Home Bimbi in viaggio

Campeggio, come organizzare la vacanza con i bambini

di Sara De Giorgi - 31.07.2020 - Scrivici

famiglia-in-campeggio
Fonte: Shutterstock
Volete trascorrere le vacanze in un campeggio con bimbi al seguito? Ecco i suggerimenti del sito di prenotazioni online Alcampeggio.it, i cui esperti ci hanno spiegato come organizzare un camping in famiglia.

Tante famiglie scelgono ogni anno di andare in vacanza in campeggio al mare o in montagna, immersi nella natura o in strutture attrezzate. E anche in questa estate così strana, numerosi nuclei familiari hanno optato per i camping, con l'obiettivo di trascorrere vacanze rilassanti.

Come organizzare un campeggio con bambini?

Lo abbiamo chiesto agli esperti Alcampeggio.it - sito di prenotazioni online che ospita più di 1000 campeggi in Italia e in Europa -, che ci hanno dato validi consigli per organizzare un camping con bimbi al seguito e ci hanno spiegato i vantaggi per i più piccoli di una vacanza di questo tipo. 

In questo articolo

Conviene scegliere un camping per passare le vacanze in famiglia?

Risponde Antonella, responsabile comunicazione di Alcampeggio.it e mamma di due bambini: «Le vacanze in famiglia sono sinonimo di tranquillità, relax e divertimento: questo è quanto garantisce un camping. Non solo conviene preparare le proprie vacanze e partire in campeggio, ma è consigliato per le famiglie con bambini ed adolescenti.

Il campeggio è ideale per i bambini, che possono divertirsi all'aperto in un contesto gioioso e, soprattutto, circoscritto. I genitori possono stare tranquilli ed affidarsi alle mani dell'animazione. Inoltre, considerando la varietà dell'offerta, partire in campeggio è sempre conveniente, è una soluzione mediamente meno onerosa rispetto ad altre».

Quali sono i vantaggi di una vacanza in campeggio con i bambini?

Secondo Antonella i vantaggi sono molteplici. «I bambini si divertono, i genitori si rilassano. Molti campeggi e villaggi sono situati proprio di fronte al mare, questo offre la possibilità alla famiglia di non doversi spostare continuamente alla ricerca della spiaggia più vicina.

I piccoli sanno che gli animatori hanno un preciso programma, per cui al mattino si svegliano con la voglia di vivere la propria giornata insieme ai loro nuovi amici, che sia in piscina, in spiaggia o semplicemente al mini club!

Il vantaggio maggiore è quello di avere tutta l'offerta in un unico ambiente: l'alloggio (bungalow, casa mobile, oppure piazzola), la piscina, il mare, i campi sportivi, l'animazione, la ristorazione... i bambini si rilassano in un ambiente positivo ed accogliente: cosa c'è di meglio?».

Quali sono le regole da rispettare se si decide di fermarsi in campeggio in determinate zone con bambini?

«Dipende dalla zona e da che tipo di alloggio si sceglie. Se si è in camper, in roulotte oppure in tenda, è bene organizzarsi in anticipo contattando il campeggio o consultando il sito web per verificare le prestazioni incluse.

In generale, la comunità dei campeggiatori è molto aperta ed accogliente: molto spesso, dopo qualche giorno in tenda, si finisce per fare amicizia con i vicini e si organizza un barbecue. Ce ne sono di storie simpatiche che i direttori o i receptionist potrebbero raccontare!

La regola principale è sempre il rispetto per il prossimo, questo fuori da ogni dubbio. Ed è lo stesso ragionamento se si sceglie una sistemazione come un bungalow: le regole del buon vivere, come a casa, sono sempre le migliori da rispettare».

Consigli per organizzare una vacanza in campeggio con i bambini

  1. «Scegliere il proprio campeggio in base ai servizi che offre: animazione, minimarket, ristorazione, piscina, campi sportivi, tipologie di alloggio.
  2. Scegliere attentamente l'alloggio: in una casa mobile (indicata per i bambini appena nati) di solito si trova di tutto, ma attenzione alla biancheria da bagno e letto, non sempre fornite...
  3. Se si opta per una piazzola bisogna considerare anche una lista di cose da portare: tenda, materassino, lettino, fornelli da campeggio, prodotti antizanzare, sapone e piatti, una torcia, attrezzatura da bebè (che spesso però può essere noleggiata in loco).
  4. Portare con sè i cavi elettrici da campeggio: di solito sono quelli con attacco industriale.
  5. Domandare qual è il voltaggio incluso in piazzola, per portare apparecchiatura elettronica che non faccia saltare la luce.
  6. Scegliere un campeggio che non sia in una zona trafficata, è meglio per la sicurezza dei bambini.
  7. Preparare un kit di pronto soccorso, per qualsiasi evenienza.
  8. Prenotare in anticipo il campeggio per garantirsi le migliori posizioni e i migliori alloggi e organizzare tutto con calma.
  9. Se si parte con la tenda, sceglierne una di dimensioni appropriate con una grande veranda e zona cucina
  10. Coinvolgere in anticipo i bambini in questa avventura, spiegando loro che dormiranno all'aperto sotto un cielo stellato!». 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli