Home Bambino Salute

Pubertà precoce: che cos'è e cosa comporta

di Elena Berti - 28.04.2022 - Scrivici

puberta-precoce
Fonte: Shutterstock
La pubertà precoce è la comparsa dei segni di sviluppo puberale prima dell'età di 8 anni per le femmine prima dei 9 anni nei maschi. Vediamo insieme

I primi segnali di sviluppo di un bambino o di una bambina mettono sempre in allarme i genitori: quando è normale che spunti il bottone mammario? Quando appaiono i primi peli? Anche se oggi si tende a chiamare adolescenti anche i bambini di 9 o 10 anni che si comportano in maniera un po' più autonoma e ribelle, non basta questo per parlare di pubertà precoce. Questa condizione, infatti, si verifica solo in determinati casi. Vediamo quali.

In questo articolo

Pubertà precoce: che cos'è

La pubertà precoce si verifica quando i primi segni di sviluppo compaiono prima degli 8 anni nelle bambine e prima dei 9 nei maschi. I segnali dello sviluppo precoce però non sono però per forza indice di pubertà, a volte si tratta di sbalzi ormonali isolati che poi si arrestano e riprendono nel momento giusto. 

I sintomi della pubertà precoce dovrebbero quindi essere numerosi e soprattutto non arrestarsi. Nelle bambine in particolare bisogna prestare attenzione a:

  • comparsa del bottone mammario
  • comparsa dei peli pubici
  • comparsa dei peli ascellari

Questi elementi precedono solitamente di alcuni anni l'arrivo del menarca, cioè le prime mestruazioni. Per questo motivo non è necessario allarmarsi se una bambina ha un accenno di bottone mammario: potrebbe non significare niente. 

Nel caso dei maschi, invece, lo sviluppo è caratterizzato dalla comparsa dei peli, da un cambiamento nella voce, che si fa più profonda, e dallo sviluppo sessuale. 

Se pensate che vostra figlia o vostro figlio stiano manifestando segnali di pubertà precoce, la miglior cosa da fare è parlarne col pediatra e con l'endocrinologo: soltanto quest'ultimo, infatti, saprà dirvi, anche grazie a esami specifici, se effettivamente vostro figlio o vostra figlia sta sviluppando troppo presto.

Negli ultimi anni, poi, a causa dei cambiamenti nelle abitudini che hanno coinvolto i bambini in seguito alla pandemia, si è registrato un incremento notevole dei casi di pubertà precoce. I motivi sono da ricercare nella sedentarietà, l'uso di dispositivi elettronici, lo stress emotivo e psicologico a cui sono sottoposti e la cattiva alimentazione

È importante non sottovalutare i segnali della pubertà precoce per evitare problemi nello sviluppo ma anche per scongiurare disturbi psicologici causati da un corpo che cambia troppo presto rispetto ai coetanei. È altresì importante spiegare, in particolare alle ragazze, che cosa accade al corpo crescendo e cosa sono le mestruazioni. Anche se la comparsa dei primi segni di sviluppo non indicano un arrivo immediato del menarca (in genere dal bottone mammario passano almeno due anni prima delle mestruazioni), è giusto preparare le ragazzine a questo grande cambiamento.

Pubertà precoce femminile: i sintomi

La pubertà femminile generalmente comincia tra i 10 ei 14 anni, tranne quando si tratta di pubertà precoce. Come indicato dalla SIPPS, questa insorge prima dell'età di 8 anni attraverso alcuni segnali:

  • maturazione delle ovaie;
  • sviluppo dei caratteri sessuali secondari;
  • raggiungimento anticipato della maturità riproduttiva;
  • abbozzo mammario (telarco);
  • comparsa dei peli pubici e ascellari;
  • comparsa del primo ciclo mestruale (menarca precoce);
  • eventuale comparsa dell'acne;
  • rapido accrescimento staturale;
  • maturazione scheletrica precoce.

Per questo, come accennavamo, è fondamentale confrontarsi con un medico, in particolare con l'endocrinologo, per poter fare tutti gli accertamenti del caso.

Pubertà precoce: le cause

La pubertà sopraggiunge per dei cambiamenti ormonali che avvengono nell'organismo di bambine e bambini, in particolare di quelli indotti dalla ghiandola ipofisaria (gonadotropine) che hanno il compito di stimolare testicoli e ovaie. L'incidenza della pubertà precoce è molto più alta nei bambini e nelle bambine che hanno familiarità: se la mamma è sviluppata molto presto, è piuttosto probabile che capiti anche alle sue figlie. Generalmente, quindi, le cause della pubertà precoce sono ambientali e genetiche e di rado dovute e malattie.

Ma cosa comporta, effettivamente, la pubertà precoce? Oltre allo sviluppo troppo rapido e ante tempo del corpo, gli ormoni spingono la crescita in altezza, rischiando di frenarla prima del dovuto, questione che potrebbe causare problemi fisici e psicologici a bambine e bambini. Se il corpo arriva a maturazione troppo in fretta, questa maturazione rischia infatti di restare incompleta. 

Per diagnosticare la pubertà precoce, però, non basta guarda l'altezza o qualche segnale. Come dicevamo, è necessario approfondire la questione con un medico endocrinologo che può prescrivere esami del sangue specifici (anche successivi alla somministrazione di alcuni farmaci), radiografie ed ecografie. 

Nel caso in cui venga effettivamente diagnosticata pubertà precoce, il tipo di trattamento varia in genere a seconda del soggetto e della problematica. In alcuni casi si lavora per raggiungere un'altezza che corrisponda a quella dei genitori, ma ci si pone anche come obiettivo il benessere psicologico del bambino o della bambina. Inoltre, si può intervenire per salvaguardare la fertilità

 

Per fare tutto ciò possono essere impiegati dei farmaci inibitori degli ormoni, che a oggi sono considerati sicuri ed efficaci. 

La pubertà precoce è in continuo aumento: se sospettate che vostro figlio o vostra figlia stiano sviluppando troppo presto, parlatene con un medico e valutate insieme il da farsi, anche per evitargli disagi psicologici in un'età tanto delicata.

Aggiornato il 09.06.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli