Home Bambino Salute

Cosa fare quando la tosse dei piccoli non passa

di Elena Berti - 19.09.2022 - Scrivici

sindrome-da-ipereccitabilita-dei-recettori-della-tosse
Fonte: shutterstock
Tosse nei bambini che non passa: cosa fare quando i piccoli non smettono di tossire, con o senza altri sintomi, trattamenti e cura

Tosse nei bambini che non passa

I malanni dei figli preoccupano sempre i genitori, che spesso si rivelano anche troppo apprensivi. Ma è meglio farsi uno scrupolo in più che lasciar correre le cose. Cosa fare per esempio in caso di tosse nei bambini che non passa?

In questo articolo

Perché i bambini hanno la tosse

La tosse è un riflesso fisiologico scatenato da diversi fattori. Coinvolge le vie aeree ma viene inviato dal sistema nervoso. È grazie alla tosse se si gestiscono le secrezioni bronchiali, quando presenti (espellendole), e permette anche di rimuovere eventuali corpi estranei. La tosse si verifica in caso di raffreddore, allergia, patologie all'apparato respiratorio, corpo estraneo o altro ancora, e nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno assolutamente normale. Ma la tosse nei bambini che non passa potrebbe preoccupare i genitori.

Tosse che non passa, cause

La tosse può essere di due tipi:

  • acuta, quando ha una fase in cui il bambino tossisce in maniera persistente (per esempio in caso di malanni, per asma, o anche per Covid)
  • cronica, quando la tosse continua senza mai andarsene veramente

Le cause della tosse che non passa, cioè cronica, possono essere di diverso tipo, ma non è necessario preoccuparsi subito. I motivi per cui la tosse persiste infatti possono essere numerosi, "banalmente" anche il reflusso gastroesofageo che, se non curato, può indurre tosse come riflesso dell'irritazione dell'esofago. In altri casi può ovviamente testimoniare la presenza di un'infezione alle vie respiratorie, oppure asma. Infine, la tosse cronica può essere causata anche da una terapia farmacologica.

Cosa fare se la tosse non passa

Se notate che vostro figlio, sia dopo un malanno sia in altre circostanze apparentemente non legate a problemi di salute (almeno noti), continua a tossire e non smettere, è necessario consultare un medico. Potete rivolgervi al vostro medico di famiglia ma potrebbe essere necessaria una vista con uno pneumologo.

Potrebbe essere necessario fare un esame completo della vita del bambino: quali altri disturbi ha, che luoghi frequenta, quanto si ammala e via dicendo. Per esempio, la presenza di alcune sostanze o di muffa potrebbe causare tosse in alcuni soggetti. Allo stesso modo, potrebbe risultare allergico a qualcosa.

Inoltre, potrebbero essere necessarie delle analisi per escludere eventuali infezioni a carico dei polmoni o dei bronchi.  

Solo una volta stabilita la causa, si può conoscere il trattamento da effettuare. Evitate l'uso di medicinali di automedicazione se la tosse non è legata a un raffreddore o a influenza, e consultate sempre il medico quando si tratta di bambini al di sotto dei 12 anni, anche per la somministrazione di sciroppi fluidificanti. In ogni caso, solitamente la tosse cronica è secca ed è molto frustrante per chi ne è affetto, quindi è importante indagare senza far passare troppo tempo.

La tosse cronica può rappresentare un disagio non soltanto fisico, ma anche psicologico. Avere la tosse che non passa è difficile per un bambino, quindi senza fare i genitori apprensivi, fatevi consigliare dal vostro medico il miglior percorso diagnostico da fare.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli