Home Bimbi in viaggio In Emilia Romagna con i bambini

Castello di Gropparello: cosa vedere con i bambini

di Elena Berti - 13.04.2022 - Scrivici

castello-di-gropparello
Fonte: Shutterstock
Il castello di Gropparello è una rocca fortificata situata in provincia di Piacenza. Un luogo fantastico dove trascorrere una giornata con i bambini

Il Castello di Gropparello in Emilia Romagna è un luogo davvero suggestivo dove si organizzano tante attività per grandi e bambini. Gropparello si trova a circa 30 chilometri da Piacenza e il paesaggio è molto particolare, tra rocce e canyon scavati dai torrenti.

Intorno al castello è stato creato il primo parco emotivo d'Italia tra sentieri, giardini nascosti e prati verdi circondati da boschi secolari. Un luogo indimenticabile per i bambini, in cui perdersi tra magia e racconti.

In questo articolo

Il Parco delle Fiabe del Castello di Gropparello

A Gropparello si trova appunto il Parco delle Fiabe, il primo parco emotivo d'Italia, dove i bambini si perdono nella magia. La visita è fuida da animatori in costume che accompagnano nel percorso raccontando vicende medievali e svelando i segreti degli esseri dei boschi. Una volta terminato questo itinerario, bambini e ragazzi saranno confrontati a un dilemma: qualcuno ha rubato il Calice della Felicità, custodito nel sacro bosco dal Druido.

Sarà a quel punto che il Cavaliere Bianco chiederà aiuto a chi sente di essere coraggioso è onesto, e qui inizia la parte divertente. Ai bambini saranno fornite una tunica, una spada e un elmo per entrare a far parte dell'esercito dei valorosi. L'esercito dovrà dirigersi sotto le mura del castello, proprio ai limiti del bosco, per sfidare l'orco e la strega che mettono in pericolo il Regno. Dopo averli sconfitti e aver riportato la pace, i piccoli guerrieri riceveranno l'ordine dei Cavalieri del Castello di Gropparello.

Le attività

Sono diverse le attività organizzate per bambini e ragazzi all'interno del castello, solitamente in piccoli gruppi per permettere a tutti di godere appieno dell'esperienza. A seconda della giornata, in genere le attività sono 3 o 4: visita al castello, parco delle fiabe, avventura e attività stagionali.

Ci sono poi eventi particolari nei diversi periodi dell'anno, come la festa del vino a settembre, o la serata di Halloween, o ancora il mercato medievale in aprile. Se volete programmare una visita, vi consigliamo di visitare il sito del castello per essere sempre aggiornati sulle attività previste.

Dormire al castello

Chi non ha mai sognato di dormire in un castello? Di giorno potrete andare alla scoperta dei boschi del castello con pic nic sui prati e grandi avventure nel Parco delle Fiabe, mentre di notte ascolterete il canto del barbagianni e di tutti i rapaci notturni che vivono tra i boschi e le torri del castello.

Se cercate un posto in cui dormire, il castello mette a disposizione Torre dei Barbagianni, un luogo magico da cui ammirare tutto il panorama circostante, proprio sopra il ponte levatoio. La suite è comosta da quattro camere più un bagno scavato nella roccia completo di doccia con idromassaggio e cromoterapia. Anche la colazione, servita in giardino, è un'esperienza unica che i bambini difficilmente dimenticheranno. 

Il castello è inoltre immerso in un paesaggio suggestivo dove, se decidete di godervi qualche giorno in relax, potete prevedere altre visite: vigne, uliveti, raccolta delle mele, equitazione... Le attività sono numerose e, a seconda della stagione, potete organizzare giornate che i vostri figli non dimenticheranno.

La leggenda

Se volete incuriosire i vostri figli (almeno quelli più grandi!) prima della visita al Castello di Gropparello, potete raccontare la leggenda che custodisce. È qui che si sposarono, infatti, il conte Pietrone da Cagnano e Rosania Fulgosio, intorno alla metà del 1200. Fu la madre di Rosania a convincerla a sposare il conte, lei non ne era innamorata, perché in realtà amava Lancillotto Anguissola, un nemico dei Fulgosio e dei Cagnano.

Una volta che il conte si trovava lontano dal Castello, questo venne assaltato dalle truppe del marchese Pallavicino, a cui era fedele lo stesso Lancillotto. Sembra che in quell'occasione Rosania si sia sacrificata per salvare le persone all'interno del maniero, ma altre storie narrano che si sia inginocchiata di fronte al nemico per invocare pietà: proprio davanti a lei, il combattente che si tolse l'elmo era Lancillotto Anguissola, che così la risparmiò. Durante l'occupazione i due vissero la loro storia d'amore in segreto, ma quando Pietrone tornò e riconquistò il castello l'amante della moglie riuscì a fuggire col suo aiuto. 

Il tradimento di Rosania fu raccontato al marito dalla sua dama di compagnia e lui, roso dalla gelosia, decise di addormentarla e di murarla viva in un antro delle segrete fatto scavare apposta. Ma dopo questo gesto, il conte si pentì e decise di uccidere la dama di compagnia che aveva rivelato il tradimento della moglie, per poi uccidersi a sua volta gettandosi a cavallo tra le rocce sotto il castello. 

Una leggenda piena di passione che vi dà uno spunto in più per visitare il castello di Gropparello!

I fantasmi

Anche le anime di Verzuvia e di Pietrone da Cagnano si aggirano nel castello,  ma lo spettro che sembra essere più famoso resta quello di Rosania.

Nonostante le ricerche, nessuno è mai riuscito a ritrovare la stanza in cui Rosania ha perso la vita. Tuttavia, sotto l'antica cantina, in corrispondenza delle segrete, alcuni testimoni hanno avuto modo di assistere o fotografare delle presunte apparizioni di quella che è divenuta nota con il soprannome di Dama Bianca.

Aggiornato il 06.05.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli