Home Bambino Salute

Placche alla gola dei bambini: cause e terapia

di Francesca Capriati - 18.06.2021 - Scrivici

placche-alla-gola-dei-bambini
Fonte: shutterstock
Placche alla gola dei bambini: quali sono i sintomi delle placche in gola, quali le cause, quanto durano e come toglierle

Placche alla gola dei bambini

Molte volte quando i bambini hanno mal di gola e andiamo dal pediatra, lo specialista evidenzia la presenza di placche in gola: cosa possono indicare e come vengono trattate?

In questo articolo

Cause

Le principali cause della presenza di placche in gola dei bambini sono infezioni di natura virale o batterica a carico del rivestimento mucoso della faringe. I più comuni agenti infettivi responsabili di questa manifestazione sono:

  • batteri: soprattutto streptococco beta-emolitico del gruppo A e Staphylococcus aureus.
  • virus: il virus di Epstein-Barr, responsabile della mononucleosi.

In alcuni casi le placche possono essere l'espressione di una micosi in atto, come la candida.

Come si presentano le placche in gola nei bambini

Nella maggior parte dei casi le placche sono ben visibili a occhio nudo (basta chiedere al bambino di spalancare la bocca, dire "aaaaa" e far luce con una piccola torcia per scorgere delle pustolette di colore bianco-giallastro distribuite nella parte posteriore della gola, sulle tonsille, sull'ugola e sul palato.

Spesso sono la più evidente espressione di una tonsillite, cioè un'infiammazione delle tonsille, o della faringite.

La presenza delle placche è associata, nel bambino:

  • dolore alla gola e infiammazione,
  • difficoltà a deglutire e inappetenza
  • febbre
  • sintomi influenzali e da malattia da raffreddamento;
  • alitosi,
  • raucedine.

A volte si presenta anche un ingrossamento dei linfonodi del collo.

Tonsillite, cos'è?

La tonsillite è un'infezione, batterica o virale, delle tonsille palatine. Le tonsilliti virali, di gran lunga le più frequenti, sono causate da Adenovirus e Rhinovirus. Le tonsilliti batteriche sono invece spesso sostenute dalla famiglia degli streptococchi

Quanto durano le placche in gola nei bambini?

Le infezioni virali non possono essere trattate con antibiotici, che prendono di mira i batteri. L'organismo combatte i virus da solo e solitamente il mal di gola, e le relative placche, causate da agenti infettivi virali scompare nel giro di 3-5 giorni.

Come toglierle?

Di norma se la febbre persiste oltre questa finestra temporale (quindi oltre i 3 giorni) il pediatra prescriverà gli antibiotici perché è molto probabile che si sia innescata un'infezione di natura batterica.

Il corpo ha bisogno di riposo il bambino sarà inappetente e probabilmente non vorrà mangiare ma è molto importante mantenerlo idratato proponendogli bevande fresche e tanta acqua.

Se il dolore e il disagio sono persistenti si può somministrare del paracetamolo o ibuprofene, ma sempre solo dopo aver chiesto il parere del medico.

Come dare gli antibiotici

E' molto importante seguire attentamente le indicazioni del medico sia per la quantità del farmaco da somministrare al bambino, sia per la durata del trattamento con antibiotici.

Assicuriamoci che il bambino prenda tutte le medicine esattamente come indicato, anche se si sente meglio. Se il trattamento antibiotico si interrompe troppo presto, l'infezione può peggiorare o diffondersi nel corpo.

Se l'antibiotico è in forma liquida è bene chiedere al pediatra quale sia il dosaggio corretto per l'età e peso del bambino. Misurare sempre ogni dose utilizzando il dispositivo in dotazione, come la siringa o il cucchiaino.

 

Quando preoccuparsi

E' bene chiamare il pediatra se il mal di gola è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • Una febbre superiore a 38,5 C])
  • Pus sulle tonsille
  • Dolore serio alla gola
  • Impossibilità a deglutire e a bere
  • Dolore alle orecchie
  • Gonfiore ai linfonodi del collo in peggioramento
  • Difficoltà respiratoria
  • Forte mal di testa
  • Articolazioni rosse e dolenti diverse settimane dopo il mal di gola
  • Urina scura fino a 3 o 4 settimane dopo il mal di gola
  • Una eruzione cutanea

Chiamare il medico anche se dopo la terapia antibiotica il bambino non sta meglio.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli