Home Bambino Salute

Vaccino covid per gli adolescenti: il via libera

di Elena Berti - 27.04.2022 - Scrivici

vaccino-adolescenti
Fonte: Shutterstock
Via libera al vaccino covid per i ragazzi tra i 12 e i 15 anni. Ema ha dato l'autorizzazione alle somministrazioni in Europa.

I primi a potersi vaccinare sono stati i lavoratori dell'ambito medico, poi si è passati alle persone a rischio, anzini e immunodepressi. Dopodiché, la campagna vaccinale contro il Covid-19 è proseguita per fasce di età, fino ad arrivare, a giugno 2021, a coprire tutta la popolazione maggiorenne. Ed ecco che ora partirà la  anche per i più giovani. L'Agenzia europea del farmaco (EMA) ha approvato Pfizer come vaccino anti Covid anche per la fascia degli adolescenti (12-15 anni). Per gli adolescenti il vaccino è sicuro e sembra essere addirittura più potente che per la fascia 16-25 anni e così la commissione tecnico scientifica di Aifa, l'agenzia italiana del farmaco, ha approvato l'estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Comirnaty prodotto da Pfizer per la fascia di età tra i 12 e i 15 anni.

In questo articolo

Vaccino covid adolescenti: Pfizer

Lunedì 11 maggio la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha autorizzato l'uso del vaccino Pfizer-BioNTech contro il COVID-19 per la fascia d'età 12 e 15 anni. La decisione fa seguito alla sperimentazione avvenuta su più di 2.200 adolescenti tra i 12 e i 15 anni. I risultati hanno dimostrato un'efficacia addirittura superiore a quella che si ha sugli adulti. 

Durante lo studio, la metà dei ragazzi coinvolti ha ricevuto un placebo, mentre l'altra metà il vaccino Pfizer. Dopo una settimana dalla seconda dose, 18 ragazzi del gruppo di controllo (cioè che non avevano ricevuto il vaccino) erano positivi al Covid-19 e riportavano sintomi, mentre nel gruppo dei vaccinati nessuno.

In questo caso, quindi, si può dire che il vaccino è stato efficace nel 100% dei casi, ottenendo così una risposta immunitaria migliore rispetto a quella della fascia d'età successiva, e cioè 16-25 anni.

Gli effetti collaterali

Una delle questioni che preoccupa di più i genitori è: ma il vaccino avrà effetti collaterali sui ragazzi e le ragazze? Non è raro infatti che dopo la seconda dose soprattutto si verifichino effetti, ma quelli degli adolescenti sembrano moderati, e sono soprattutto dolore al braccio, stanchezza, emicrania, dolori alle ossa e muscolari, in alcuni casi febbre. In genere il malessere passa entro 48 ore dall'iniezione.

Vaccino covid adolescenti: gli altri

Ma nei piani di Pfizer c'è la volontà di ampliare l'offerta vaccinale, riuscendo a coprire anche i bambini fino ai sei mesi di vita, elaborando vaccini che possano funzionare per chi ha tra i 5 e gli 11 anni, tra chi ne ha 2-5 e infine tra i piccoli fino a un minimo di sei mesi.

Anche Moderna, l'altro vaccino a base di mRNA, si sta muovendo per mettere in commercio delle soluzioni. Anche loro hanno iniziato dei testi su circa 3000 adolescenti tra i 12 e i 17 anni, ma anche un altro per i più piccoli, tra i sei mesi e gli 11 anni, che coinvolge ben 6.750 bambini. Infine, anche Johnson & Johnson sta portando avanti degli studi per verificare l'efficacia del suo monodose sui bambini .

L'importanza del vaccino nei ragazzi

Se è vero che i bambini e i ragazzi si ammalano di meno di Covid, non si sa l'effetto sul lungo periodo e non si sa come il virus evolverà in nuove varianti, quindi è importante proteggerli da possibili rischi. Dall'altra parte poi c'è il fatto che, anche se lo prendono in forma lieve, fanno poi da tramite e  possono trasmettere il virus ad altre persone, per esempio nonni o immunodepressi. È quindi indispensabile vaccinare anche i più giovani per evitare la diffusione del virus e limitare il più possibile i casi nelle persone fragili.

Aggiornato il 01.06.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli