Bonus e agevolazioni

Bonus 2016: tutti gli aiuti per le famiglie a basso reddito

famiglienumerose
02 Marzo 2016
Quali sono i bonus e le agevolazioni previste nel 2016 per aiutare le famiglie a basso reddito ISEE? Tra questi, riduzione delle bollette di casa, esenzione di tasse e bonus bebè.
Facebook Twitter More

In Italia nel 2016 sono previsti degli aiuti per le famiglie a basso reddito? Sì.

Abbiamo riassunto i più importanti bonus e le agevolazioni previste per chi ha un ISEE basso.

 

Bonus bebè 2016: doppio per le famiglie a basso reddito

Consiste in un assegno di 80 euro al mese (960,00 euro all'anno) per ciascun figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 per la durata massima di 3 anni di età.  

A chi spetta. L'assegno è partito dall'1 gennaio 2015 per le neomamme e famiglie adottive con ISEE sotto i 25mila euro. In particolare per le famiglie a basso reddito (fino a 7mila euro) l'importo dell'assegno raddoppia e da 80 diventa 160 euro. Per maggiori info: bonus bebè 2016

 

Carta acquisti per chi ha bimbi con meno di 3 anni:

è disponibile anche per il 2016 una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento di bollette di luce e gas.

La Carta vale 40 euro al mese e viene caricata ogni due mesi di 80 euro. 

I requisiti: viene data agli anziani con più di 65 anni d'età o i bimbi con meno di tre anni (il titolare sarà quindi uno dei genitori) a determinate condizioni. In particolare, l'ISEE deve essere inferiore a 6.788,61 euro. (Leggi sul sito del Ministro dell'economia tutte le condizioni per famiglie con bimbi a carico). Per maggiori info e per sapere come si ottiene e scaricare la modulistica, mef.gov.it 

 

Sconti sulle bollette di casa: 

sono agevolazioni fiscali previste per le famiglie a basso reddito che prevedono una riduzione o sconto in bolletta. I bonus confermati anche per il prossimo anno sono: bonus luce e gas e bonus acqua. 

Il limite di reddito ISEE per accedere al contributo è pari a 7.500 euro e non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose con più di 3 figli a carico. Informazioni sul sito Anci

Il bonus acqua va richiesto in base alle specifiche di ogni Comune. 

 

Riduzione del 50% del canone telefonico:

 per le famiglie a basso reddito è possibile richiedere sconti sul canone telefonico Telecom.

A chi spetta. Abbonamento mensile ridotto al 50% per chi ha un reddito familiare non superiore a 6.713,94 € e con una persona a l'interno del nucleo famigliare titolare di pensione di invalidità civile o assegno sociale, oppure, con più di 75 anni o se il capo famiglia è disoccupato. 

 

Esenzione/riduzione tassa sui rifiuti:

 le regioni possono stabilire chi ha diritto ad avere la riduzione o esenzione della tassa sui rifiuti, la nuova TARI. Ciascuna regione può decidere se e quando prevedere di bonus, il limite di reddito e la composizione del nucleo familiare. Per cui, per sapere come richiedere lo sconto in bolletta è necessario verificare al CAF e al proprio Comune le modalità di erogazione dell'eventuale agevolazione. 

 

Spese detraibili affitto: 

è un'agevolazione che consente di detrarre dalla dichiarazione dei redditi con modello 730 o Unico per le spese di locazione dell'abitazione principale.

A chi spetta. Tale detrazione spese affitto famiglie a reddito basso consiste nel poter scaricare dalle tasse 300 euro per chi ha un reddito complessivo fino a 15.493,71 euro e 150 euro per chi è tra i 15.493,71 euro e 30.987,41 euro.

 

Esenzione ticket 2016

: riconosciuta ai cittadini per basso reddito, gravidanza, patologie croniche, tumori, invalidità, diagnosi precoce dei tumori e test HIV. Per verificare requisiti e modalità, consultare il sito del Ministero della Salute o il sito del Comune di residenza a Asl.

 

Bonus libri:

 è un'agevolazione per l'acquisto del materiale scolastico e di libri per famiglie a basso reddito con figli che frequentano le scuole dell'obbligo. Tale beneficio, è erogato e fissato su base regionale, per ci ogni Regione delibera ogni anno quali sono le condizioni e i requisiti di accesso da parte delle famiglie e soprattutto il limite di reddito ISEE. La cosa migliore è verificare che cosa prevede la propria regione. 

Come richiederla. Per presentare richiesta occorre possedere i requisiti previsti dal proprio Comune, in particolare il limite di reddito ISEE.

 

Per approfondire e conoscere tutti i bonus per le famiglie previsti nel 2016