Home Bambino Salute

Quando un bambino deve fare i sonnellini?

di Giulia Foschi - 19.08.2021 - Scrivici

quando-un-bambino-deve-fare-i-sonnellini
Fonte: Shutterstock
Il riposo diurno è un bisogno fisiologico per il neonato e per il bambino: consente di recuperare energie. Quando un bambino deve fare i sonnellini

Quando il bambino deve fare i sonnellini?

Il sonnellino è un bisogno fisiologico, un'attività, se così si può dire, a cui i bambini si abbandonano volentieri, soprattutto i più piccoli. La durata è molto variabile: alcuni si ricaricano durante un riposo di mezz'ora o un'ora, altri invece hanno necessità di dormire più a lungo. Quando un bambino deve fare i sonnellini? Ci sono delle indicazioni utili e delle informazioni che è bene conoscere su questa componente del sonno così importante. Ne parliamo con il pediatra Alberto Ferrando, autore del libro "Il libro della nanna – Cosa sapere e cosa fare per il sonno felice del tuo bambino" (Edizioni Lswr).

In questo articolo

Il sonnellino del bambino a 4 mesi, 6 mesi e 9 mesi

Qual è il numero e la durata indicativa dei sonnellini in base ai mesi del bimbo?

"A 3-4 mesi il piccolo farà in media tre sonnellini al giorno, della durata di 4-6 ore: ancora, infatti, trascorre la maggior parte del tempo dormendo.

A 6 mesi i sonnellini possono essere tre o due, ma leggermente più brevi, di 3-4 ore.

A 9 mesi calcoliamo un paio di sonnellini al giorno, di 2-4 ore ciascuno".

Il sonnellino del bambino ad un anno e a due anni

E un bambino ad un anno e due anni quanto dovrebbe dormire durante il giorno?

"A 12 mesi saranno 1-2, della durata di 2-3 ore.

Mentre a 2 anni di solito un solo sonnellino di 1-2 ore è sufficiente".

Quando il bambino dormirà per tutta la notte

"Non c'è modo di prevedere quando comincerà a dormire tutta la notte: questo varia molto da bambino a bambino. I bambini allattati al seno, di solito, nei primi mesi, fanno dalle 8 alle 12 poppate al giorno, quindi almeno ogni 2 o 3 ore. La maggior parte dei piccini poco per volta prolungherà gli intervalli di sonno notturno, ma avrà comunque bisogno di poppare anche di notte per diversi mesi. Tenere i piccoli vicini a sé durante la notte rende meno faticoso l'accudimento notturno, per cui è consigliabile avere il bambino vicino, nel suo lettino o culla o, se si preferisce, con adeguate misure di sicurezza, nel lettone".

Sonnellini e sonno notturno

"In genere i bambini si autoregolano e si svegliano da soli. Tuttavia se il riposo pomeridiano si protraesse troppo a lungo può ritardare l'ora della nanna alla sera. In questo caso è bene consentire il sonnellino pomeridiano al piccolo, provvedendo a svegliarlo dolcemente dopo un certo lasso di tempo. Bisogna tenere presente che quando vostro figlio viene svegliato, anche se ha riposato bene, può provare qualche difficoltà a riprendersi. In questo caso bisogna avere pazienza e concedere al bambino il tempo necessario per farlo. Talvolta il bambino ha bisogno di aiuto per regolare gli orari dei sonnellini. In questo caso è possibile intervenire con gradualità anticipandoli o posticipandoli di un quarto d'ora al giorno. Piano piano, l'orologio biologico del bambino si regolerà".

Come fare addormentare il bambino per i sonnellini?

C'è un modo per aiutare il bambino ad addormentarsi per i sonnellini?

"Non lo si può imporre. I sonnellini sono necessari nel momento in cui si notano i primi segnali di stanchezza e cioè quando il bambino:

  • si strofina gli occhi;
  • si mostra infastidito;
  • sbadiglia;
  • si sdraia per terra o su una sedia;
  • perde interesse nelle persone o nei giocattoli;
  • diventa noioso, lamentoso, piagnucoloso o, addirittura, ha crisi di pianto;
  • chiede il ciuccio o di essere allattato.
  • diventa più silenzioso e rallenta le sue attività.

Quando si presentano queste condizioni, è facile accompagnare il bambino verso il sonno, creando un ambiente tranquillo e confortevole. In generale, non c'è  un metodo standard per far dormire i piccoli: ogni approccio al sonno deve essere calibrato e individualizzato per ogni singolo bambino e ogni singola famiglia".

Il sonno dei bambini: linee guida internazionali

Esistono delle linee guida di riferimento sui sonnellini?

"La National Sleep Foundation americana, punto di riferimento internazionale, ha elaborato una tabella che elenca le ore di sonno consigliate complessive. Sono inclusi, quindi, anche i sonnellini. Nei primi periodi della vita, infatti, i bambini non distinguono il giorno dalla notte. Ci si può regolare in base al numero e alla durata indicati in precedenza".

Ore di sonno a seconda dell'età secondo la National Sleep Foundation

L'intervistato

Alberto Ferrando è pediatra di famiglia dal 1978, si occupa da anni di divulgazione e di corsi. È autore di numerosi articoli per varie testate e dal 2011 dialoga con mamme e papà attraverso il suo blog.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli