Home Bambino Tempo libero

Affido culturale: accompagnare i bambini a teatro o al museo

di Elena Berti - 25.01.2022 - Scrivici

affido-culturale
Fonte: Shutterstock
L'affido culturale è un progetto che permette ai bambini che non frequentano musei, cinema, teatri e biblioteche di farlo.

Affido culturale: cos'è e come partecipare

Musei, cinema, teatri e altri luoghi di cultura hanno risentito della pandemia, ma da qualche tempo è di nuovo possibile approfittare di eventi, mostre e spettacoli, basta avere il Green Pass e rispettare le regole per evitare la diffusione del virus. In molte città italiane i comuni e i municipi propongono a chi ne ha voglia e tempo di accompagnare bambini che altrimenti non potrebbero a vedere un film, un'esposizione o ancora una pièce. Si chiama affido culturale ed è un gesto che può fare la differenza. 

In questo articolo

Che cos’è l’affido culturale

L'espressione lascia intuire il significato: affido culturale vuol dire accompagnare un minore ad attività inerenti la sfera culturale, come appunto cinema, teatri o ancora musei. In un periodo in cui molti bambini non possono andare a scuola, sono in quarantena, o ancora devono limitare gli spostamenti, si fa ancora più urgente la necessità di aiutare tutti quei piccoli che già in una situazione normale, senza restrizioni, non hanno possibilità di fare attività di questo tipo. A volte si tratta di mancanza di "cultura della cultura" della stessa famiglia di origine, altre volte di bambini provenienti da famiglie umili in cui i genitori lavorano molte ore al giorno, hanno molti figli di cui occuparsi e poche possibilità economiche. 

La cultura è un privilegio

Già seguire le lezioni a distanza ormai è diventato una sorta di privilegio: molte scuole pubbliche non garantiscono un servizio di dad che copra l'intera giornata scolastica, molti bambini non hanno dispositivi adeguati, genitori che possano seguirli, o ancora una connessione stabile. Questo divario si accentua ancora di più se pensate ai luoghi di cultura, frequentati in genere da quei bambini figli di famiglie di ceto medio o alto, con i weekend liberi, con una preparazione adeguata. Pensate a quanto costa andare al cinema per un'intera famiglia e capirete che non per tutti è scontato poterlo fare. 

Per questo ormai da tempo diverse città italiane come Napoli, Roma, Bari e Modena portano avanti l'affido culturale. Tramite questo patto, si mettono in contatto famiglie-risorsa - coloro che prenderanno "in affido" i minori - e famiglie-destinatarie, che affideranno i propri figli affinché possano usufruire della cultura.

Affido culturale sbarca a Milano

Finalmente anche Milano sarà possibile accompagnare minori ad attività culturali come cinema e musei, grazie all'iniziativa del Municipio 8. Il progetto di contrasto alla povertà educativa è un'iniziativa dell'associazione Mitades, attiva già da oltre un decennio nel sostegno alla genitorialità. 

Come funziona? Se siete una persona single, un genitore, una coppia che frequenta abitualmente luoghi di cultura o ci porta figli o nipoti - a teatro, in libreria, al cinema, in biblioteca, nei musei - potete organizzarvi con un'altra famiglia con bambini che di solito non frequenta questi luoghi per cause diverse. 

Le modalità di partecipazione sono diverse a seconda della città: a Roma se ne occupa la Casa dello Spettatore, a Napoli Con la mano sul cuore, a Bari la Fondazione SAT e a Modena PopBrains. 

Dopo aver fatto conoscenza, le famiglie potranno accordarsi per fare un'uscita insieme. 

L'affido culturale è un progetto per contrastare la povertà culturale tra i minori e rendere luoghi come il cinema, le librerie, i musei e i teatri posti più inclusivi.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli