Home Bambino Tempo libero

Come spiegare l'astronomia ai bambini

di Niccolò De Rosa - 17.11.2020 - Scrivici

spiegare-astronomia-ai-bambini
Fonte: Shutterstock
Dai segreti delle stelle alle meraviglie del Sistema Solare: ecco qualche consiglio per spiegare l'astronomia ai bambini

Perché spiegare l'astronomia ai bambini? La passione per l'universo e i suoi infiniti misteri è antica tanto quanto l'essere umano: dagli uomini primitivi agli antichi Egizi, dai Greci alle civiltà precolombiane, interi popoli si sono interrogati sul comportamento degli astri, convinti che proprio in quello spazio così lontano, popolato da miti ed entità ultraterrene, si nascondessero le grandi risposte dell'esistenza. E non sbagliavano poi così tanto visto che anche oggi - benchè divinità e leggende siano ormai passate di moda - la scienza ricerca negli angoli più remoti del cosmo l'origine di ciò che siamo.

Insomma, l'astronomia è tutt'ora lo strumento migliore per indagare sui segreti più profondi della realtà e sebbene si tratti di una materia complessa e variegata, l'istintivo fascino che esercita è dentro ognuno di noi: dopotutto qualle bambino non si è mai fermato ad ammirare a bocca aperta lo spettacolo del cielo?

In questo articolo

Come insegnare l'astronomia ai bambini?

Per avvicinare i più piccoli all'astronomia non occorre fare tanta fatica, in quanto stelle e pianeti ci appaiono "naturalmente" affascinanti. Anche gli argomenti più appassioannti però vanno saputi raccontare, così che all'iniziale interesse non subentri immediatamente la noia, se non addirittura la repulsione, per una materia che è oggettivamente piuttosto complicata.

Fondamentale dunque la scelta del linguaggio - chiaro e semplice anche per i fenomeni più complessi da spiegare - e l'approccio da parte dell'adulto, che non deve essere didascalico (ci pensi la scuola a questo), ma giocoso e volto a stimolare la curiosità del bambino, perennemente alla ricerca di risposte ai suoi perché.

Stelle, favole e miti

Un modo avvicinare i bambini agli argomenti astronomici senza scomodare subito complicate nozioni di fisica, può essere sfruttare quanto già fatto dai nostri antenati. La mitologia classica ha infatti attinto a piene mani dai fenomeni celesti per arricchire i loro racconti popolati da Dei, mostri ed eroi, tanto che ancora oggi moltissimi nomi di costellazioni provengono proprio dalla tradizione greca e romana.

Immaginate lo stupore che può provare una bimba o un bimbo nel sentire che, per gli antichi, la nostra Via Lattea nacque dagli schizzi di latte che Ercole succhiò con troppa foga dal seno della dea Era o che ogni pianeta del nostro Sistema Solare porta il nome di una grande divinità del passato (Marte, Venere, giove, Saturno, ecc...).

Imparare con le avvincenti storie del mito, può essere molto divertente!

Apprendere giocando

Mettersi nei panni di un astronomo può essere un gioco bellissimo. Il mercato moderno offre moltissimo prodotti - anche abbastanza economici - dedicati ai primi approccio al mondo dell'astronomia, dai puzzle a tema fino alle ricostruzioni in scala, passando per i giochi da tavolo e i tantissimi giocattoli educativi (e didattici). Se poi i piccoli dimostrano interesse, si può anche azzardare l'acquisto di un telescopio economico per osservare direttamente "sul campo" i segreti della volta celeste

Ma è possibile arrangiarsi anche con mezzi propri: un semplice binocolo basta e avanza per assistere più da vicino a spettacoli come eclissi o stelle cadenti, mentre per divertirsi a riconoscere le varie costellazioni non occorre nemmeno quello: è sufficiente recarsi in un posto un po' isolato - l'inquinamento luminoso è il principale nemico dell'osservazione astronomica - e alzare lo sguardo verso l'infinità della notte. E chi riconosce più stelle e costellazioni, vince!

Planetari e Osservatori

La passione per l'astronomia può essere l'occasione per qualche gita in famiglia all'insegna della scienza. Fortunatamene, infatti, in fatti, in Italia ci sono molti Osservatori e Planetari che includono nella loro offertsa anche aree e percorsi dedicati ai piccoli astronomi in erba.

Tra questi citiamo:

Scoprire il cielo con la tecnologia

Quando non è possibile visitare Planetari o fare gite fuori porta per ammirare le stelle, la modernità può offrirci degli ottimi "surrogati" per dedicarsi alla scoperta del cielo insieme ai bambini.

Sono tantissime infatti le App scariicabili su smartphone e tablet a tema astronomico. La più celebre e immediata è senz'altro "Mappa Stellare", app gratuita sia per IOS che Android, con la quale basta puntare al cielo il proprio device per poter visualizzare nomi e posizioni delle varie costellazioni e corpi celesti. Famosa anche "Star Walk Kids", che offre tanti mini-giochi molto intuitivi per insegnare ai più piccoli le basi del sapere astronomico e "Solar Walk", per guardare stelle e pianeti in 3D.

Consiglioate infine, "Little Astronauts", "Night sky" (solo Anroid) e "From Earth to Space", per imparare tutto sull'universo partendo dall nostra Terra.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli