Home Bambino Tempo libero

L'importanza di andare a scuola in bicicletta anche d'inverno

di Lorenza Laudi - 02.12.2020 - Scrivici

bambino-bicicletta
Fonte: shutterstock
Andare a scuola in bici  non è solo divertente e salutare ma facilita il distanziamento anche nei percorsi casa-scuola. E, in inverno, si rivela la scelta migliore per combattere il freddo con una bella pedalata.

E' vero, fa freddo. E in molte zone d'Italia ora sta anche nevicando. Questo non significa però che il freddo debba fermarci e che dobbiamo smettere di andare in bicicletta. Perché non c'è una temperatura troppo rigida per muoversi, c'è solamente un abbigliamento inadeguato al clima. Muoversi inoltre fa benissimo, è divertente e salutare, soprattutto per i bambini. Pensate che in Svezia e in Finlandia i bambini vanno a scuola con qualsiasi clima, anche d'inverno e con la neve.

Andare a scuola in bicicletta d'inverno, il bike-to-school

E sul tema bicicletta e inverno, continua la collaborazione tra FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e SIP-Società Italiana di Pediatria, nel promuovere, anche durante i mesi invernali, la buona pratica del bike-to-school, l'andare a scuola in bici.

MA CHE FREDDO FA? FAI PEDALA!

Con il messaggio MA CHE FREDDO FA? DAI PEDALA!, la campagna #PRIMALABICI intende sensibilizzare i bambini, i ragazzi e le loro famiglie verso una mobilità più sana e sostenibile negli spostamenti quotidiani e in ogni stagione.
Andare a scuola in bici non è solo divertente e salutare ma facilita il distanziamento anche nei percorsi casa-scuola. E, in inverno, si rivela la scelta migliore per combattere il freddo con una bella pedalata.

L'attività motoria quotidiana è fortemente raccomandata

L'attività motoria quotidiana è fortemente raccomandata dai pediatri e dall'OMS: uno stile di vita sano porta maggiori benefici proprio se adottato fin dall'infanzia.

"In un momento in cui molte attività sportive di gruppo per bambini e adolescenti sono limitate a causa dei provvedimenti per contrastare la diffusione del virus SARS-CoV-2, è ancora più importante che i ragazzi non siano sedentari, ma facciano attività motoria che, ricordiamo, non significa solo praticare uno sport di squadra. La bicicletta, nei tragitti casa-scuola di pochi chilometri, è un valido aiuto per contrastare la sedentarietà e una sana alternativa all'auto privata e al trasporto pubblico", afferma Alberto Villani, Presidente della Società Italiana di Pediatria.

"È fondamentale che i pediatri si interessino alle problematiche ambientali quali inquinamento e mobilità sostenibile: la pediatria non può che essere ecologica, perché è impossibile far crescere un bambino sano in un ambiente malato. La salute è correlata allo stile di vita che, a sua volta, è condizionato da come è organizzata la comunità in cui vive il bambino - dichiara Pietro Stella, pediatra di comunità e referente FIAB per il settore bici e salute infanzia che aggiunge: - Inquinamento e sedentarietà sono alla base dei problemi di salute dei bambini. La campagna che promuoviamo insieme a SIP incentiva l'uso regolare e in sicurezza della bicicletta, unico mezzo che contrasta contemporaneamente entrambi i fattori di rischio, aiutando i più piccoli ad una consapevolezza verso stili di vita sani e salutari".

Oltre ad essere veicolata on line su tutte le pagine web e i canali social di FIAB e di SIP, la locandina della campagna MA CHE FREDDO FA? DAI PEDALA! sarà diffusa anche negli studi dei pediatri, accanto a quella del primo messaggio A SCUOLA E IN SALUTE! #PRIMALABICI.

Per maggiori info: www.fiabitalia.it - www.sip.it - #PRIMALABICI!

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli