Home Bambino Tempo libero

Giochi all’aria aperta e non: come e quando insegnare ai bambini capriole, altalena e saltare la corda

di Viola Stellati - 16.11.2022 - Scrivici

capriole-bambini
Fonte: Shutterstock
Capriole, altalena e saltare la corda sono giochi da insegnare ai bambini perché aiutano il loro sviluppo: quando iniziare a farlo

Capriole, altalena e saltare la corda: come e quando insegnarle ai bambini

I bambini attraverso il gioco si divertono e, allo stesso tempo, apprendono e crescono. Tanti sono i giochi educativi a cui affidarsi per il loro sviluppo, ma spesso non c'è niente di meglio che dedicarsi ad attività che si possono fare all'aria aperta - oppure in casa - e che prevedono esercizi fisici. Capriole, altalena e saltare la corda sono alcune di queste, ma quando è opportuno insegnarle ai nostri figli?

In questo articolo

Capriole, altalena e saltare la corda, il momento giusto per iniziare

Abilità di questo tipo si conquistano, in genere, verso i 6 anni. Tuttavia, con l'aiuto dei genitori i bambini possono mettersi alla prova anche prima, sia in casa che all'aria aperta. Scopriamo insieme, quindi, il momento giusto per insegnare ai nostri figli capriole, altalena e saltare la corda.

Quando andare in altalena

Secondo uno studio dell'Università di Washington, andare in altalena fa bene all'umore ma anche allo sviluppo psicofisico. L'età giusta per iniziare a sperimentare questa nuova abilità è quella che va dai 4 ai 6 anni.

Non a caso, questa indagine è stata effettuata proprio su un gruppo di bambini di 4 anni e dimostrando i seguenti vantaggi:

  • stimola la collaborazione;
  • aumenta la coordinazione, l'armonia e la sincronia.

I consigli da tenere a mente sono scegliere modelli non a gabbietta e il cui sedile non sia troppo in alto, e magari sedersi accanto e dondolarsi piano insieme per mostrare ai più piccoli come muovere le gambe.

Insegnare le capriole: quando iniziare

L'attività di rotolamento aiuta i più piccoli a sviluppare coordinazione, flessibilità, forza muscolare e mette alla prova anche il loro equilibrio.

In questo caso l'età giusta per cominciare è ben prima dell'altalena: 1-2 anni, per poi arrivare ai 3-4 anni già in grado di fare capriole vere e proprie.

La buona notizia è che questo è un esercizio che si può fare anche in casa distribuendo un po' di cuscini su un tappeto.

All'aria aperta, invece, è necessario assicurarsi che non ci siano sassi appuntiti nei dintorni.

Dopo i primi periodi in cui i più piccoli si rotoleranno in maniera buffa, arriverà il momento - che corrisponde più o meno ai 3 anni - di farlo anche voi con loro, ossia mostrargli come si fa una capriola in avanti. Quando inizieranno a provarci, poi, sarebbe opportuno cercare di incoraggiarli con una dolce spinta sulla schiena o sul sedere.

Saltare la corda in casa o all'aperto: quando iniziare

Saltando con la corda i nostri figli diventano più resistenti e attenti. Ma non solo. Grazie a questa attività, infatti:

  • il cuore si allena;
  • migliora la postura;
  • si perfeziona il coordinamento dei movimenti;
  • potenzia lo sviluppo creativo.

Il momento giusto per iniziare sono i 3 anni, fase in cui i più piccoli possono cominciare a saltare su un piede. 5 o 6, invece, è l'età perfetta per usare la corda.

Per far sì che migliorino equilibrio e agilità è importante intraprendere inizialmente giochi semplici che prevedono salti a piedi uniti o su una gamba. Poi bisogna provare e riprovare, magari seguendo il ritmo di una canzoncina.

Giocare all’aria aperta: i benefici

Giocare all'aria aperta fa bene alla salute e capriole, altalena e saltare la corda sono attività che potenziano anche altre abilità.

Esse, infatti, aiutano lo sviluppo motorio, le capacità cognitive e i comportamenti sociali. In sostanza, sono utili ai nostri figli per accrescere la loro personalità e migliorare competenze, attitudini e comportamenti che, senza ombra di dubbio, si riveleranno utili per il loro futuro.

Tra i motivi principali per cui vale la pena insegnare ai bambini capriole, altalena e saltare la corda c'è il fatto che il tempo trascorso all'aria aperta rafforza il sistema immunitario facendoli crescere più sani e più forti.

Inoltre, migliorano l'umore e aiutano a combattere ansia e depressione.

Ma non è finita qui perché il gioco all'aperto aiuta a prevenire la miopia: secondo uno studio condotto dalla Yat-sen University, quaranta minuti di attività creativa quotidiana fuori dalle mura domestiche o della scuola sarebbero in grado di ridurre sensibilmente nei bambini il rischio di sviluppare nel medio e lungo termine questo difetto della vista.

Infine, il sole stimola la produzione di vitamina D che favorisce la calcificazione delle ossa.

Non solo capriole, altalena e saltare la corda: le altre attività per i bambini

Capriole, altalena e saltare la corda sono dei giochi che, prima o poi, bisogna insegnare ai bambini. Tuttavia, esistono anche altre attività che sono utili per potenziare il loro sviluppo:

  • le bolle di sapone: allenano le capacità di autocontrollo e sviluppano la precisione. L'età giusta è 1 anno per iniziare e 3 per farle "perfette";
  • afferrare la palla: migliora la coordinazione dinamica generale e la coordinazione oculo-manuale. L'età più giusta per provare a iniziare è 1-2 anni, quella per farlo per bene 5 o 6.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli