Home Bambino Salute

Raffreddore cronico nei bambini: quali sono le cause

di Ines Delio - 28.02.2024 - Scrivici

raffreddore-cronico
Fonte: Shutterstock
Il raffreddore cronico nei bambini può essere fonte di preoccupazione per i genitori: quali sono le cause e come gestirlo

In questo articolo

Raffreddore cronico nei bambini

Sebbene sia comunemente associato alle stagioni più fredde, il raffreddore può spesso trasformarsi in un disturbo persistente per alcuni bambini, diventando così non solo fastidioso per i più piccoli che ne sono affetti, ma anche fonte di preoccupazione per i genitori. Il raffreddore cronico nei bambini può avere diverse cause sottostanti: ecco cosa sapere.

Perché i bambini sono sempre raffreddati?

Quando si ha l'impressione che il bambino sia perennemente raffreddato, vengono spontanee alcune domande, del tipo: "Il mio bambino ha un sistema immunitario debole?", "I vestiti di mio figlio sono abbastanza caldi?", "Dovrebbe evitare di fare il bagno prima di andare a letto?". Nipunie S. Rajapakse, medico, specialista in malattie infettive pediatriche presso il Mayo Clinic Children's Center di Rochester, nel Minnesota, afferma che è comprensibile essere preoccupati, e spiega: "La maggior parte dei neonati e dei bambini in età prescolare può avere fino a 12 raffreddori all'anno ed essere comunque nella norma. In media, è probabile che si verifichino tra le sette e le otto infezioni all'anno. Questo numero può essere più alto per i bambini che frequentano l'asilo o quando iniziano a frequentare la scuola. È anche normale che i sintomi durino fino a 14 giorni. A volte la tosse può durare fino a sei settimane. Ciò significa che i bambini possono ammalarsi per la maggior parte dell'anno e avere comunque un sistema immunitario abbastanza normale". È quindi piuttosto comune che un bambino abbia più volte all'anno il raffreddore. Questo perché esistono centinaia di virus del raffreddore diversi e i più piccoli non sono immuni a nessuno di essi perché non li hanno mai avuti prima.

Le cause del raffreddore cronico nei bambini

Le cause del raffreddore cronico nei bambini possono essere molteplici. Ecco le più comuni.

  • Sistema immunitario ancora in via di sviluppo. Il sistema immunitario dei bambini è ancora "vergine" da un punto di vista immunologico, ossia non ha ancora sviluppato le difese contro i microorganismi che il corpo umano incontra nel tempo. I bambini, soprattutto quelli più piccoli, sono quindi più suscettibili alle infezioni virali, tra cui il raffreddore comune. Questo significa che possono contrarre il virus più frequentemente e che il loro corpo può avere difficoltà a combatterlo completamente, portando a sintomi persistenti. Crescendo, mano a mano che il sistema immunitario matura, gli episodi di raffreddore tendono a diventare meno frequenti.
  • Gli ambienti chiusi e affollati. L'esposizione ad ambienti con scarso ricambio d'aria e affollati, può aumentare il rischio di contrarre il raffreddore. Questo spiega perché nei mesi invernali, in cui si passano più ore al chiuso, è più facile prendere il raffreddore.
  • Asili nido e scuole. I virus del raffreddore tendono a concentrarsi ancora più facilmente negli asili nido e nelle scuole materne, dove si trasmettono da un bambino all'altro per via aerea, attraverso starnuti e tosse, o tramite il contatto con oggetti contaminati, come giocattoli o matite.
  • Il fumo passivo è un'altra possibile causa, poiché può irritare le vie respiratorie del bambino e renderlo più suscettibile alle infezioni.

I sintomi del raffreddore cronico

I sintomi del raffreddore cronico nei bambini possono essere simili a quelli del raffreddore comune, ma persistono per periodi più lunghi e possono variare in intensità.

Questi includono:

  • naso che cola
  • congestione nasale
  • starnuti frequenti
  • tosse
  • lieve mal di gola
  • irritabilità e difficoltà nel sonno

Alcuni bambini potrebbero non voler mangiare, avere mal di testa o essere più stanchi del solito. Il raffreddore può talvolta causare febbre, ma di solito non è molto alta. I sintomi possono durare circa una settimana, ma può succedere che su protraggano anche per due settimane. È bene anche sapere che alcuni virus respiratori che causano il raffreddore nei bambini più grandi e negli adulti possono causare malattie più gravi quando infettano i neonati e i bambini piccoli, tra cui tosse abbaiante o bronchiolite.

Come gestire il raffreddore cronico nei bambini

La gestione del raffreddore cronico nei bambini si concentra principalmente sul trattamento dei sintomi e sul supporto del loro sistema immunitario. Ecco alcune strategie e trattamenti da considerare per provare a dare sollievo ai più piccoli, alleviando il loro malessere.

  • Insegnare ai bambini l'importanza del lavaggio frequente delle mani e di coprire la bocca e il naso quando tossiscono o starnutiscono, per ridurre la diffusione dei virus.
  • Utilizzare un umidificatore nella stanza del bambino può aiutare a mantenere l'aria umida, alleviando la congestione nasale.
  • Assicurarsi che il bambino beva abbastanza liquidi, come acqua o tè caldo con miele, per aiutare ad alleviare il mal di gola e mantenere idratato il corpo, permettendo al muco di fluidificare.
  • Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi nutrienti può sostenere il sistema immunitario del bambino, aiutandolo a combattere l'infezione.
  • Fare lavaggi nasali frequenti con soluzioni ipertoniche, che aiutano a liberare il naso dalle secrezioni catarrali.

Se il raffreddore cronico persiste per più di due settimane o se il bambino presenta sintomi gravi come difficoltà respiratoria o febbre alta, è fondamentale consultare il pediatra.

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli