Home Bambino Tempo libero

Quando la finzione è piena di fascino: miti e leggende per bambini da riscoprire

di Elena Cioppi - 20.01.2021 - Scrivici

bambino-ascolta-storia
Fonte: Shutterstock
Miti e leggende per bambini, con le storie più affascinanti da ascoltare e riscoprire, per svelare un mondo fatto di esseri incantati e magia.

Miti e leggende per bambini, un universo magico e suggestivo

Viaggiare con la fantasia spesso significa attingere alla mole incredibile di racconti in arrivo dalla tradizione orale, che nei secoli si sono plasmati in diversi "formati": quelli di miti e leggende o di fiabe e favole. In particolare la mitologia impatta ancora molto sulla vita quotidiana, non solo per la sua valenza antropologica ma anche nelle scelte più comuni (come quella dei nomi per bambini ispirati a personaggi mitologici). Libri che raccontano il mito e mettono in scena le avventure incredibili di eroi e divinità sono un'ottima fonte da usare con i bambini curiosi; allo stesso modo, scoprire le leggende regionali che nascono nel passato e rivivono ancora oggi in alcuni paesi e famiglie può spiegare al bambino, anche se piccolo, il grande potere della tradizione contadina da cui spesso queste leggende provengono.

Infine, il grande calderone di leggende metropolitane può far scoprire un aspetto delle storie più inconsueto: se è vero che le fiabe creano mondi straordinari a partire dall'ordinario, le leggende metropolitane spesso inscenano paure e misteri passandoli per veri, anche se veri non sono. E scoprirle insieme ai piccoli è una bella avventura. Questo è un viaggio tra miti e leggende per bambini, per riscoprire la storia da un altro punto di vista: quello della finzione che trasuda fascino e suggestione.

In questo articolo

Miti e leggende per la scuola primaria

Miti greci per bambini

  • Dedalo e Icaro
  • Le fatiche di Ercole
  • Il pomo della discordia
  • Il mito delle sirene

La mitologia greca pullula di personaggi straordinari che non possono non affascinare la mente dei bambini, che spesso si lasciano colpire dalla forza degli eroi e dalla potenza delle divinità. Tra le storie in arrivo dalla mitologia greca si possono scegliere quelle meno cruente da raccontare anche ai più piccoli, così da mettere in evidenza caratteristiche positive degli eroi come forza, tenacia, coraggio. Ecco le più belle:

Dedalo e Icaro

Padre e figlio ricordati da tutti come coloro che cercarono di toccare il sole, affascineranno i bambini per la loro carica leggendaria. La storia di Dedalo e Icaro che tentano di fuggire dalla prigionia del re Minosse costruendosi delle ali è poetica: ancora di più se si pensa alla morale ultima legata alla fine di Icaro, che per ingordigia si avvicinò troppo al sole bruciandosi.

Le fatiche di Ercole

Ercole è un mito senza tempo in cui i bambini riconosceranno facilmente caratteristiche peculiari come la forza e il coraggio. In un'epoca in cui sono affascinati irrimediabilmente dai supereroi, Ercole è quello archetipico che combatte mostri paurosi ma mai troppo forti per poterlo sconfiggere davvero.

Il pomo della discordia

Paride è un ottimo espediente per spiegare ai bambini cosa vuol dire discordia e come spesso si mette in mezzo alle relazioni umane. La storia della dea Eris che lanciò una mela con su scritto "alla più bella", è un chiaro esempio di zizzania tirata in ballo per rovinare amicizie e rapporti. Paride, nelmito greco, venne chiamato ad eleggere la vincitrice: a spuntarla fu Afrodite, la dea dell'amore. 

Il mito delle sirene

Le sirene sono, nell'immaginario collettivo, degli esseri metà donna e metà pesce che con il loro canto attirano i marinai nelle loro spire. Non sempre a fini d'amicizia, però! Senza sovvertire l'idea che i piccoli si sono fatti anche vedendo il classico Disney La Sirenetta, si possono usare le avventure di Ulisse nell'Odissea per svelare i segreti di queste creature misteriose.

Miti dal mondo per bambini

  • Il mito greco della creazione
  • Il mito giapponese della creazione

Il mondo è pieno di storie straordinarie che puntano a capire perché esistiamo e come ha fatto l'uomo a evolversi in chiave mitica. Proprio come le storie dei personaggi biblici più famosi come quella di Adamo ed Eva, anche i miti provenienti dai quattro angoli del mondo raccontano come siamo stati creati e soprattutto puntano a svelare chi ha avuto questa idea. I due più belli sono i miti sulla creazione dei greci e quello di un'antica popolazione giapponesi. Belli da raccontare ai bambini per fornire loro un nuovo punto di vista, più aperto e curioso, sul mondo.

Il mito greco della creazione

Il Caos nel mito greco ha generato Gea, dea della Terra. A sua volta Gea è diventata madre di Urano, il cielo. e di Ponto, il mare dei primordi. Da questi personaggi archetipici i greci hanno fatto fluire tutta la storia dell'umanità, con la nascita di Crono (il Tempo) e infine di Zeus, che di Crono è figlio.

Il mito giapponese della creazione

Un mito che prende piede nel cuore di un'antica popoplazione che abita a Nord nel paese: si chiamano Ainu e la loro religione li spinge a venerare la dea Kamui, colei che ha creato il mondo. Poi la dea ha creato le isole, facendole emergere dal mare. E infine mandò gli animali a popolare la terra. Gli Ainu sono i primi uomini nati con un corpo di terra e capelli fatti d'erba.

Leggende tradizionali italiane per bambini

I giorni della merla

Sono una delle leggende più amate della tradizione italiana, che nasce a Milano e si diffonde in tutta Italia. La leggenda racconta di una famiglia di merli bianchi che, a gennaio, nel mese più freddo, si rifugiò su un comignolo. Ma la fuliggine provocata dall'accensione del camino per via del freddo invernale li ha trasformati in piccoli uccelli neri e per questo, da allora, imerli sono diventati neri come li conosciamo. Questa leggenda viene celebrata nei giorni di inverno, in particolare nei giorni più freddi dell'anno ovvero il 29, 30 e 31 gennaio.

La leggenda del pettirosso

Una delle storie di Natale più amate che racconta di un pettirosso nella capanna in cui nacque Gesù, che, preoccupato dal freddo e dallo spegnimento del fuoco, si mise a battere le sue piume a più non posso per aiutare il neonato a scaldarsi. Al mattino, scoperto il gesto dell'uccellino, l'uccello si scoprì una lunga striscia rossa sul petto, simbolo del fuoco che aveva alimentato con amore quella notte. E da quel giorno si chiamò pettirosso.

La leggenda delle fatine sarde

Si chiamano Janas e sono frutto di una vivace tradizione orale della Sardegna che racconta di queste fatine che vivevano sull'isola in pace con gli umani. All'arrivo di un popolo straniero, affascinato dalla ricchezza degli abiti delle fatine, queste piccole creature fatate sparirono nel nulla. Nessuno le vide più ma ancora gli abitanti di alcuni villaggi della Sardegna sono convinti che tornino tra gli umani, memori della loro antica amicizia.

Leggende metropolitane per bambini

Alcune leggende metropolitane per bambini li spingono a interfacciarsi con le loro paure più profonde. Anche perché i protagonisti di queste storie mai confermate e che spesso si sono diffuse solo grazie alla credenza popolare sono mostri, orchi e altri esseri orribili che spuntano dal buio. Parlarne per esorcizzare queste paure spesso frutto dell'inconscio è un buon modo per rielaborarle, per trasformare questi incubi in storie popolari senza alcun fondamento. Ecco le più famose e affascinanti.

L'uomo nero

Chi è più famoso dell'uomo nero? Tanto famoso da comparire nella più celebri delle ninne-nanna. Un mostro che si sposta col buio e prende i bambini che non dormono farebbe paura a tutti, no? Figuriamoci ai protagonisti di questa leggenda metropolitana, ovvero i più piccoli. In ogni paese c'è una versione di Uomo Nero (in America ad esempio si chiama Boogeyman) e tutte presentano le stesse caratteristiche dell'uomo nero nostrano. Che è, senza ombra di dubbio, una leggenda metropolitana somma di incubi e paure cristallizzate nell'essere umano dalla notte dei tempi.

La pentola d'oro in fondo all'arcobaleno

Una leggenda questa volta positiva racconta di una epica pentola d'oro che si troverebbe proprio in prossimità della fine di un arcobaleno. Una leggenda molto popolare in Irlanda, terra di folletti e folklore. Ma non solo: il mito dell'arcobaleno e dei suoi tesori è molto sentito in tutto il mondo, forse per l'aura magica e fatata che lo circonda.

Il sosia 

Quello del "doppio" è un tema molto frequente in letteratura e in psicologia e ancora una volta mette in scena delle paure dell'incoscio difficili persino da riconoscere. La leggenda metropolitana dei sosia (che in alcune versioni diventa anche "dei 7 sosia) sparsi per il mondo, che ci somigliano in tutto e per tutto, trova la sua cristallizzazione terribile nel fatto che dobbiamo sperare di non incontrarli mai. Pena: la morte. Che alla fine è la paura suprema e ultima che ruota intorno ai racconti della credenza popolare.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli