Salute bambini

Tosse nel bambino, quando va contattato il pediatra di famiglia?

Di Angela Bisceglia
tosse-bambino
31 maggio 2020
Il pediatra va contattato ad ogni dubbio clinico e nel caso si debba intraprendere una terapia farmacologica. Ecco come comportarsi quando il bambino ha la tosse.

Il bambino ha la tosse? Premesso che è un fenomeno frequente e normale che il bimbo abbia la tosse, il pediatra va però contattato ad ogni dubbio clinico e nel caso si debba intraprendere una terapia farmacologica. In particolare, va consultato subito se:

 

  •  la tosse si accompagna ad una frequenza respiratoria elevata oppure ad affanno respiratorio, che potrebbero far sospettare una bronchite asmatica;
  • la tosse è accompagnata da febbre elevata da 2-3 giorni oppure la febbre si è ripresentata dopo due-tre giorni di remissione, cosa che deve indurre a sospettare una infezione più seria;
  • la tosse dura da più di tre settimane;
  • non siano chiari i motivi della sua insorgenza o si sospetta che il bambino possa avere inalato un corpo estraneo.

Inoltre, è bene sentire il pediatra quando non sono chiari i motivi dell'insorgenza della tosse o si sospetta che il bambino possa avere inalato un corpo estraneo.

Consulenza del prof. Renato Cutrera, dirigente medico di secondo livello – Unita Operativa Complessa di Broncopneumologia presso l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.