Viaggi in famiglia

Pollino, la leggenda della costellazione dei ladri

Di Ettore Pettinaroli
pollino.jpg
24 Aprile 2014
La vetta più alta del Pollino ha un nome magnifico: Monte Dolcedorme. Si dice che i pastori del Pollino a una certa ora della notte, guardando il cielo proprio in direzione della cima del monte Dolcedorme, vedono comparire una strana sequenza di stelle: prima due vicine appaiate tra loro, poi altre due in coppia, quindi una stella isolata. Ecco la leggenda.
Facebook Twitter More

La vetta più alta del Pollino ha un nome magnifico: Monte Dolcedorme. Si dice che i pastori del Pollino a una certa ora della notte, guardando il cielo proprio in direzione della cima del monte Dolcedorme, vedono comparire una strana sequenza di stelle: prima due vicine appaiate tra loro, poi altre due in coppia, quindi una stella isolata. Un attimo dopo ne vedono una abbastanza distanziata con accanto (“addosso” dicono loro) una stellina e infine ecco un 'ultima stella dalla luminosità tremolante come se pulsasse e non sapesse quale strada percorrere. Questa particolare sfilata di astri è chiamata dai pastori “la costellazione dei ladri” e viene utilizzata per orientarsi di notte sulle montagne.

LEGGI ANCHE: Basilicata e Calabria, itinerario con i bambini

Secondo una leggenda, durante un notte particolarmente buia due ladri entrarono in una stalla e rubarono due buoi. Fissarono alle corna dei due animali una lanterna per illuminare il cammino, ma fecero troppo rumore e il proprietario delle stalla si accorse di cosa stava succedendo. Questi prese a sua volta un lume e si lanciò all'inseguimento dei malfattori. La moglie del contadino però non volle rimanere in casa da sola e si mise sulle loro tracce portando con sé il figlioletto che teneva a sua volta un'altra lanterna per rischiarare la notte.

A quel punto anche il garzone del contadino, temendo l'arrabbiatura del padrone che lo avrebbe accusato di non aver badato ai buoi, accese un'ulteriore lampada e si avviò anch'esso in nella direzione di coloro che lo precedevano. Lui però si muoveva lentamente e con un passo timoroso. Oltre che del padrone aveva paura dei ladri, quindi avanzava titubante rimanendo sempre a distanza. Nessuno però riuscì a raggiungere chi lo precedeva e continuarono a inseguirsi l'uno con l'altro fino ad arrivare in cielo. E oggi, nelle notti limpide, tutti possono ancora osservarli.

Leggi tutti gli itinerari delle famiglie in giro per l'Italia nella sezione bimbi in viaggio