Galleria fotografica

Che cosa accade a chi nasce su un aereo? Lo spiega Shona Owen, nata in volo

04 Febbraio 2016
Shona Owen è nata il 2 novembre 1990 su un volo British Airways dal Ghana a Londra. Sua mamma era al settimo mese di gravidanza. Curiosa di sapere che cosa accade a chi nasce in aereo, Shona, oggi 25enne, è andata a caccia dei "nati in volo". 
Facebook Twitter More
shonafamiglia

Shona, appena nata, viene tenuta in braccio dalla mamma. Dietro c'è la sorella di Shona, Claire, 4 anni, e intorno il personale della British Airways. Shona Owen è nata nel 1990, sul volo British Airways BA078 dal Ghana diretto a Londra. La mamma di Shona, Debbie, era al settimo mese di gravidanza. Aveva già pensato a dove partorire, ma mai avrebbe creduto che la sua piccola sarebbe nata su un jet a 10.000 metri di altezza.

passaportoconshona

Ecco oggi Shona a 25 anni. Fa parte di una piccola comunità di persone nate in volo e a certificare la tua particolarità c'è il suo passaporto...

shonaowenpassaporto

Nel suo vecchio passaporto c'era scritto: "il possessore è nato su un velivolo, 10 miglia a sud di Mayfield, nel Sussex". In quello nuovo, rinnovato da poco, c'è solo scritto "in mare", "at sea".

160126173253-shonas-birth-certificate

E sul suo certificato di nascita è riportato che è nata su un aereo e il il suo nome per intero: Shona Kirsty Yves. Le iniziali — S. K. Y. — compongono la parola "cielo" in inglese.

shonaowen

Shona si è da sempre chiesta in quanti hanno avuto la sua stessa sorte. Dopo sei mesi di ricerche, fatte durante un master all’università Goldsmiths di Londra, di lettura degli archivi dei quotidiani e analisi, ecco una prima stima della ragazza: "Ci sono almeno 49 persone — me compresa — nate in volo dal 1929 a oggi".

fokkertrimotore

La prima trovata da Shona è stata Airlene, venuta alla luce ottantasette anni fa, il 26 ottobre. E' nata sopra Miami e a bordo di un Fokker trimotore (nella foto, un Fokker trimotore).

johnthannatobritish

Secondo le ricerche di Shona, due bambini sono deceduti subito dopo il parto, altri tre sono stati abbandonati a bordo e ritrovati dopo l’atterraggio. In questa foto invece c'è Jonathan, nato 4 mesi prima di Shona sempre su un volo della British.

johnthannatobritishgiornale

Sul suo passaporto c'è però scritto "nato in aereo" giusto a evidenziare il fatto che non esiste una normativa per chi nasce in volo. Che nazionalità prende il piccolo? Dei genitori? Della compagnia dell'aereo? Le donne incinte possono viaggiare in aereo fino alla 36esima settimana, dopo scatta il divieto di decollo. Le compagnie aeree richiedono un certificato medico dalla 28esima. Il Regno Unito prevede l’attribuzione della nazionalità al piccolo che ha almeno un genitore inglese. Per gli Usa vale il principio dello "ius soli": chi nasce a bordo di velivoli o nello spazio aereo statunitense diventa cittadino americano.

clohe

Ed uno degli ultimi nati è stato anche ripreso "live": lo scorso ottobre un bimbo è nato sul volo Taiwan - Los Angeles. Di lui c'è anche un video su youtube che ha avuto oltre un milione di visualizzazioni. Alla mamma mancavano ancora 8 settimane per arrivare al termine. L'aereo ha fatto un atterraggio di emergenza in Alaska.

chloe

Lei invece è proprio l'ultimissima. Chloe, nata il 14 ottobre 2015, sul volo Calgary (Canada) - Tokyo (Giappone).

Shona, appena nata, viene tenuta in braccio dalla mamma. Dietro c'è la sorella di Shona, Claire, 4 anni, e intorno il personale della British Airways. Shona Owen è nata nel 1990, sul volo British Airways BA078 dal Ghana diretto a Londra. La mamma di Shona, Debbie, era al settimo mese di gravidanza. Aveva già pensato a dove partorire, ma mai avrebbe creduto che la sua piccola sarebbe nata su un jet a 10.000 metri di altezza.
Facebook Twitter More