Home Bimbi in viaggio In Lombardia con i bambini

Borghi in Lombardia con i bambini: i più belli da visitare

di Sara De Giorgi - 30.08.2021 - Scrivici

tremezzo
Fonte: Shutterstock
Borghi in Lombardia con i bambini: quali sono i più belli da visitare? Vi proponiamo: Borgo Santa Caterina, Castellaro, Lagusello e tanti altri

Borghi in Lombardia con i bambini

La Lombardia offre un paesaggio caratterizzato da antichi e suggestivi borghi immersi nella natura. In questa regione è possibile coniugare relax e divertimento, cultura ed esperienze uniche. Tra montagne e laghi esistono borghi nei quali il tempo sembra sospeso e la vita fluisce lentamente, nella quiete di paesaggi naturali unici.

Vediamo quali sono i borghi da visitare in Lombardia con i bambini.

In questo articolo

Borgo Santa Caterina

Borgo Santa Caterina è un bellissimo quartiere nella parte bassa della città di Bergamo.

Santa Caterina è una sorta di città nella città, nella quale non vi sono i classici negozi contemporanei ma persiste ancora un'atmosfera di bottega. I venditori di cordami, di candele, i bazar sono ormai rari, mentre sono proposti nelle vetrine dolciumi, abiti, profumi, mobili, ecc. Il borgo ospita comunque laboratori giovani e alimentari locali. 

Anticamente chiamata "borgo dei fornai", Santa Caterina si offre ai turisti mantenendo in parte lo spirito dell'epoca e presentando, d'altro canto, una moderna e accesa vivacità, nell'ambito della quale è possibile trovare locali particolari e unici per trascorrere piacevoli pomeriggi o serate in famiglia. 

Castellaro Lagusello

Castellaro Lagusello si trova nel comune di Mozamabano, in provincia di Mantova.

L'area di Castellaro con il suo laghetto è tutelata dal punto di vista ambientale e la gestione è affidata al Parco Naturale del Mincio.

Il borgo si trova su una suggestiva collina che si affaccia su un laghetto a forma di cuore. Il castello, che risale al 1100 circa, offre il nome al piccolo e affascinante borghetto. 

Le colline moreniche nei dintorni sono ad altissima vocazione ciclistica e infatti lungo il fiume è stato realizzato un percorso ciclabile che attraversa belle campagne. Il borgo è perfetto per essere una meta di un itinerario da compiere in bicicletta in famiglia. 

Fortunago

Fortunago, antico borgo in provincia di Pavia, offre a grandi e a piccini la possibilità di vivere un'esperienza unica nel passato. 

Fortunago è il rifugio ideale per trascorrere una giornata intima in un'atmosfera tradizionale. È possibile trovare il vecchio maniscalco, per le strade si diffonde il profumo del pane cotto nel forno a legna, e c'è una sorgente di acqua minerale proprio dietro al ristorante dove si beve del buon vino.

Intorno vi sono i 400 ettari di bosco protetto, con percorsi segnalati, all'interno di un più ampio territorio collinare con i suoi borghi, i castelli, i lunghi filari di vite, le strade dei vini e dei sapori dell'Oltrepò pavese.

Morimondo

Morimondo è un borgo in provincia di Milano. Si trova sulla riva sinistra del Ticino e la vegetazione intorno comprende salici, robinie e pioppi. La storia di questo borgo ruota intorno all'abbazia omonima e dei monaci cistercensi che vi abitarono in passato. 

I monaci cistercensi venuti dalla Francia bonificarono le terre intorno al fiume, costruitono canali d'irrigazione, innalzarono un'abbazia impastando argilla di fiume. 

Il monastero ha generato il borgo di Morimondo, e attualmente il borgo vuole "rigenerare il monastero": lo ha restaurato, ripristinando l'atmosfera originaria dell'ambiente intorno. Così, a Morimondo sono spariti i cartelloni pubblicitari, i cavi aerei, i piani rialzati delle case e il paesaggio è tornato quello che vedevano i monaci dall'abbazia.

Tremezzo

Tremezzo è un borgo nel comune di Tremezzina, in provincia di Como. Il nome di questo borgo deriva dalla posizione geografica centrale, a metà strada tra la Pianura Padana e il valico del Canton Grigioni.

A Tremezzo sul lago di Como vi sono verde, acqua e pietra. Quattro sono i piccoli borghi interessanti disseminati sul territorio comunale, di cui uno sul lago (Bolvedro) e gli altri tre in collina (Rogaro, Volesio e Balogno). Sono presenti dimore settecentesche fra cui la celebre villa Carlotta, parchi e giardini rigogliosi.

Nel Settecento si diffusero qui i parchi "all'italiana", ossia collezioni di piante esotiche fatte arrivare da ogni capo del mondo. I palazzi, le ville, l'odore del lago, le luci: ci si sente approdati ad un nord dolce, mediterraneo, dove crescono anche ulivo, vite e i limoni.

Disclaimer: alcuni luoghi e attrazioni citati nell'articolo potrebbero essere chiusi o aver subito variazione d'orario per l'emergenza Covid-19. Consultare sempre i siti di riferimento per verificare prima di mettersi in viaggio con i bambini. Il nostro intento è quello di svelare luoghi nascosti dell'Italia, borghi e località sconosciute per viaggiare in prossimità quando si potrà farlo con maggiore leggerezza. Per questo continueremo a dare dei consigli in merito alle famiglie che non vedono l'ora di ricominciare!

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli