Home Bimbi in viaggio In Alto Adige con i bambini

San Vigilio di Marebbe e San Martino in Badia sulle Dolomiti: cosa visitare con i bambini

di Nicoletta Vuodi - 05.04.2024 - Scrivici

dolomiti-vacanze-in-famiglia
Fonte: Shutterstock
Escursioni, la spiaggia alpina, il parco dei gufi e lo yoga nella yurta mongola a San Vigilio di Marebbe e San Martino in Badia sulle Dolomiti

In questo articolo

Dolomiti, le montagne per una vacanza in famiglia

Trascorrere le vacanze in montagna è un'esperienza indimenticabile e ricca di avventure. Immersi nella bellezza naturale delle cime imponenti, dei boschi verdi e dei laghi cristallini, la montagna è l'ambiente perfetto per le attività all'aria aperta come escursioni panoramiche, passeggiate nei boschi, gite in bicicletta o semplicemente per respirare l'aria fresca e pura. Ma la montagna offre anche una vasta gamma di attività adatte ai bambini, come laboratori naturalistici, parchi avventura e lezioni di sci durante l'inverno.

Inoltre, non c'è niente di meglio che concludere una giornata intensa con una deliziosa cena in un rifugio di montagna, assaporando piatti tradizionali e godendo della tranquillità che solo la montagna sa offrire. Una vacanza in famiglia in montagna è l'occasione perfetta per riconnettersi con la natura e condividere momenti di gioia e relax insieme alle persone più care.

Una località che vogliamo consigliarvi si trova nel cuore del Trentino-Alto Adige, una destinazione incontaminata e affascinante, perfetta per chi cerca avventura, bellezza naturale e un'immersione nella cultura alpina e ladina autentica.

Con la famiglia, tra amici, da soli o per un romantico soggiorno di coppia, qui le opportunità di distaccarsi dalla vita di tutti i giorni sono praticamente infinite.

Stiamo parlando del territorio che si estende tra i paesi di San Vigilio di Marebbe e di San Martino in Badia, due località che hanno creato entusiasmanti proposte per attirare le famiglie in vacanza. L'obiettivo principale è rendere felici i bambini, e di conseguenza anche i genitori, attraverso attività divertenti e coinvolgenti nella splendida cornice montuosa delle Dolomiti.

Fonte: Comunicato stampa

Escursionismo in sentieri fiabeschi

Nella zona di San Vigilio, l'escursionismo diventa adatto alle famiglie con bambini grazie a percorsi come il "Tru dles Liondes", un'escursione leggendaria nel "Regno del Fanes" che cattura l'immaginazione dei più piccoli. I sentieri sono punteggiati da stazioni interattive che narrano leggende locali e intrattengono i giovani escursionisti con quiz e giochi.

In questa regione dove le Dolomiti hanno creato un ambiente da fiaba, numerosi sentieri sono pensati per i più giovani, come il "Tru dles Liondes" (passeggiata delle leggende), che può essere percorso anche con il passeggino. Qui si possono scoprire le incredibili leggende del misterioso "Regno del Fanes", la cui gente si unì alle marmotte. Si rivive il coraggio della figlia della regina, Dolasilla, dotata di poteri magici e armi forgiate dai nani, insieme agli altri personaggi che animano le montagne intorno a San Vigilio. Un divertente quiz (disponibile presso l'ufficio turistico o il centro parco) intrattiene i bambini e li aiuta a ricordare le storie e i personaggi del magico Regno del Fanes. Dieci stazioni con cartelli colorati narrano le leggende ladine di Fanes: un'opportunità per imparare alcuni termini ladini e approfondire la cultura della zona.

Fonte: Comunicato stampa

Le aree gioco e la valle degli antichi 8 antichi mulini

A San Martino, il sentiero "Tru Vistles" offre una serie di giochi lungo il percorso che rendono il cammino un'esperienza avventurosa e divertente. I sentieri circolari come "Col dl'Ancona" presentano numerosi punti di sosta con giochi, altalene, e persino un trampolino gigante per salti fotografabili, che intrattengono i bambini mentre i genitori ammirano il paesaggio montano.

L'escursione nella Val di Morins di Longiaru, con i suoi antichi mulini lungo il torrente Seres, è un'altra avventura che cattura l'interesse di tutta la famiglia, trasformando così una semplice passeggiata in un'esperienza indimenticabile. L'incantata valle degli 8 antichi mulini, dove si cammina accanto al torrente Seres lascerà a bocca aperta anche i più piccoli.

Fonte: Comunicato stampa

Ciamaor, la spiaggetta del torrente San Vigilio

A San Vigilio, la vacanza in montagna offre un angolo speciale per chi ama costruire castelli di sabbia anche in alta quota: parliamo di Ciamaor, una spiaggetta accarezzata dal torrente San Vigilio che nasce da ben 40 sorgenti chiamate "les fontanes". Camminare a piedi nudi sulla sabbia, circondati da uno scenario dolomitico mozzafiato, permette di giocare con l'acqua e modellare la sabbia.

In questa splendida "valle dai Tamersc" è possibile trascorrere l'intera giornata tra giochi d'acqua, riposini sulle amache, pic-nic sui tavoli o sull'erba: l'ampia area è attrezzata con un chiosco in legno dall'architettura alpina che offre deliziose merende. L'acqua è poco profonda e tranquilla, quindi anche i bambini più piccoli possono divertirsi in tutta sicurezza. In uno dei piccoli "laghetti" è stata ancorata una nave pirata di legno: galleggiando sull'acqua, le avventure prendono vita in forme ancora più fantasiose. Che sia il torrente dei pirati o il fiume dei corsari, l'immaginazione vola alta!

Fonte: Comunicato stampa

Owl Park San Vigilio e i rapaci

Vicino alla spiaggetta, troverete un centinaio di gufi, civette e allocchi. Lo splendido "Owl Park San Vigilio" ospita più di 80 rapaci appartenenti a 30 diverse specie. La guida Mario Kelemina condivide con i bambini le caratteristiche uniche di ogni specie: dove vivono, cosa mangiano, le loro abitudini sociali e l'importanza del loro ruolo nell'ambiente alpino. È un'occasione straordinaria per imparare e apprezzare la biodiversità della zona, mentre ci si avvicina a queste affascinanti creature alate.

Fonte: Comunicato stampa

A lezione di yoga

Yoga per bambini: speciali lezioni pensate appositamente per loro si svolgono nel Parco di San Vigilio, un luogo fresco anche durante l'estate, all'ombra di grandi pini e abeti, accanto al torrente. Nel cuore di questo incantevole parco troverai una vera yurta mongola, dove gli insegnanti organizzano diversi workshop e corsi. È un'opportunità unica per i più giovani di connettersi con la natura circostante e di sperimentare lo yoga in un ambiente rilassante e stimolante.

Fonte: Comunicato stampa

San Vigilio e San Martino: Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO

Questa straordinaria zona alpina si estende tra i comuni di San Vigilio di Marebbe e San Martino in Badia, caratterizzandosi per la sua bellezza naturale e la ricchezza culturale ladina. Oltre ai paesaggi alpini mozzafiato, questa zona turistica offre un'esperienza unica grazie alla lingua, alle tradizioni e alla cultura ladina che permeano ogni aspetto dell'ospitalità, della cucina e dell'atmosfera.

Qui, il dolce suono della lingua ladina accoglie i visitatori con un caloroso "Bun De" al mattino e un affettuoso "A s'odëi" alla partenza.

San Vigilio è un vivace centro turistico che mantiene intatto il suo carattere alpino autentico, con le sue frazioni di Pieve di Marebbe, Longega e Rina, ognuna con la propria storia e fascino unici. Situato sul versante soleggiato del Plan de Corones, uno dei comprensori sciistici più rinomati dell'Alto Adige, San Vigilio è circondato dal Parco Naturale di Fanes-Senes-Braies.

San Martino in Badia, con il suo celebre castello "Ciastel Tor" e l'Istituto culturale ladino "Micurà de Rü", rappresenta un'altra gemma di questa regione. Le sue frazioni, tra cui Piccolino, Longiarü e Antermoia, offrono panorami idilliaci verso il Passo delle Erbe e sono parte integrante del Parco Naturale Puez-Odle, un autentico paradiso dolomitico.

Entrambi i comuni, San Vigilio e San Martino, sono impegnati nella tutela dell'ambiente e nella promozione del turismo sostenibile. San Vigilio-Dolomiti è stato il primo in Alto Adige a ottenere la certificazione internazionale per il turismo sostenibile GSTC, evidenziando l'attenzione verso la conservazione della natura e la gestione ecologica del territorio.

Questa zona, inserita nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO per le Dolomiti, offre panorami straordinari e costituisce un punto d'accesso privilegiato a due dei sette Parchi Naturali altoatesini. Il Parco Naturale di Fanes-Senes-Braies e il Parco Naturale Puez-Odle sono tesori naturali che raccontano la storia della Terra attraverso anfiteatri, caverne e formazioni rocciose uniche, conservando i resti di antichi depositi risalenti al Giurassico e al Cretacico.

Info: www.sanvigilio.com

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli