Nostrofiglio

Bimbi in viaggio

Viaggiare con un bambino piccolo, 16 cose che servono davvero

cur-is09aa6jp

05 Dicembre 2014 | Aggiornato il 29 Giugno 2017
Dagli scontatissimi pannolini al marsupio portabebè al lettino da viaggio. E, ancora, tessera sanitaria e tachipirina. Lisa Stadnyk-Webb, mamma viaggiatrice canadese, ha stilato una lista di tutto ciò che è davvero fondamentale portare quando si viaggia con un bebè al seguito
 

Facebook Twitter Google Plus More

Viaggiare con un bebè, le mamme lo sanno, è un’esperienza che non manca mai di provocare grattacapi: avrò preso tutto? Creme-cremine-latte-biberon-pannolini-ciuccio-salviettine-omogeneizzati-pappe… Mi sarò dimenticata qualcosa? Sembra di no, ma poi, proprio quando serve, si scopre di aver lasciato a casa l’indispensabile. E

 

cco allora che una mamma viaggiatrice, la canadese Lisa Stadnyk-Webb, stila una lista di tutto ciò che è davvero fondamentale portare con sé quando si viaggia con un poppante al seguito. E lei ne sa qualcosa: instancabile viaggiatrice, sempre avanti e indietro tra Europa e America, è anche l’autrice del blog di viaggi CanadianExpatMom.com. (Leggi anche Vacanze con i bambini, prepariamo la valigia)

 

1), 2) e 3) Pannolini, salviettine e vestiti di ricambio

Non varrebbe nemmeno la pena ricordarle, se non fosse che spesso sono quelle che si dimenticano con più facilità. Quindi bisogna ricordare di mettere in valigia pannolini, salviettine e vestiti di ricambio. Pannolini e vestiti, in quantità sufficiente per il viaggio (ma è sempre meglio abbondare).

 

Per le salviettine, meglio una confezione extra: fuori casa le userete non solo per pulire il bebè ma anche per lavarvi le mani, per pulire la panchina sulla quale vi sedete, il tavolino sul quale mangiate, la maglietta sulla quale il piccolo vi ha vomitato… (Guarda anche Vacanze con i bambini, i consigli dei pediatri)

 

4) Il passeggino (o carrozzina)

Ovviamente vi servirà, ma lo stesso passeggino non va bene ovunque. Se viaggiate in America, terra di vasti spazi dove l’utilitaria è sconosciuta e si va in giro col pick-up, anche il passeggino segue questa tendenza e potete usarne uno enorme e superaccessoriato. In Europa, invece, cambia tutto: di rigore il modello “a ombrello”, che si chiude facilmente e pesa poco. E se scegliete la vacanza-avventura, procuratevi un passeggino con ruote adatte: passeggiare su prati e strade sterrate con ruotine di plastica da 10 centimetri di diametro vi può far desiderare di gettare il passeggino alle ortiche. (Guarda 10 passeggini per tutte le esigenze)

 

5) Un marsupio portabebè

Quando si è in viaggio risulta molto comodo per avere sempre il piccolo con voi e, al tempo stesso, avere le mani libere. (Leggi anche Fasce e marsupi per portare il bambino, i pro e i contro)

 

6) Buste di plastica

Non dimenticate di farne scorta, magari di quelle lussuose con la chiusura a zip: in viaggio non bastano mai, e servono per tutto (vestiti sporchi, vestiti puliti, cambio rapido con un pannolino, un abitino e salviettine, merendine, giocattoli per il piccolo…). (Potrebbe interessarti Vacanze con i bambini al mare o in montagna, )

 

7) Un materassino per il cambio del pannolino

 

Nei locali pubblici (bar, ristoranti, fast food) difficilmente si trova una nursery: c’è solo nei posti più attrezzati. E così spesso ci si trova a dover cambiare pannolino al piccolo appoggiandolo dove capita, dalla tavoletta chiusa del wc alla panchina al parco. Meglio attrezzarsi, quindi, e dotarsi di un materassino per il cambio del pannolino: ce ne sono di leggerissimi e pieghevoli, che occupano poco spazio e tornano sempre utili.

 

8) Un seggiolone portatile

Stesso discorso per il seggiolone: non è disponibile ovunque, e cenare con il bebè in braccio non è il massimo della comodità. La soluzione sono i seggioloni portatili: ne esistono diversi in tela che si adattano a qualsiasi sedia (i più comodi sono quelli che si infilano sullo schienale e terminano in un sacco con due buchi per le gambe) e sorreggono il piccolo, e in borsa occupano pochissimo spazio.

 

9) Detersivo per i piatti, 10) spazzolino per biberon

Meglio mettere in valigia anche un flacone di detersivo per i piatti e uno spazzolino per biberon, che servono sempre: si trovano ovunque, certo, ma se li avete già in valigia eviterete di perdere tempo per cercarli.

 

11) Pastiglie sterilizzanti

Per sterilizzare ciucci e biberon, poi, la soluzione più semplice è portarsi un contenitore in plastica di quelli che si usano per riporre i cibi in frigorifero e una scorta di pastiglie sterilizzanti.

 

12) Bavaglino con le maniche

Se poi il piccolo è già nella fase pappe, il consiglio è quello di dotarsi di un bavaglino con le maniche in plastica: quando non avete una lavatrice a portata di mano, farglielo indossare salva la vita (e la vacanza).

 

13) Tessera sanitaria, 14) tessera vaccinale e 15) tachipirina

Se andate all’estero, non bisogna dimenticare la tessera sanitaria del piccolo e la tessera vaccinale, ed è meglio portare anche una confezione di tachipirina, caso mai dovesse servire. Certo, esiste in tutto il mondo: ma voi lo sapete dire tachipirina in tedesco, in spagnolo, in francese, in inglese? (Leggi anche Primo soccorso in vacanza)

 

16) Un lettino da viaggio

Se a destinazione non siete certi che ve lo forniscano, è il caso di pensare a un lettino da viaggio, di quelli pieghevoli, in modo da non dover passare la vacanza dormendo su un fianco per far spazio al bebè nel vostro letto.

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA: 32 OGGETTI DI CUI I GENITORI NON POSSONO PIU' FARE A MENO