Home Bambino Tempo libero

Cos’è il chroming, la sfida social che mette a rischio gli adolescenti

di Simona Bianchi - 03.07.2024 - Scrivici

che-cos-e-il-chroming
Fonte: Shutterstock
Il chroming è una pratica che si sta diffondendo a causa dei video virali su TikTok. Quali sono i pericoli per i ragazzi e come funziona

In questo articolo

Che cos’è il chroming

Con il termine Chroming si indica una challenge molto pericolosa che si sta diffondendo tra gli adolescenti giovanissimi. La sfida sarebbe diventata famosa a causa di video sui social network, in particolare su TikTok, diventati virali. Si tratta di una pratica che mette a rischio la salute del bambini e dei ragazzi. Chi la mette in atto inala gli odori e i fumi di sostanze chimiche come vernici o benzina. Gli effluvi, in alcuni casi possono provocare anche la morte. Secondo l'indagine Australian Secondary Students' Alcohol and Drug (ASSAD) del 2017, il 18% degli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni aveva provato inalanti, di cui il 7% nell'ultimo mese e il 13% nell'ultimo anno.

In cosa consiste il chroming

La pericolosa challenge del chroming esiste dal 2018. È diventata sempre più diffusa attraverso i video di giovani che hanno ripreso e pubblicato la loro impresa sui principali social con l'hashtag #chroming e sono diventati virali. La sfida sembra sia nata in Australia e riprenderebbe il nome da una pratica dei tossicodipendenti che inalano i fumi derivati dalla vernice a base cromo. In realtà i prodotti che vengono utilizzati dai giovanissimi sono l'acetone, la vernice, la benzina o il gas delle bombolette spray. Gli effluvi di queste sostanze genererebbero in chi li inala una sorta di euforia, ma i rischi per la salute sono diversi fino addirittura a portare al decesso.

Quali sono i rischi del chroming per la salute

Le probabilità e i livelli di danno che possono derivare dal chroming dipendono da molti fattori, tra i quali l'età, il peso, la propria tolleranza e lo stato mentale. Alcuni degli effetti immediati di questa pratica sono:

  • stanchezza o sonnolenza
  • Vomito
  • Vertigini
  • Sentirsi più rilassati o nervosi
  • Perdere la coordinazione ed essere goffi
  • Perdita di inibizione (assunzione di rischi maggiori)
  • Fischio nelle orecchie
  • Biascicamento
  • Tossire o starnutire
  • Occhi vitrei, rossi o acquosi
  • Naso che cola o sanguina.

I problemi più gravi possono invece essere cadute a causa della sensazione d'intorpidimento, dolori al petto e squilibri nella funzione cardiaca, allucinazioni o paranoia.

L'inalazione di determinate sostanze chimiche può provocare ustioni, perdita di conoscenza, convulsioni, coma o morte. Questa challenge perciò è molto pericolosa e da evitare. Inoltre può provocare dipendenza proprio come alcuni farmaci o droghe al punto da stare male se non si inala una sostanza che dia gli effetti desiderati. L'abuso prolungato di solventi può causare difficoltà di memoria o scarsa capacità di attenzione, notevoli sbalzi d'umore con forti sentimenti di rabbia, depressione, irritabilità o ansia. Può anche provocare una costante sensazione di stanchezza o sete intensa, problemi di stomaco o perdita di peso e può influenzare il controllo muscolare o la capacità di camminare fino ad arrivare a danneggiare il cervello, il fegato o i reni a causa di avvelenamento chimico.

Perché i giovani fanno la challenge e come prevenire il chroming

Molti adolescenti scelgono di provare questo tipo di challenge, seppur pericolosa, per un senso di appartenenza al gruppo di loro coetanei oppure per un senso di ribellione. In alcuni casi la causa potrebbe essere curiosità o noia e per provare a divertirsi. Per evitare che il proprio figlio s'improvvisi in questa o altre sfide social rischiose il consiglio è parlare apertamente con lui dei rischi a cui va incontro ed educarlo ad avere a cuore la sua salute. È importante che il ragazzo impari a essere responsabile e capace di dire "no" a una scelta sbagliata presa magari dal suo gruppo di amici. Se si sospetta che l'adolescente abbia già sperimentato il chroming o abbia altre tendenze pericolose simili, si può provare a chiedere aiuto a un terapeuta professionista che faccia comprendere al giovane l'errore e la pericolosità di alcune azioni.

Fonti

Ti potrebbe interessare

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli