Home Bambino Salute

Vaccino anti-covid in gravidanza, allattamento e per chi cerca un figlio

di Penelope Greco - 09.02.2021 - Scrivici

vaccino-anti-covid-in-gravidanza-allattamento-e-per-chi-cerca-un-figlio
Fonte: Shutterstock
Il vaccino anti-covid in gravidanza si può fare o no? E se si allatta? Andiamo a scoprire gli ultimi studi scientifici.

Vaccino anti-Covid in gravidanza: a che punto siamo

Sono tre al momento i vaccini anti-Covid disponibi. Il primo a essere stato approvato è stato quello della Pfizer-BioNTech, seguito dall'americana Moderna, che dà una protezione vicina al 95%, come per il prodotto Pfizer-BionTech. Ha poi ricevuto il via libera il vaccino di AstraZeneca, che raggiunge un'immunità intorno al 60%. L'Oms però sconsiglia il vaccino anti-Covid in gravidanza per scarsità di dati. Questo non vuol dire che il vaccino non sia sicuro. Significa solo che non hanno abbastanza elementi per essere certi della buona riuscita. Ma nuovi studi suggeriscono che potrebbe essere utile per proteggere sia la madre che il neonato. 

Nuovi studi sul vaccino anti-Covid per le donne in gravidanza

Secondo un articolo pubblicato su JAMA, la Dr.sa Adhikari, assistente professore di ostetricia e ginecologia presso UT Southwestern, e la Dr.sa Spong, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell'Università del Texas Southwestern Medical Center, descrivono come le donne in gravidanza e in allattamento siano infatti state escluse dagli studi clinici durante lo sviluppo dei vaccini COVID-19 a causa di preoccupazioni sulla responsabilità. Di conseguenza, le linee guida emesse dalle organizzazioni professionali sull'argomento sono state limitate, lasciando ai medici la responsabilità di discutere i pro e i contro con i pazienti sulla base dei benefici di altri vaccini usati durante la gravidanza. I vaccini contro malattie come l'influenza e la pertosse infatti hanno dimostrato di salvare la vita a donne e neonati quando sono stati somministrati a donne in gravidanza. Il vaccino contro la pertosse ha ridotto la malattia respiratoria potenzialmente fatale nei neonati dell'85% rispetto all'attesa fino a dopo la gravidanza. Il vaccino antinfluenzale durante la gravidanza ha ridotto la malattia sia della madre che del bambino rispettivamente del 20 e del 30%. Sebbene non sia noto quale livello di protezione del bambino potrebbe essere fornito dal vaccino anti-Covid fatto alla madre, la Dr.sa Adhikari afferma che il potenziale di protezione esiste.

Cosa dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità

Sia l'American College of Obstetricians and Gynecologists che la Society for Maternal-Fetal Medicine hanno chiesto di rendere disponibili i vaccini COVID-19 alle donne in gravidanza e in allattamento. L'Organizzazione Mondiale della Sanità il 26 gennaio ha raccomandato di non vaccinare le donne incinte che usano il vaccino Moderna tranne in determinate circostanze, ma tre giorni dopo ha rivisto la sua dichiarazione con un linguaggio più permissivo, sostenendo l'offerta del vaccino a donne incinte ad alto rischio di esposizione. Ma questo cambiamento nella lingua ha causato ansia significativa nonostante non siano stati resi disponibili dati relativi. Diversi studi sugli esiti della gravidanza suggeriscono poi che la nascita pretermine potrebbe verificarsi più spesso tra i bambini nati da individui con COVID-19, sebbene i risultati siano stati incoerenti. In una revisione sistematica, la nascita pretermine era 3 volte più comune negli individui con COVID-19 rispetto a quelli non infetti. Ma qeusti dati non sono certi.

La chiave è la prevenzione

"Sono molto favorevole a qualsiasi donna che voglia vaccinarsi", dice nell'articolo la Dr.sa Adhikari. "Sostengo pienamente la scelta di quella donna. Capisco se una donna decide di non essere pronta per il vaccino, ma penso anche che sia un'opportunità per lo studio sui vaccini in generale". Adhikari aveva precedentemente pubblicato uno studio su 3.374 donne incinte, di cui 252 che avevano contratto COVID-19 durante la gravidanza e 3.122 che erano risultate negative. Non hanno riscontrato alcun aumento degli esiti avversi della gravidanza in generale. Ma tra il 5% delle donne incinte che sono state ricoverate in ospedale per malattia respiratoria COVID-19, le nascite pretermine sono aumentate. La prevenzione è la chiave. "Stiamo effettuando la raccolta di dati in corso per dimostrare ciò che prevediamo ma non abbiamo dimostrato - che questo vaccino è sicuro nelle donne in gravidanza, non provoca danni e non produce differenze nei risultati della gravidanza", afferma Adhikari. "È importante per noi studiarlo. Ciò contribuirà a stabilire una base di prove che consentirà al pubblico e ai medici di sentirsi più a proprio agio con il vaccino".

Vaccino anti-Covid in allattamento

I dati riguardanti la trasmissione da madre a bambino nel periodo postnatale sono stati rassicuranti quando sono state prese le precauzioni appropriate. In uno studio su 116 madri positive al Covid che allattavano i loro 120 neonati, tutti i bambini sono risultati negativi ed erano asintomatici. In questo studio, i bambini dormivano con le loro madri in un lettino chiuso mentre le madri hanno utilizzato una mascherina chirurgica e un'attenta igiene delle mani e del seno prima dell'allattamento al seno e altre interazioni con il bambino. Anche i dati sugli effetti dei vaccini COVID-19 sul neonato allattato al seno non sono disponibili. Tuttavia, CDC, ACOG e SMFM sono tutti rassicuranti sull'iniziare o continuare l'allattamento al seno in un individuo vaccinato di recente, dati i benefici dell'allattamento al seno per il bambino e ciò che si sa sulla sicurezza di altri vaccini somministrati durante l'allattamento.

Fonti articolo: Jama Network

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli