Home Bambino Sport

Green Pass sport bambini: serve ai genitori?

di Elena Berti - 10.09.2021 - Scrivici

green-pass-sport-bambini
Fonte: Shutterstock
Green Pass sport bambini: per quali sport è obbligatoria la certificazione? I genitori hanno bisogno del Green Pass per accompagnare i figli?

Green Pass sport bambini: serve ai genitori?

Dal 6 agosto 2021 il Green Pass è obbligatorio dai 12 anni in su per accedere a molti servizi, ma non per frequentare la scuola primaria e secondaria. Dal primo settembre l'obbligo è stato rinforzato, ma cosa cambia nella gestione dei figli? Parliamo del Green Pass sport bambini, per esempio: a loro non serve fino a 12 anni, ma ai genitori? Facciamo chiarezza.

In questo articolo

Il Green Pass obbligatorio a scuola

Le scuole sono ricominciate e uno degli interrogativi principali ha riguardato l'obbligo del Green Pass per seguire le lezioni in presenza. Da subito si è chiarito che l'obbligo riguarda solo insegnanti e personale ATA, ma non gli studenti, nemmeno per i maggiori di 12 anni, fatta eccezione per gli studenti universitari che invece dovranno esibire la prova dell'avvenuta vaccinazione (due dosi), della guarigione da Covid-19 o ancora di tampone effettuato non più di 48 ore prima. Se vostro figlio frequenta la scuola, quindi, ha diritto di farlo senza bisogno di esibire la certificazione. Non saranno previsti tamponi a tappeto, ma dei test salivari molecolari per alcune scuole dette "sentinella", per un totale di 55.000 alunni che verranno testati ogni 15 giorni inizialmente da personale sanitario all'interno degli istituti e successivamente dalle famiglie. 

Per quanto riguarda gli accompagnatori, dal 13 settembre 2021 anche loro dovranno essere in possesso di Green Pass per accedere all'interno degli istituti, anche degli asili nido.

Il Green Pass per lo sport

Discorso completamente diverso per le attività doposcuola, come sport, musica o altro. I maggiori di 12 anni dovranno infatti esibire la certificazione verde per poter partecipare ad attività extra-scolastiche. Il decreto legge del 23 luglio infatti prevede che il Green Pass sia obbligatorio per chi ha compiuto 12 anni per accedere a "piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, limitatamente alle attività al chiuso", e questo già dal 6 agosto 2021. Quindi se vostro figlio, alla ripresa delle attività, ha già compiuto 12 anni, dovrà essere in possesso del Green Pass per partecipare a qualsiasi sport o altro impegno al chiuso. 

Oltre all'esibizione della certificazione, cartacea o digitale, i ragazzi dovranno rispettare le solite norme di prevenzione dei contagi: misurazione della temperatura, obbligo di mascherina quando possibile (non mentre ci si allena, ovviamente! e distanziamento. 

Tra gli sport coinvolti ci sono per esempio la danza, le arti marziali, la ginnastica, lo yoga, nuoto e altre attività in piscina. 

Sport all’aperto e Green Pass

Per frequentare sport all'aperto, invece, non sarà necessario esibire il Green Pass, secondo quanto detto sempre dal decreto legge di luglio. Ma attenzione: questo punto può essere a discrezione dell'impianto sportivo, qualora avesse degli spazi chiusi o si richiedesse l'uso di spogliatoi e docce. Informatevi quindi prima di iscrivere vostro figlio, qualora fosse sprovvisto di certificazione. In alcuni casi, però, sarà possibile compilare un'autocertificazione in cui si attesti di usufruire soltanto degli spazi aperti. Negli ultimi giorni si è chiarito che per praticare calcio, tennis e padel non sarà necessario esibire il Green Pass nemmeno per entrare nello spogliatoio. In ogni caso verificate con la società sportiva, solitamente inseriscono nei moduli di iscrizione anche le regole del protocollo da seguire per minori e maggiori di 12 anni.

I genitori devono avere il Green Pass per lo sport dei figli?

Discorso diverso per gli adulti che accompagnano i figli minori di 12 anni. Ribadendo che nella fascia 0-11 i bambini non necessitano di certificazione per partecipare alle attività, è invece richiesto per i loro accompagnatori, ma solo qualora entrino negli spazi chiusi, anche negli spogliatoi. Se i vostri figli non sono autonomi e hanno bisogno del vostro aiuto per prepararsi, sarete tenuti a esibire il Green Pass per poter entrare negli spazi comuni al chiuso, così come se volete assistere agli allenamenti, per esempio dagli spalti di una piscina. 

Anche per assistere alle gare ufficiali dalle tribune sarà necessario esibire il Green Pass per i maggiori di 12 anni, perciò se vostro figlio ha una partita la domenica, in qualsiasi campo o categoria, e volete assistere come pubblico, dovrete avere la certificazione verde, proprio come succede per esempio per andare a vedere una partita di Serie A.

Ricapitolando, i maggiori di 12 anni necessitano di Green Pass per poter frequentare attività al chiuso, mentre per quelle all'aperto si prevedono eccezioni, ma da verificare al momento dell'iscrizione. I genitori dei bambini al di sotto dei 12 anni (ovviamente anche dei maggiori!), invece, dovranno esibire il pass per poter entrare all'interno delle strutture, anche soltanto negli spogliatoi, per assistere ad allenamenti al chiuso e a partite all'aperto sugli spalti.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli