Viaggi in famiglia

Puglia, itinerario con i bambini

Di Ettore Pettinaroli
29 Aprile 2014 | Aggiornato il 05 Marzo 2016
Il compito delle vacanze più difficile, per i genitori, è quello di allontanare anche solo per qualche ora i bambini dalla spiaggia. I piccoli hanno le loro ragioni: dopo avere atteso tutto l'anno questo momento perché rinunciarvi? Di buone ragioni la Puglia ne regala a manciate, soprattutto nella sua parte centro-meridionale. E non sono neppure difficili da trovare.
Facebook Twitter More
alberobello.jpg

Alberobello

Sembrano le case dei puffi, tutte bianche e ricoperte da una sorta di cono di pietra rovesciato. Sono i Trulli, le abitazioni tradizionali della zona di Alberobello (Ba) e sono così particolari e importanti da essere stati inseriti dall'Unesco nel Patrimonio dell'umanità. Ce ne sono ancora tantissimi, più di mille, fino a formare interi quartieri, ma non sono mai molto antichi. Infatti poiché sono piuttosto semplici e veloci da costruire, così quando si rovinavano gli abitanti preferivano smontarli ricostruirli nello stesso modo e con le stesse pietre. Il più bello, e anche l'unico a due piani, è il Trullo Sovrano, del XVIII secolo. Ad appena15 chilometri di distanza le emozioni continuano sottoterra. Le Grotte di Castellana le più grandi e spettacolari d'Italia e sono anche comode da visitare perché i percorsi sotterranei non sono mai troppo lunghi (da uno a tre chilometri) o scoscesi. Le guide poi si divertono a meravigliare i visitatori più piccoli, scatenando la loro fantasia e mostrando le concrezioni dalle forme più sorprendenti formate dall'acqua calcarea nel corso di milioni di anni. Chi trova per primo la civetta o la lupa? Assolutamente da scegliere l'itinerario che porta fino alla Grotta Bianca: per la ricchezza e il biancore dell’alabastro, è stata definita la caverna più splendente del mondo. Eppure si trova 70 metri sottoterra.

lecce_anfiteatro.jpg

Lecce

Che cosa sono tutte quelle statue di solenni personaggi, quegli animali animali e quei fiori scolpiti nella pietra, tutti quei fregi dalle forme più strane e fantasiose tanto numerosi che confondono la vista sulle facciate di chiese e palazzi? E' bello e spiegare ai piccoli che il Barocco a Lecce ha raggiunto vertici espressivi assoluti, e che tutte quelle preziose decorazioni sono la prova dell'ingegno e della bravura degli scalpellini della città. Certo, puoi anche rivelare che la Pietra leccese, definita anche “marmo povero”, è malleabile e tutto sommato facile da lavorare. Ma occorreva essere ugualmente bravi per ottenere quei risultati fantastici. E serviva tanto tempo. Pensa che per completare la Basilica di Santa Croce servirono più di tre secoli, anche perché a un certo punto erano finiti i soldi per costruirla. Anche il Duomo lascia a bocca aperta: all'esterno per la ricchezza delle statue e dei fregi decorativi, all'interno per il monumentale organo con ben 3205 canne. Sapete che l'architetto Giuseppe Zimbalo, colui che progettò il Duomo era soprannominato “Lo zingarello”? Ed era così super che lo copiavano tutti. Un vero primo della classe! A Lecce, però, sono bravissimi in tante altre forme artistiche artigianali, dalla ceramica al ferro battuto, dal giunco al cuoio. Un centinaio di botteghe artigiane ha dato vita alla Mostra Permanente dell’Artigianato Salentino, un imperdibile e curioso punto di riferimento per ogni gita in città. Tutto qui piace e incuriosisce. Ma la più bella sorpresa sono i presepi e le statuine fatte con la cartapesta. Sapevate che ha Lecce questa lavorazione è considerata un'arte e che vengono persone da tutto il mondo per impararla o per acquistare manufatti sempre originali direttamente nelle botteghe degli artigiani della città? Lasciate libero uno spazio nel presepio di casa vostra. Il prossimo dicembre ci saranno anche le statuine che ricorderanno una vacanza speciale.

frantoio_ipogeo.jpg

Frantoi ipogei

Sapete che nel Leccese l'olio nasceva sottoterra? I frantoi ipogei scavati anche 5 metri sotto il livello del suolo servivano per riparare le olive dagli sbalzi di temperatura ma anche per nascondersi dai malintenzionati. Il meglio conservato è il Frantoio Caffa di Vernole (www.prolocovernole.it ), a 15 km da Lecce.

gallipoli.jpg

Gallipoli

Negli ultimi anni è diventata di moda, così d'estate c'è sempre tanta gente. Ma non fa nulla, anzi è ancora più divertente avventurarsi in mezzo alla folla tra le viuzze del Borgo antico: sembra di essere tornati nel tempo in cui tutto si svolgeva sull'isoletta di poco più di un kmq sulla quale è sorta la cittadina. Oggi quell'isola è collegata alla terraferma da un comodo ponte asfaltato, raggiungerla non è faticoso e neppure pericoloso. Una volta era tutto diverso, eserciti e pirati erano attratti come una calamita dalla “città bella”, ma conquistarla era difficilissimo per via delle solide mura difensive dominate dal Castello Angioino e dal possente Rivellino completamente circondato dal mare. Provate a salire proprio sul Rivellino (d'estate vi proiettano anche film all'aperto): vi trasmetterà una piacevole impressione di invincibilità. Cannoni e catapulte non ci sono più, ma dalla Torre e dalle postazioni difensive si può guardare lontano. Se avvistate imbarcazioni nemiche, date subito l'allarme. Poi, dopo una meritata granita in uno dei tanti locali dell'isoletta, e una foto ricordo accanto alla Fontana Greca con grandi bassorilievi dedicati a personaggi della mitologia, si va in spiaggia. La più adatta alle famiglie è quella di Lido San Giovanni, due chilometri a sud della città, con i fondali che digradano dolcemente nel Mar Jonio.

santamaria_leuca.jpg

Santa Maria di Leuca

Ammirare lo spettacolo di due mari che si incontrano (in questo caso lo Ionio e l'Adriatico) è uno spettacolo. Le acque che si uniscono hanno colori diversi a causa delle correnti e delle temperature, ma poi si mescolano e si confondono come in uno enorme miscelatore E vai a indovinare da dove arrivano. Lo show va in scena a Santa Maria di Leuca, il paese all'estremità meridionale del Tacco d'Italia. Lo si osserva dall'alto delle scogliere, magari vicino al Faro che da secoli indica la giusta rotta ai marinai i marinai. Pensate su questo tratto di costa sbarcò anche San Pietro diretto a Roma dove sarebbe diventato il primo papa della Chiesa cattolica. Accanto al faro si trova anche la Basilica Santa Maria de Finibus Terrae: come dire, il mondo inizia e finsice qui. Che questo sia un posto speciale lo dimostrano anche le decine di ville ottocentesche sparse nel paese e nelle immediate vicinanze. Alcune sono un po' malconce, ma anche loro raccontano di una storia piena di feste e ospiti illustri. Proprio come accade oggi. Le spiagge più belle e adatte ai bimbi sono quelle di Posto Vecchio e Pescoluse e quella di Marina di Felloniche. Però non vale la pena impigrirsi sulla sabbia. Meglio andare al porticciolo e salire su uno dei barconi che effettuano il tour delle grotte. Ce ne sono più di 30 scavate nelle scogliere vicino al santa Maria di Leuca. Alcune sono meravigliose come la Grotta Porcinara, con tre grandi sale, la Grotta del Diavolo chiamata così per il rimbombo delle acque che ricorda la “voce” del demonio, la Grotta dei Giganti dove secondo la leggenda sono sepolti i cadaveri dei giganti uccisi da Ercole libico.

Alberobello

Sembrano le case dei puffi, tutte bianche e ricoperte da una sorta di cono di pietra rovesciato. Sono i Trulli, le abitazioni tradizionali della zona di Alberobello (Ba) e sono così particolari e importanti da essere stati inseriti dall'Unesco nel Patrimonio dell'umanità. Ce ne sono ancora tantissimi, più di mille, fino a formare interi quartieri, ma non sono mai molto antichi. Infatti poiché sono piuttosto semplici e veloci da costruire, così quando si rovinavano gli abitanti preferivano smontarli ricostruirli nello stesso modo e con le stesse pietre. Il più bello, e anche l'unico a due piani, è il Trullo Sovrano, del XVIII secolo. Ad appena15 chilometri di distanza le emozioni continuano sottoterra. Le Grotte di Castellana le più grandi e spettacolari d'Italia e sono anche comode da visitare perché i percorsi sotterranei non sono mai troppo lunghi (da uno a tre chilometri) o scoscesi. Le guide poi si divertono a meravigliare i visitatori più piccoli, scatenando la loro fantasia e mostrando le concrezioni dalle forme più sorprendenti formate dall'acqua calcarea nel corso di milioni di anni. Chi trova per primo la civetta o la lupa? Assolutamente da scegliere l'itinerario che porta fino alla Grotta Bianca: per la ricchezza e il biancore dell’alabastro, è stata definita la caverna più splendente del mondo. Eppure si trova 70 metri sottoterra.
Facebook Twitter More