Home Bimbi in viaggio

Come viaggiare con un bimbo celiaco: i consigli per godersi la vacanza

di Luisa Perego - 12.06.2024 - Scrivici

bambino-celiaco
Fonte: shutterstock
Scopri come viaggiare senza glutine con consigli pratici e la Guida AFC di AIC. Vacanze sicure per bimbi celiaci con locali certificati e app mobile sempre aggiornata

In questo articolo

Che bello quel gelato... ma potrà mangiarlo? E quella pizzeria? Potremo fermarci a mangiare lì? Dove comprare poi quello che davvero ci serve? Viaggiare può essere una fonte di stress per chi soffre di celiachia, a causa dei cambiamenti di abitudini e della necessità di trovare cibi e locali senza glutine. Ecco alcuni consigli pratici per vivere una vacanza serena e sicura con i propri bambini celiaci, con il supporto di AIC (Associazione Italiana Celiachia) e del programma "Alimentazione Fuori Casa senza glutine" (AFC).

Chi è celiaco può toccare la farina?

Per quanto riguarda i materiali che entrano in contatto con la pelle e le mucose, inclusi farmaci, prodotti per l'igiene e cosmetici, non rappresentano un problema per i celiaci e i pazienti con dermatite erpetiforme, anche se contengono glutine.

Infatti, il glutine provoca una reazione avversa nei celiaci solo quando entra in contatto con l'intestino. Anche dentifrici e rossetti sono sicuri per i celiaci, anche se contengono glutine, considerando la quantità molto piccola di prodotto che potrebbe essere ingerita.

Come (e dove) mangiare fuori casa?

Quando siamo in vacanza, spesso si ha il piacere di mangiare fuori. Per chi è celiaco, è fondamentale trovare locali che garantiscano la sicurezza alimentare. AIC offre una Guida di oltre 4000 locali formati sulla celiachia e sulla dieta senza glutine, facilmente riconoscibili grazie a vetrofanie esposte nelle vetrine. Se non si può andare in uno di questi locali, è importante informare il personale del ristorante sulla celiachia e sugli ingredienti da evitare. In caso di dubbi, meglio evitare il consumo di alcuni cibi e spiegare ai ristoratori le regole per preparare piatti senza glutine.

Come trovare locali AFC

I soci di AIC possono consultare l'elenco dei locali certificati sul sito celiachia.it, sull'app AIC Mobile e nella Guida cartacea AFC. Chi non è socio può accedere all'APP a pagamento per brevi periodi. L'app AIC Mobile offre:

  • Una mappa dei locali gluten free in Italia
  • Un elenco di negozi con prodotti senza glutine
  • Il Prontuario degli alimenti, con funzione di scansione del codice a barre
  • Una sezione per acquistare prodotti specifici per celiaci online

Sull'app sono disponibili gratuitamente l'ABC della dieta del celiaco, l'elenco a semaforo dei prodotti "permessi", "a rischio" e "vietati" e la sezione News in costante aggiornamento.

Cosa fare in treno, traghetto, autostrada o aereo?

Il programma AFC di AIC si rivolge anche alle attività di ristorazione in aree come aeroporti, stazioni ferroviarie e autostrade. Sul sito celiachia.it si possono trovare tutte le collaborazioni attive che garantiscono pasti sicuri per i celiaci. In assenza di una partnership segnalata, è consigliabile informarsi in anticipo sulla disponibilità di pasti senza glutine, soprattutto durante viaggi aerei, in treno o in traghetto.

Un viaggio all'estero gluten free

Durante l'estate, molti giovani viaggiano per vacanza o studio. AIC è membro di AOECS (Association of European Coeliac Societies) e CYE (The Coeliac Youth of Europe), che offrono informazioni su dove mangiare senza glutine all'estero. I siti delle associazioni forniscono frasi utili tradotte in diverse lingue e i riferimenti delle associazioni celiache straniere.

È importante ricordare che in Europa e negli Stati Uniti, l'etichetta "senza glutine" indica prodotti con meno di 20 ppm (Parti Per Milione) di glutine.

Che cosa è la celiachia?

Si stima che in Europa 1 persona su 100 soffra di celiachia. Applicando questo rapporto, si può presumere che più di 7 milioni di persone siano affette da celiachia in tutta Europa, con solo circa il 25% di queste effettivamente diagnosticato. La celiachia può presentarsi con una vasta gamma di sintomi, da lievi a molto gravi e l'unico cosa che si può fare è una rigorosa dieta senza glutine quotidiana.

La celiachia è una malattia autoimmune. Per chi è affetto da questa condizione, l'ingestione di glutine innesca erroneamente il sistema immunitario a produrre anticorpi che attaccano l'intestino tenue.

Il glutine si trova in 3 tipi di cereali:

  • grano,
  • orzo
  • e segale;

e in qualsiasi prodotto che utilizza questi cereali, come pane, pasta, torte, biscotti e salse.

La reazione avversa al glutine danneggia i microvilli che rivestono l'intestino tenue, compromettendo la capacità del corpo di assorbire i nutrienti dal cibo. Se la celiachia non viene diagnosticata, i microvilli possono morire e i nutrienti vitali non possono più essere assorbiti. Questo può causare sintomi che vanno dal lieve disagio a condizioni potenzialmente letali come l'anemia grave.

I sintomi della celiachia

I sintomi della celiachia possono variare significativamente da persona a persona sia per gravità che per numero di sintomi.

La celiachia può causare una gamma di sintomi intestinali, come:

  • diarrea, eccesso di gas e stitichezza
  • problemi gastrointestinali persistenti o inspiegabili come nausea e vomito
  • dolore addominale ricorrente, crampi e gonfiore.

Può anche causare una serie di sintomi più generali, tra cui:

  • stanchezza e mal di testa
  • perdita di peso involontaria (in alcuni casi, non in tutti)
  • qualsiasi combinazione di carenza di ferro, vitamina B12 o acido folico
  • ulcere della bocca
  • perdita di capelli
  • un'eruzione cutanea (dermatite erpetiforme)
  • problemi allo smalto dei denti

Inoltre, la celiachia può causare:

  • osteoporosi
  • depressione
  • problemi a concepire (infertilità)
  • aborti ripetuti
  • dolore alle articolazioni e alle ossa
  • problemi ai nervi come scarsa coordinazione muscolare (atassia) e intorpidimento o formicolio alle mani e ai piedi (neuropatia).

Fonti

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli