Home Bambino Salute

Se la febbre dei bambini arriva nel weekend: cosa fare e perché accade

di Francesca Capriati - 06.09.2022 - Scrivici

se-la-febbre-dei-bambini-arriva-nel-weekend
Fonte: shutterstock
Se la febbre dei bambini arriva nel weekend: c'è una spiegazione scientifica per la febbre del fine settimana. Le possibili cause e i rimedi

Se la febbre dei bambini arriva nel weekend

Una settimana di corsa, tra lavoro, impegni extrascolastici e scolastici dei bambini, casa e commissioni varie: arriva il venerdì e cominciamo a rifiatare e a pensare come potremo trascorrere due giorni in relax, magari con una gita fuori porta o una cena con gli amici. Ed ecco che il bambino inizia a starnutire, tossire, il termometro segna qualche linea di febbre. Cosa fare se la febbre dei bambini arriva nel weekend e soprattutto: perché accade così spesso? E' una febbre da stanchezza o c'è uno strano virus che attacca solo nel nostro tempo libero?

In questo articolo

Febbre da stanchezza?

Accade di frequente che i bambini si ammalino verso la fine della settimana o all'inizio di una vacanza. Potrebbe essere che il bambino sia particolarmente affaticato e ciò abbia indebolito il suo sistema immunitario, ma può anche essere che i sintomi di un malanno - raffreddore, tosse, mal di gola e magari una leggera febbre - vengano notati solo a fine settimana, quando i ritmi si allentano.

Quando possiamo parlare di febbre?

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità si deve parlare di febbre sopra i 37,5 °C.

In base alla temperatura si distinguono:

  • stato subfebbrile: 37 - 37,3°C
  • febbricola: 37,4 - 37,6
  • febbre moderata: 37,7 - 38,9
  • febbre elevata: 39 - 39,9.

La febbre nel weekend esiste davvero?

Inoltre, come spiega la pediatra Jennifer Shu alla CNN, dobbiamo tener presente alcuni fattori:

  • la temperatura corporea cambia nel corso della giornata: è più bassa al mattino e più alta nel tardo pomeriggio;
  • una temperatura normale può variare fino a 1 grado nel corso della giornata;
  • la temperatura corporea di un bambino tende a essere leggermente superiore a quella di un adulto, rendendo molto più evidente la febbre pomeridiana o serale;
  • i bambini si ammalano più spesso degli adulti (possono prendere da otto a 12 raffreddori all'anno rispetto a due o tre degli adulti) e restano malati più a lungo (circa due settimane invece di una).

Fatte queste premesse può essere solo una coincidenza il fatto che sembra che il bambino si ammali solo il venerdì o nel fine settimana.

E ancora, come spiega la pediatra del Meyer, Angela Pittari, può succedere che il bambino non sia completamente guarito da una precedenze influenza o malanno di stagione e sia tornato a scuola troppo presto. In questo modo, magari, ha frequentato l'intera settimana tra uno starnuto e un colpo di tosse, e poi i sintomi dell'infezione virale, compresa la febbre, sono riesplosi proprio nel weekend.

Inoltre il sistema immunitario dei bambini è ancora immaturo e la scuola, così come l'asilo, è un ricettacolo di batteri e virus che si propagano per via aerea molto facilmente.

Tutti noi sappiamo che un bambino che frequenta l'asilo probabilmente si ammalerà molto spesso durante l'inverno: se, dopo una precedente malattia, torna a scuola troppo presto è facile che abbia una ricaduta o che si ammali nuovamente dopo essere entrato in contato con qualche compagno che sta incubando.

Cosa fare?

C'è poco da fare: l'unica vera cura per la febbre e l'influenza è il riposo. Il bambino dovrebbe essere incoraggiato a bere acqua, latte, succhi, mangiare leggero, riposare.

Non dobbiamo coprirlo troppo, restare a casa per dormire, guardare un film, giocare in modo tranquillo. Tante coccole e uno sciroppo di Paracetamolo o Ibuprofene (facciamoci consigliare dal pediatra) per far scendere la febbre troppo alta e per alleviare eventuali altri sintomi come il mal di testa o il malessere generale.

Quando preoccuparsi?

In caso di febbri ripetute e frequenti, anche se accompagnate da altri sintomi come la faringite, il mal d'orecchi, stomatite aftosa) è bene far visitare il bambino dal pediatra. Una febbre ricorrente potrebbe essere il sintomo di un disturbo del sistema immunitario o di altre condizioni comunque rare. Il medico potrebbe prescrivere alcuni accertamenti, come un esame del sangue.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli