarlo

Orzaiolo bambini: cause, sintomi, cura

I bambini si sa, si ammalano spesso. Senza pensare a patologie gravi, fortunatamente più rare, fin da piccolissimi possono fare i conti con infezioni virali o batteriche, quindi raffreddori, febbri, otiti, gastroenteriti. Ma ci sono altri piccoli fastidi che a volte non si conoscono e che, quando si presentano, ci lasciano un po' interdetti: conosce l'orzaiolo bambini? Un disturbo che non deve preoccupare ma che comunque può creare molto fastidio nei piccoli.  

In questo articolo

Che cos’è l’orzaiolo

L'orzaiolo è una problematica molto diffusa ma ancora poco conosciuta, perché spesso confusa con altro. Si tratta di un'infiammazione acuta a carico delle ghiandole sebacee delle palpebre, che poi altro non sono che la base della radice delle ciglia. L'orzaiolo ha un aspetto simile a un foruncolo, per questo inizialmente viene confuso e poi, risolvendosi da solo la maggior parte delle volte, viene ignorato. L'orzaiolo bambini può però spaventare i genitori, soprattutto se il piccolo lamenta dolore o altri fastidi.  

Esistono due tipi di orzaiolo: 

  • quello esterno, più comunque e meno fastidioso, che coinvolge le ghiandole sebacee di Zeiss
  • quello interno, più fastidioso, che coinvolge le ghiandole di Meibomio

Cause dell’orzaiolo bambini

Come dicevamo, l'orzaiolo è un'infiammazione, dove il più delle volte da un'infezione batterica dovuta allo. I bambini non sono più colpiti degli adulti, ma la diffusione è più facile perché hanno la tendenza a toccarsi e grattarsi gli occhi con le mani sporche.  

La sua apparizione non deve quindi spaventare, perché non è legata ad altre problematiche o malattie.  

Come si riconosce l’orzaiolo nei bambini

Come abbiamo accennato, l'orzaiolo bambini appare come un vero e proprio brufolo: la ghiandola sebacea si infiamma e produce pus, con la normale evoluzione che conosciamo.

L'orzaiolo esterno è meno fastidioso, quello interno dà molti più sintomi sgradevoli, ma in linea di massima la sintomatologia associata all'orzaiolo può prevedere: 

  • bruciore e/o prurito
  • arrossamento
  • edema e/o rigonfiamento
  • sensazione di corpo estraneo nell'occhio 
  • pus

Raramente l'orzaiolo dà sintomi al di fuori dell'occhio, come febbre.  

Come si cura l’orzaiolo bambini

Generalmente riconoscere un orzaiolo è semplice e vi basterà andare in farmacia per chiedere consiglio. Se avete dei dubbi, potete consultare il vostro oculista, anche telefonicamente. Si tratta di una condizione non pericolosa che ha un decorso breve e spesso non necessita trattamenti, ma dipende dalla sua evoluzione.  

In un primo momento può quindi essere utile effettuare degli impacchi caldi e umidi per dare sollievo e ridurre il gonfiore. Esistono delle garze apposite per pulire l'occhio, qualora fosse chiuso al mattino, oppure la classica soluzione fisiologica con garze sterili. È importante che il bambino non si gratti l'occhio perché questo guarisca presto. Di solito, una volta formatosi il pus l'orzaiolo si rompe e si drena da solo, facendo così diminuire notevolmente il dolore.  

Se dopo qualche giorno la situazione non cambia - in genere l'orzaiolo dura tra i 2 e i 4 giorni - meglio parlarne con l'oculista, che potrebbe consigliare delle pomate antibiotiche. Sconsigliato invece il fai da te, come pure cercare di schiacciare gli orzaioli esterni o peggio ancora bucarli. La parte non va toccata e solo lenita con impacchi umidi e caldi.  

L'orzaiolo è un'infiammazione acuta delle ghiandole delle palpebre che colpisce di frequente anche i bambini. Non è pericoloso, anche se può ripresentarsi e diventare recidivo. Il più delle volte il suo decorso è veloce senza bisogno di interventi e solo raramente è necessario un medicinale sotto prescrizione dell'oculista.

 

FONTI

Calazio e orzaiolo

Stye (sty) 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli