I consigli dell'esperto

Spiagge a misura di bambino

spiaggia_a_misura_di_bambino
08 Luglio 2013
Le spiagge più indicate per i bambini sono quelle di sabbia dove possono camminare in libertà e sviluppare nel modo corretto l'arco plantare. Inoltre sarebbe meglio scegliere luoghi di vacanza dove il fondale è basso e degrada dolcemente per parecchi metri dal bagnoasciuga
Facebook Twitter Google Plus More

La spiaggi adatta ai bambini è di sabbia, con un fondale basso che degrada dolcemente fino a parecchi metri dal bagnasciuga e anche se libera, possibilmente sorvegliata da un bagnino, presenza rassicurante in caso di un piccolo malore o di uno spavento.

LEGGI ANCHE LE SPIAGGE PIU' BELLE PER I BAMBINI

I consigli per i genitori ancora in cerca di un luogo di mare adatto ai loro piccoli, arrivano da Giuseppe Di Mauro, presidente della Sipps, Società italiana di pediatria preventiva e sociale.

“Le spiagge sassose sono spesso caratterizzate da fondali mozzafiatotuttavia, potendo scegliere, per i bambini sono più indicate quelle di sabbia. Le piante dei piedi dei piccoli, infatti, sono morbide e delicate e le sporgenze dei sassi possono infastidire e costringere a indossare apposite scarpine in gomma", sottolinea il pediatra.

Per camminare il libertà invece, il piedino ha bisogno di essere nudo, di poggiare senza costrizioni su una superficie morbida e confortevole che favorisce lo sviluppo corretto dell'arco plantare e contrasta malformazioni come il piede piatto. Appoggiare sulla sabbia il piede nudo trasmette inoltre al bimbo piacevoli emozioni e sensazioni, stimolando il tatto”.

TI POTREBBE INTERESSARE 25 IDEE VACANZE PER LA FAMIGLIA E LA SEZIONE BIMBI IN VIAGGIO

“I bambini, fino a sei anni almeno, durante il bagno in mare dovrebbero essere sempre accompagnati da un adulto in grado di nuotare, anche se sono a riva- sottolinea inoltre il presidente Sipps- poter contare su un fondale basso, che degrada dolcemente fino a parecchi metri dal bagnasciuga, è una sicurezza in più.

Il non toccare più, come avviene in certi mari improvvisamente profondi, può infatti spaventare il bambino, soprattutto se è alle prime armi con il nuoto”.

“Con i bambini piccoli sarebbe opportuno scegliere una spiaggia sorvegliata, che possa contare, cioe', sulla presenza di un guardaspiaggia- è un altro dei consigli- può sempre capitare infatti di aver necessità di essere tratti fuori velocemente dall'acqua, per un lieve malessere oppure semplicemente per un piccolo spavento, perché magari il piccolo non è ancora in grado di nuotare. In Italia la presenza del guardaspiaggia è sempre legata allo stabilimento balneare privato, mentre all'estero (soprattutto nelle spiagge francesi) sono spesso sorvegliati anche i tratti di mare libero”.

Ben venga, poi, una spiaggia in cui si possa praticare attività fisica a misura di bimbo, il baby- gym come quello proposto, ad esempio, dallo stabilimento Marano Beach di Riccione, inaugurato di recente e dove è anche possibile usufruire di tutta un'altra serie di servizi legati all'infanzia. Per godersi la vacanza, in qualunque posto ci si trovi, è essenziale in ogni caso secondo l'esperto non venire mai meno alle regole igieniche di base (ad esempio lavando spesso il bambino con l'acqua dolce della doccia o di un rubinetto) far fare al piccolo degli spuntini sani e leggeri e incitarlo a bere acqua.

LEGGI ANCHE DECALOGO DEI BAMBINI AL SOLE E COME EVITARE IL RISCHIO CONGESTIONE

NEL FORUM I CONSIGLI DELLE MAMME SULLE VACANZE CON I BAMBINI