Home Bambino

Come spiegare ai bambini il solstizio d'estate?

di Viola Stellati - 18.06.2024 - Scrivici

solstizio-spiegato-ai-bambini
Fonte: Shutterstock
Spiegare ai bambini il solstizio d'estate e l'equinozio. Cos'è il solstizio, qual è il significato, cosa succede, quando cade nel 2024

In questo articolo

Spiegare ai bambini il solstizio d'estate, cosa significa?

Probabilmente i nostri figli amano l'estate più di noi adulti. Per quale motivo? Semplice: finisce la scuola e finalmente hanno il tempo per dormire un po' di più, andare al mare, in montagna e dedicarsi a tutto quello che più gli piace. Tuttavia, per fargli comprendere bene cos'è la bella stagione bisogna parlargli del solstizio d'estate: ecco a voi una piccola guida su come spiegare il solstizio d'estate ai bambini, insieme a un esperimento da fare con loro per comprenderlo meglio.

 

Qual è il significato di solstizio?

La parola deriva dal latino solstitium, composto da sol-, "sole" e -sistere, "fermarsi". In astronomia, è il momento in cui il Sole, nel suo moto apparente lungo l'eclittica, raggiunge il punto di declinazione massima o minima.

Cos'è il solstizio?

Il solstizio rappresenta il giorno più lungo dell'anno perché il sole raggiunge il punto di declinazione massima lungo l'ellittica, ovvero il percorso apparente (anche se nei fatti è la Terra a muoversi) che la stella fa all'interno della sfera celeste. Tutto ciò si traduce nella giornata con il maggior numero di ore di sole dell'anno, e quindi un'informazione necessaria quando si parla di solstizio spiegato ai bambini.

Solstizio ed equinozio spiegato ai bambini

Se abbiamo capito cosa sono il solstizio d'estate e d'inverno, potremmo anche porvare a spiegare il significato dell'equinozio: anche questo evento avviene ogni anno per due volte, nel mese di marzo e in quello di settembre (uno intorno al 20-21 marzo e un altro intorno al 22-23 settembre) e dà il via alla stagione primaverile e a quella autunnale. Il termine viene dal latino aequinoctium, parola composta da aequus, che significa "uguale" e nox, che significa "notte". Nei giorni dell'equinozio, quindi, la notte e il giorno hanno la stessa durata, intorno alle dodici ore.

Qual è la data del solstizio?

Per spiegare il solstizio ai bambini nella maniera più semplice dobbiamo inanzitutto dire che è vero che avviene ogni anno durante un giorno preciso, ma che in realtà la data esatta non è mai la stessa.

La questione è abbastanza semplice: il solstizio ritarda di circa 6 ore ogni anno per la "precessione degli equinozi", ovvero lo spostamento dell'asse attorno al quale la Terra compie la rotazione giornaliera, mentre con l'anno bisestile tutto questo si azzera.

In sostanza si tratta di un sistema escogitato a tavolino per evitare lo slittamento delle stagioni sul calendario, e per questo il solstizio d'estate può avvenire tra il 20 e il 22 Giugno: il momento in cui il sole tocca il punto più alto e più settentrionale nel cielo, e quindi il polo nord è più vicino al sole.

In un anno avvengono due solstizi e le date per convenzione sono:

  • Solstizio d'estate: 21 giugno. Il Sole si trova nel primo punto del Cancro e cessa di alzarsi sopra l'equatore celeste. Si trova quindi nel punto più alto del cielo, allo Zenit.
  • Solstizio d'inverno: 22 dicembre. Il Sole si trova nel primo punto del Capricorno e cessa di scendere rispetto all'equatore celeste.

Quando ci sarà il solstizio d’estate nel 2024?

Considerando che la data non è mai la stessa, è bene sapere che quest'anno il solstizio d'estate nell'emisfero boreale, quindi il nostro, cade il 20 giugno 2024 alle ore 22.51 ora italiana. Si passa perciò dalla primavera alla stagione estiva durante la notte tra il 20 e il 21.

Nella stessa giornata nella parte dell'emisfero australe, si verificherà il Solstizio d'inverno e quindi ci sarà il giorno più corto dell'anno,  il che determina il passaggio dall'autunno alla stagione fredda.

Ma va raccontata anche un'altra cosa che incuriosirà i bambini: a seguito di questo evento il sole ricomincia la discesa verso sud e le giornate cominciano a diventare più corte. Aumenta però il caldo perché la Terra impiega del tempo per raffreddarsi e per rilasciare il calore accumulato.

Un esperimento per spiegare il solstizio ai bambini

Per un ottimo solstizio spiegato ai bambini, il sito di Clementoni suggerisce anche un esperimento da fare insieme a loro con lo scopo di aiutarli a comprendere meglio questo curioso fenomeno.

Ciò che serve è un mappamondo (si può anche creare in autonomia) in cui apporre sopra, in verticale, dei pupazzetti o dei personaggi con cui giocano. Bisogna poi provare ad illuminarli con una lampada e lasciarli osservare.

Sotto la vostra guida i bambini capiranno dove cade l'ombra del personaggio mentre fanno ruotare il mappamondo e se i due poli, inclinando la sfera, ricevono la stessa quantità di luce. Provare per credere, sicuramente sarà formativo e divertente.

Le filastrocche sul solstizio per bambini

Due filastrocche d'autore per celebrare l'arrivo del giorno più lungo dell'anno e della bella stagione.

Fonti

Revisionato da Francesca Capriati

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli